Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19194 del 21/09/2011

Cassazione civile sez. II, 21/09/2011, (ud. 09/06/2011, dep. 21/09/2011), n.19194

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. PARZIALE Ippolisto – rel. Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

Dott. CARRATO Aldo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 7215-2008 proposto da:

F.S., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE

GIUSEPPE MAZZINI 13, presso lo studio dell’avvocato PARLATORE ANDREA,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato TOTOLO MONICA,

giusta revoca e conferimento nuova procura speciale ad litem, per

atto notaio Marzia Krieg di Costigliole d’Asti in data 23.5.2011, n.

rep. 34081 in atti;

– ricorrente –

contro

B.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA PIERLUIGI DA

PALESTRINA 63, presso lo studio dell’avvocato CONTALDI MARIO, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato RABINO ENRICO, giusta

delega a margine del controricorso;

– controricorrente –

e contro

C.M. (già titolare di Sintagma Editrice Marco Civra);

– intimato –

avverso la sentenza n. 68/2007 della CORTE D’APPELLO di TORINO del

7.6.06, depositata il 15/01/2007;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

09/06/2011 dal Consigliere Relatore Dott. IPPOLISTO PARZIALE;

udito per il ricorrente l’Avvocato Monica Totolo che si riporta agli

scritti.

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. MAURIZIO

VELARDI che nulla osserva rispetto alla relazione scritta.

Fatto

FATTO E DIRITTO

1. – Parte ricorrente, F.S., impugna la sentenza n. 68 del 2007 della Corte d’appello di Torino, che accoglieva parzialmente l’appello proposto da B.G. avverso la sentenza del Tribunale di Tonno n. 5091 del 2003.

2. – C.M., titolare della editrice SINTAGMA, aveva chiesto un decreto ingiuntivo per il pagamento del corrispettivo di Euro 4186,56 per la realizzazione e stampa di materiale elettorale nei confronti dell’architetto B.G.. Questi si opponeva chiedendo il rigetto della domanda e, in subordine, di essere manlevato da F.S., che chiamava in manleva con lo stesso atto di opposizione.

3. – Il Tribunale rigettava l’opposizione e la Corte territoriale, adita dal B., riformava la sentenza, condannando F. a manlevare il B. dagli importi da questi dovuti al C..

4. – Il ricorrente articola un unico motivo di ricorso col quale deduce la nullità e/o l’inesistenza dell’atto di appello nei suoi confronti perchè notificato al difensore del primo grado, per avvenuta sua cancellazione dall’albo in data anteriore alla notifica dell’atto di appello.

5. – Resiste con controricorso il B., il quale produce certificazione del Consiglio Ordine Avvocati di Asti dalla quale risulta che il dott. Ge.An. veniva iscritto all’albo dei Praticanti abilitati in data 24 marzo 1998 e ne era stato cancellato con Delib. 21 aprile 2004. La certificazione attesta inoltre che il predetto aveva presentato in data 27 aprile 2004 reclamo, dichiarato inammissibile con decisione del 27 gennaio 2005, notificata al ricorrente il 24 maggio 2006. Rileva il resistente che, avendo il difensore dell’attuale ricorrente, tre mesi prima della notifica dell’atto di appello (29 luglio 2004), proposto ricorso avverso la cancellazione dall’albo con effetto sospensivo del provvedimento ai sensi dell’art. 37, comma 5, della Legge Professionale, la notifica doveva considerarsi regolarmente eseguita. Parte intimata C. non ha svolto attività difensiva in questa sede.

6. – Attivata la procedura ex art. 375 c.p.c., il consigliere relatore delegato ha depositato relazione con la quale ritiene che il ricorso debba essere rigettato. La relazione è stata comunicata al Pubblico Ministero e notificata ai difensori delle parti.

Parte ricorrente ha depositato memoria.

6. – Il Collegio ritiene che non emergono elementi decisori tali da giustificare una decisione in camera di consiglio.

P.Q.M.

La Corte rinvia a nuovo ruolo, mandando alla cancelleria di trasmettere gli atti alla Seconda Sezione per la trattazione in pubblica udienza.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 9 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 21 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA