Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 192 del 11/01/2010

Cassazione civile sez. lav., 11/01/2010, (ud. 16/10/2009, dep. 11/01/2010), n.192

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – rel. Presidente –

Dott. LAMORGESE Antonio – Consigliere –

Dott. D’AGOSTINO Giancarlo – Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 25722-2008 proposto da:

C.M.A., elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA DEI GRACCHI 209, presso lo studio degli avvocati BUZZI ALBERTO e

PELLICCIONI PATRIZIA, che lo rappresentano e difendono, giusta

procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

RETE FERROVIARIA ITALIANA SPA (già Ferrovie dello Stato – Società

di Trasporti e Servizi) così mutata la precedente denominazione

sociale, in persona dell’Institore, Società con socio unico,

soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Ferrovie dello

Stato, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DI RIPETTA 22, presso

lo Studio Legale GERARDO VESCI & PARTNERS, rappresentata e

difesa

dall’avv. VESCI GERARDO, giusta delega a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 5229/2007 della CORTE D’APPELLO di ROMA del

27.6.07, depositata il 06/11/2007;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

16/10/2009 dal Presidente e Relatore Dott. BRUNO BATTIMIELLO;

udito per la controricorrente l’Avvocato Nicolo Schittone (per delega

avv. Gerardo Vesci) che deposita atto di rinuncia con accettazione.

E’ presente il P.G. in persona del Dott. MASSIMO FEDELI che ha

concluso per l’estinzione del ricorso per rinuncia.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

C.M.A. è stato licenziato da Rete Ferroviaria Italiana s.p.a. in esito ad una procedura di licenziamenti collettivi per riduzione del personale, ai sensi della L. n. 223 del 1991.

La domanda di risarcimento danni, fondata sulla illegittimità del licenziamento, e stata rigettata dal Tribunale del lavoro di Roma, con pronuncia confermata dalla Corte d’appello di Roma con sentenza n. 5229/2007 depositata il 6.11.2007. Entrambi gli organi giudicanti hanno affermato che la illegittimità del recesso datoriale, premessa necessaria per l’esame della domanda risarcitoria, non poteva essere conosciuta dal giudice perchè il licenziamento non era stato impugnato nei termini.

Avverso questa decisione C.M.A. ricorre per cassazione.

R.F.I. s.p.a. resiste con controricorso.

A seguito di relazione ex art. 380 bis c.p.c. è stata fissata l’adunanza della Corte per la decisione del ricorso in camera di consiglio.

Successivamente il ricorrente ha depositato atto di rinuncia al ricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo il ricorrente, richiamando una risalente giurisprudenza di legittimità (Cass. n. 817/1985, n. 5532/1987, n. 1757/1999), afferma che egli aveva esercitato l’ordinaria azione risarcitoria per inadempimento contrattuale di cui agli artt. 1218 e 1223 c.c., la quale non è sottoposta alla condizione della impugnativa del licenziamento prevista dal la L. n. 300 del 1970, art. 18.

Il ricorrente ha depositato atto di rinuncia al ricorso, sottoscritto da lui stesso e dai suoi difensori. Detto atto di rinuncia è stato notificato a Rete Ferroviaria Italiana s.p.a. presso il suo difensore in data 29 settembre 2009.

Il ricorso va pertanto dichiarato estinto.

Stimasi di giustizia compensare le spese.

PQM

La Corte dichiara estinto il giudizio per rinuncia al ricorso.

Compensa te spese.

Così deciso in Roma, il 16 ottobre 2009.

Depositato in Cancelleria il 11 gennaio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA