Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19206 del 15/09/2020

Cassazione civile sez. VI, 15/09/2020, (ud. 03/06/2020, dep. 15/09/2020), n.19206

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. COSENTINO Antonello – Presidente –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere –

Dott. GIANNACCARI Rossana – Consigliere –

Dott. DONGIACOMO Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18901-2019 proposto da:

C.G., rappresentato e difeso dall’Avvocato SERGIO

MENCHINI, dall’Avvocato NICCOLO’ PISANESCHI e dall’Avvocato PAOLO

LUCARELLI, presso il cui studio a Roma, via del Consolato 6,

elettivamente domicilia, per procura speciale in calce al ricorso

per cassazione n. r.g. 27685/2016;

– ricorrente –

contro

COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA’ E LA BORSA – CONSOB;

– intimato –

avverso la SENTENZA n. 4099/2019 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE,

depositata il 12/2/2019;

udita la relazione della causa svolta dal Consigliere DONGIACOMO

GIUSEPPE nella camera di consiglio non partecipata del 3/6/2020.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

letto il ricorso con il quale C.G. ha chiesto, a norma degli artt. 391 bis e 287 c.p.c., la correzione dell’errore materiale contenuto nella sentenza in epigrafe;

ritenuto che, in effetti, la sentenza pronunciata da questa Corte in data 12/2/2019, n. 4099/2019, lì dove non indica, tra i ricorrenti, ” C.G.”, contiene un errore materiale, che deve essere, come tale, corretto, risultando evidente che la Corte, pronunciando su un ricorso proposto, oltre che da R.E., B.F., P.A. e da M.A., anche da C.G., intendeva, in realtà, riferirsi anche a quest’ultimo;

considerato che nulla deve provvedere in ordine alle spese del giudizio: nel procedimento di correzione degli errori materiali di cui all’art. 287 c.p.c., infatti, non è ammessa alcuna pronuncia sulle spese processuali, in quanto la natura ordinatoria e sostanzialmente amministrativa del provvedimento che accoglie o rigetta l’istanza di correzione non consente di riconoscere la presenza dei presupposti richiesti dall’art. 91 c.p.c., che si riferiscono ad un procedimento contenzioso idoneo a determinare una posizione di soccombenza (cfr. Cass. n. 28610 del 2019);

letti gli artt. 391 bis e 287 c.p.c..

P.Q.M.

la Corte così provvede: dispone la correzione dell’errore materiale contenuto nella sentenza pronunciata da questa Corte in data 12/2/2019, n. 4099/2019, lì dove non fa alcun riferimento, tra i ricorrenti, a ” C.G.”.

Manda alla cancelleria per i provvedimenti di rito.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sesta Sezione Civile – 2, il 3 giugno 2020.

Depositato in Cancelleria il 15 settembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA