Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1905 del 29/01/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Decr. Sez. 1 Num. 1905 Anno 2014
Presidente:
Relatore:

Il Presidente
premesso:

– che Le Terme di Montecatini s.p.a. in liquidazione, in persona del
liquidatore dott. Gianfranco Salvi, rappresentata e difesa dagli avv.
Bruno Mandrelli e Romano Vaccarella ed elettivamente domiciliata
presso lo studio di quest’ ultimo in Roma, via Michele Mercati n. 51
( ora corso Vittorio Emanuele II n. 269), ha proposto ricorso per
cassazione avverso la sentenza della Corte di Appello di Firenze n.
1665/2009 depositata in data 16 dicembre 2009;
– che il ricorso ha assunto il n. 14892/10;
che si è costituita con controricorso e ricorso incidentale la Terme
di Montecatini s.p.a., in persona del legale rappresentante dott.
Giovanni Fiori, rappresentata e difesa dagli avv. Marco Baldassarri e
Michel Manone ed elettivamente domiciliata presso lo studio di
quest’ ultimo in Roma, via della Conciliazione n. 44;
che è stato depositato atto di rinuncia al ricorso principale
sottoscritto dal liquidatore della ricorrente e dai suoi difensori e per
adesione dal legale rappresentante della controricorrente e dai suoi
difensori, nonché atto di rinuncia al ricorso incidentale sottoscritto dal
legale rappresentante della controricorrente e dai suoi difensori e per
adesione dal liquidatore della ricorrente e dai suoi difensori;

Data pubblicazione: 29/01/2014

RITENUTO:

– che sussistono le condizioni per dichiarare l’ estinzione del giudizio
di cassazione;

391 c.p.c.;
– che non vi è luogo a pronuncia sulle spese processuali;

P.Q.M.
Dichiara estinto il processo di cassazione per rinuncia;
dispone che del decreto di estinzione sia data comunicazione ai
difensori delle parti, avvertendoli che nei dieci giorni successivi può
essere chiesta la fissazione dell’udienza.
Roma, 3 gennaio 2014

– che la dichiarazione va fatta con decreto in applicazione dell’ art.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA