Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19235 del 15/09/2020

Cassazione civile sez. VI, 15/09/2020, (ud. 08/07/2020, dep. 15/09/2020), n.19235

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MOCCI Mauro – Presidente –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – rel. Consigliere –

Dott. CAPRIOLI Maura – Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3280-2019 proposto da:

ADER – AGENZIA DELLE ENTRATE RISCOSSIONE (OMISSIS), in persona del

Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la

rappresenta e difende ope legis;

– ricorrente –

contro

CONSORZIO DI BONIFICA TIRRENO CATANZARESE;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1403/1/2018 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di REGGIO CALABRIA, depositata il 12/06/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 08/07/2020 dal Consigliere Relatore Dott. CONTI

ROBERTO GIOVANNI.

 

Fatto

FATTI E RAGIONI DELLA DECISIONE

L’Agenzia delle entrate Riscossione ha proposto ricorso per cassazione, affidato ad un motivo, contro il Consorzio di Bonifica Tirreno Catanzarese, impugnando la sentenza della CTR Calabria indicata in epigrafe che, nel rigettare l’appello dell’Agenzia delle entrate Riscossione, riteneva inutilizzabili i documenti prodotti tardivamente in primo grado dall’Agenzia, non risultando che gli stessi fossero stati allegati al fascicolo di secondo grado.

La parte intimata non si è costituita.

Con l’unico motivo proposto la ricorrente prospetta la violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 24, art. 25 comma 2, artt. 32 e 58. La CTR avrebbe errato nell’escludere l’utilizzabilità in fase di gravame dei documenti prodotti tardivamente in primo grado.

La censura è fondata.

Ed invero, questa Corte ha già avuto modo di chiarire che in tema di contenzioso tributario, la produzione di nuovi documenti in appello, sebbene consentita D.Lgs. n. 546 del 1992 ex art. 58, deve avvenire, ai sensi dello stesso decreto, art. 32, entro venti giorni liberi antecedenti l’udienza: tuttavia, l’inosservanza di detto termine è sanata ove il documento sia stato già depositato, benchè irritualmente, nel giudizio di primo grado, poichè nel processo tributario i fascicoli di parte restano inseriti in modo definitivo nel fascicolo d’ufficio sino al passaggio in giudicato della sentenza, senza che le parti abbiano la possibilità di ritirarli, con la conseguenza che la documentazione ivi prodotta è acquisita automaticamente e “ritualmente” nel giudizio di impugnazione – cfr. Cass. n. 5429/2018-.

Analogamente, Cass. n. 6652/2018 ha ritenuto che in tema di appello nel processo tributario, il documento contenente la delega di firma del sottoscrittore dell’atto di accertamento impugnato, che sia stato prodotto, ancorchè tardivamente, nel giudizio di primo grado, deve ritenersi acquisito automaticamente e ritualmente in quello di gravame, anche se depositato oltre il termine previsto dal D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 32, atteso che – sebbene le modalità di produzione non corrispondano a quelle previste dalla legge – il documento era stato già messo a disposizione della controparte, ai fini dell’esercizio del diritto di difesa da parte della stessa, mediante l’inserimento nel fascicolo di primo grado che, ai sensi del detto decreto, art. 25, comma 2, resta inserito in modo definitivo in quello d’ufficio e può essere restituito solo dopo il passaggio in giudicato della decisione.

A tali principi non si è affatto uniformato il giudice di merito che ha escluso di potere esaminare i documenti tardivamente prodotti in primo grado dall’Agenzia Riscossione, escludendo che gli stessi potessero essere esaminati sulla base dell’erroneo convincimento che detti documenti sarebbero dovuti formalmente confluire nel fascicolo di appello. Evenienza, come si è visto, esclusa dalla giurisprudenza di questa Corte.

Sulla base di tali considerazioni, in accoglimento del ricorso, la sentenza impugnata va cassata, con rinvio ad altra sezione della CTR Calabria, anche per la liquidazione delle spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia ad altra sezione della CTR Calabria anche per la liquidazione delle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 8 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 15 settembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA