Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19218 del 21/09/2011

Cassazione civile sez. II, 21/09/2011, (ud. 23/06/2011, dep. 21/09/2011), n.19218

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIOLA Roberto Michele – Presidente –

Dott. MAZZIOTTI DI CELSO Lucio – Consigliere –

Dott. PROTO Cesare Antonio – rel. Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 24036/2005 proposto da:

GABER PALI SNC P.I. (OMISSIS) in persona del legale

rappresentante e Amministratore G.R., elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA DI TOR SAPIENZA 98, presso lo studio

dell’avvocato CUNICELLA ANTONIO, rappresentato e difeso dall’avvocato

BRACONE Andrea;

– ricorrente –

contro

D.P.A., D.P.S., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA GIOVANNI NICOTERA 29, presso lo studio dell’avvocato PIRANI

Giorgio, che li rappresenta e difende;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 621/2004 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 02/09/2004;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

23/06/2011 dal Consigliere Dott. CESARE ANTONIO PROTO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CENICCOLA Raffaele, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

PREMESSO IN FATTO

– che Gaber Pali s.n.c. otteneva dal Pretore di Vasto e nei confronti dei fratelli D.P., decreto ingiuntivo per la somma di L. 19.240.000 quale prezzo dovuto per l’esecuzione di lavori di palificazione;

i fratelli D.P. proponevano tempestiva opposizione chiedendo la revoca del decreto ingiuntivo e il rigetto della pretesa creditoria;

assumevano di non avere commissionato i lavori di palificazione, ordinati, invece dal direttore dei lavori senza alcun avviso ad essi proprietari; assumevano, inoltre, di avere subito ingenti danni; in via subordinata, chiedevano la compensazione tra l’eventuale credito della società e il loro controcredito risarcitorio;

– che con sentenza del 7/5/2001 il Tribunale di Vasto accoglieva l’opposizione e revocava il decreto ingiuntivo;

– che a seguito di appello della Gaber Pali s.n.c., al quale resistevano gli appellati, la Corte di Appello dell’Aquila con sentenza 2/9/2004 dichiarava inammissibile l’appello;

che Gaber Pali propone ricorso per Cassazione fondato su due motivi e resistono con controricorso A. e D.P.S. i quali chiedono la condanna della ricorrente al risarcimento dei danni da responsabilità processuale aggravata per manifesta infondatezza, temerarietà e dilatorietà del ricorso.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

– che la ricorrente, con la procura speciale a margine del ricorso, ha eletto domicilio in Roma, Via dei Berio 50, presso lo studio dell’avv. Antonio Cunicella;

che, tuttavia, l’avviso di udienza ex art. 377 c.p.c. è stato notificato ad altro indirizzo (via Tor di Sapienza 78) e non è andato a buon fine;

che neppure risultano effettuate le notifiche in cancelleria previste per il caso di mancata elezione di domicilio;

– che pertanto, la causa deve essere rinviata a nuovo ruolo per irritualità della notifica dell’avviso di udienza al difensore della ricorrente.

P.Q.M.

La Corte rinvia la causa a nuovo ruolo per irritualità della notifica dell’avviso di udienza al difensore della ricorrente.

Così deciso in Roma, il 23 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 21 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA