Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19127 del 07/09/2010

Cassazione civile sez. trib., 07/09/2010, (ud. 21/05/2010, dep. 07/09/2010), n.19127

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio – Presidente –

Dott. SOTGIU Simonetta – Consigliere –

Dott. MELONCELLI Achille – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 2028/2008 proposto da:

TECNOMEDIT SRL già TECNOCONFERENCE MEDITERRANEA SRL in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA

VIA CLAUDIO MONTEVERDI 16, presso lo studio dell’avvocato NATOLA

Giuseppe, che lo rappresenta e difende, giusta delega a margine;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore, AGENZIA

DELLE ENTRATE UFFICIO DI POZZUOLI in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliati in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso L’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che li rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 314/2007 della COMM. TRIB. REG. di NAPOLI,

depositata il 23/07/2007;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

21/05/2010 dal Consigliere Dott. LUIGI ALESSANDRO SCARANO;

udito per il ricorrente l’Avvocato NATOLA, che insiste

nell’accoglimento del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SORRENTINO Federico, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 23/7/2007 la Commissione Tributaria Regionale della Campania accoglieva il gravame interposto dall’Agenzia delle entrate di Pozzuoli nei confronti della pronunzia della Commissione Tributaria Provinciale di Napoli di accoglimento dell’opposizione proposta dalla contribuente società Tecnomedit s.r.l. in relazione ad avviso di recupero del credito d’imposta per investimenti in aree svantaggiate L. n. 388 del 2000, ex art. 8, relativo all’anno d’imposta 2002.

Avverso la suindicata pronunzia del giudice dell’appello la società Tecnomedit s.r.l. propone ora ricorso per cassazione, affidato ad unico motivo.

Resiste con controricorso l’Agenzia delle Entrate.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con entrambi i motivi la ricorrente denunzia violazione e falsa applicazione della L. n. 388 del 2000, art. 8, L. n. 289 del 2002, art. 62, comma 1, lett. a), art. 11 preleggi, L. n. 212 del 2000, artt. 1 e 3, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3.

Si duole che il giudice dell’appello non abbia considerato la comunicazione resa all’A.F. già con la dichiarazione dei redditi presentata nel 2002 per i redditi del 2001, al quadro RU. Lamenta non potersi riconoscere “alcun effetto di decadenza” al mancato assolvimento dell’ulteriore onere di comunicazione prescritto alla L. n. 289 del 2002, art. 62, comma 1, in quanto “il credito di imposta era stato già maturato ed usufruito, oltre che anche comunicato, già in data antecedente alla relativa entrata in vigore”.

Ai sensi del c.d. Statuto del contribuente non possono essere d’altro canto richiesti documenti ed informazioni già in possesso dell’A.F..

Il ricorso è infondato.

Come questa Corte ha già avuto modo di affermare, l’imprenditore ammesso a beneficiare, ai sensi della L. n. 388 del 2000, art. 8, dei contributi, concessi sotto forma di credito d’imposta, per l’effettuazione di nuovi investimenti nelle aree svantaggiate del Paese, decade da tale beneficio ove abbia omesso di presentare (come previsto dalla L. n. 289 del 2002, art. 62, comma 1 lett. e)) la comunicazione telematica avente ad oggetto le informazioni sul contenuto e la natura dell’investimento effettuato (c.d. modello CVS) entro il termine del 28 febbraio 2003, termine dal citato art. 62 previsto a pena di decadenza (v. Cass., 13/2/2009, n. 3578).

Tale norma, che costituisce diretta espressione del potere demandato al Ministro delle finanze di stabilire con D.M. le procedure di controllo prevedendo “specifiche cause di decadenza dal diritto di credito”, trova invero ragione nell’esigenza di definire entro un tempo determinato l’inerente onere finanziario, altrimenti sospeso ad libitum (v. Cass., 28/07/2005, n. 15865).

La presentazione del suindicato modello CVS costituisce pertanto non già una facoltà bensì un onere a carico del contribuente, finalizzato all’accertamento delle condizioni necessarie all’attribuzione, in via definitiva, del beneficio in questione (v.

Cass., 15/07/2009, n. 16442).

Si è al riguardo già avuto altresì modo di precisare come risulti d’altro canto irrilevante, al fine di stabilire se il contribuente sia o meno incorso in decadenza, la circostanza che il medesimo abbia adempiuto alla previsione della L. n. 388 del 2000, art. 8, comma 5, n. 1, secondo cui “Il credito d’imposta … va indicato nella relativa dichiarazione dei redditi”.

Trattasi infatti di onere altro e diverso rispetto a quello regolato dal D.L. n. 253 del 2002, art. 1, comma 1, lett. a), n. 1, e dalla L. n. 289 del 2002, art. 62, comma 1, lett. a).

L’adempimento del secondo onere è condizione necessaria per acquisire il diritto al credito d’imposta, mentre l’adempimento del primo è condizione necessaria per farlo valere nel computo dell’imposta sui redditi (v. Cass., 11/9/2009, n. 19627).

Evidente, si è ulteriormente sottolineato, è allora l’inutilità della pretesa, in sede di dichiarazione dei redditi, di un credito d’imposta in realtà mai acquisito, per essere già intervenuta la decadenza nell’adempimento dell’onere di comunicazione in argomento (v. Cass., 11/9/2009, n. 19627).

Orbene, nell’affermare che, “essendo, in punto di fatto, pacifico che l’appellante non ottemperò all’obbligo di comunicazione dei dati imposto dalla citata L. n. 289 del 2002, art. 62, comma 1, lett. a), del tutto legittima è la declaratoria di decadenza dal beneficio di cui all’atto impugnato”, dei suindicati principi il giudice dell’appello ha fatto invero sostanzialmente corretta applicazione.

All’infondatezza del motivo consegue il rigetto del ricorso.

Le spese, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che liquida in complessivi Euro 3.200,00, di cui Euro 3.000,00 per onorari, oltre a spese generali ed accessori come per legge.

Così deciso in Roma, il 21 maggio 2010.

Depositato in Cancelleria il 7 settembre 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA