Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19026 del 16/07/2019

Cassazione civile sez. lav., 16/07/2019, (ud. 29/04/2019, dep. 16/07/2019), n.19026

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. D’ANTONIO Enrica – rel. Consigliere –

Dott. FERNANDES Giulio – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 4547-2014 proposto da:

ZINCATURA DI CARAMAGNA S.R.L., in persona del legale rappresentante

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PIERLUIGI

PALESTRINA 47, presso lo studio dell’avvocato RINALDO GEREMIA, che

la rappresenta e difende unitamente agli avvocati MAURIZIO DE LA

FOREST DE DIVONNE, GIANLUIGI MATTA;

– ricorrente –

contro

I.N.A.I.L. – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI

INFORTUNI SUL LAVORO, C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

IV NOVEMBRE 144, presso lo studio degli avvocato GIANDOMENICO

CATALANO, LORELLA FRASCONA’, che lo rappresentano e difendono;

I.N.P.S. ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, C.F. (OMISSIS),

in persona del suo Presidente e legale rappresentante pro tempore,

in proprio e quale mandatario della S.C.C.I. S.P.A. Società di

Cartolarizzazione dei Crediti I.N.P.S. C.F. (OMISSIS), elettivamente

domiciliati in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura

Centrale dell’Istituto, rappresentati e difesi dagli avvocati

ANTONINO SGROI, ESTER SCIPLINO, CARLA DALOISIO, LELIO MARITATO;

– controricorrenti –

e contro

UNIRISCOSSIONI S.P.A., ORA EQUITALIA NORD S.P.A..

– intimati –

avverso la sentenza n. 540/2013 della CORTE D’APPELLO di TORINO,

depositata il 16/05/2013 R.G.N. 774/2012.

Fatto

CONSIDERATO IN FATTO

1. La Corte d’appello di Torino, in parziale riforma del Tribunale di Cuneo, con sentenza non definitiva, decidendo sulle opposizioni proposte dalla soc. Zincatura di Caramagna (Zinca) avverso le cartelle esattoriali notificate dall’Inps e dall’Inail, ha dichiarato che la soc. opponente era tenuta a versare agli istituti i contributi e premi, gli interessi e le somme aggiuntive conseguenti alla violazione del divieto di interposizione di manodopera, accertato con verbale ispettivo del 28/7/2000, nei limiti della prescrizione quinquennale, ovvero decennale relativamente ai soci lavoratori denuncianti indicati al punto 5.2, lett. c) del citato verbale e tenendo conto dell’intervenuta interruzione della prescrizione alla data del 28/7/2000.

Con sentenza definitiva la Corte d’appello ha poi quantificato le somme dovute dalla società.

La Corte ha esposto che la soc. Zinca svolgeva l’attività di zincatura per immersione dei pezzi ferrosi per conto terzi; che l’attività di zincatura vera e propria era effettuata esclusivamente da dipendenti della società; che ai soci lavoratori dipendenti della Cooperativa Solidarietà Due erano affidati i lavori di ” carico, scarico materiale, sconfezionamento pacchi e aggancio degli attrezzi del materiale da zincare, sgancio del materiale zincato e confezionamento pacchi per la spedizione “e che alle Cooperative Erre -D e Erre -B e Linea Lavoro” i soli lavori di carico e scarico materiali imballati e loro confezionamento, imballaggio, carico e spedizione del materiale”.

La Corte ha poi affermato che dal complessivo quadro probatorio era risultata provata un’ipotesi di intermediazione vietata; che presso il sito non vi erano responsabili delle diverse cooperative che dessero disposizioni ai soci perchè a ciò vi provvedeva la Zinca; che le cooperative mettevano a disposizione mera forza lavoro essendo l’attività dei soci svolta utilizzando in modo assolutamente prevalente, attrezzature, macchine di proprietà della Zinca; che i soci lavoratori lavoravano fianco a fianco con i dipendenti della Zinca spesso svolgendo le medesime mansioni restando inseriti a pieno titolo nel ciclo produttivo ciclo di cui faceva parte l’attività sia preparatoria alla zincatura, sia successiva relativa al controllo dei pezzi già zincati.

2. Avverso la sentenza ha proposto ricorso la soc Zinca. Resistono l’Inps e l’Inail.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

3. Con il primo motivo la ricorrente denuncia violazione dell’art. 115 c.p.c. per avere la corte violato le norme sul fatto notorio ritenendo che le dichiarazioni rese dai soci lavoratori agli ispettori fossero fatti rientranti nella comune esperienza ai fini della sussistenza di una illecita interposizione di manodopera o dando valore di fatto notorio a concezioni puramente personali e soggettive. La Corte, inoltre, ha violato il disposto che impone di porre a fondamento della decisione le prove proposte dalle parti avendo nella specie valutato solo le dichiarazioni rese agli ispettori.

Con il secondo motivo denuncia violazione della L. n. 1369 del 1960, art. 1, comma 3. La ricorrente deduce che la Corte, senza neppure prendere in considerazioni i contratti, sulla base di una valutazione unidirezionale degli elementi probatori, ha affermato la sussistenza della presunzione di illecita interposizione di manodopera.

Con il terzo motivo denuncia violazione della L. n. 662 del 1996, art. 1, comma 218, per non avere applicato la sanzione inferiore in presenza di oggettive incertezze giurisprudenziali.

4. I motivi, congiuntamente esaminati stante la loro connessione, sono infondati.

Pur attraverso la formale denuncia della violazione di diverse disposizioni di legge, il ricorso risulta sostanzialmente inteso a sollecitare una rivisitazione del quadro probatorio, inibita a questa Corte in presenza di una congrua e non illogica valutazione dello stesso da parte del giudice di merito.

I motivi si incentrano essenzialmente sulla considerazione che erroneamente la Corte aveva fondato la decisione sulle dichiarazioni rese dai lavoratori agli ispettori, senza valutare le altre prove proposte dalle parti ed anzi ritenendo le dichiarazioni rese agli ispettori alla stessa stregua di fatti notori.

I rilievi sono infondati atteso che la Corte manifesta, in modo esauriente e del tutto logico, di aver valutato non solo le dichiarazioni rese dai lavoratori agli ispettori, ma anche le dichiarazioni rese dall’amministratore e dagli altri testi escussi in giudizio.

E’ noto che il ricorso in cassazione non può essere volto ad ottenere una lettura delle risultanze probatorie difforme da quella operata dalla Corte territoriale, essendo la valutazione di tali risultanze – al pari della scelta di quelle, tra esse, ritenute più idonee a sorreggere la motivazione – un tipico apprezzamento di fatto, riservato in via esclusiva al giudice del merito: il quale, nel porre a fondamento del proprio convincimento e della propria decisione una fonte di prova con esclusione di altre, nel privilegiare una ricostruzione circostanziale a scapito di altre (pur astrattamente possibili e logicamente non impredicabili), non incontra altro limite che quello di indicare le ragioni del proprio convincimento, senza peraltro essere tenuto ad affrontare e discutere ogni singola risultanza processuale ovvero a confutare qualsiasi deduzione difensiva.

La Corte ha ampiamente esposto le ragioni che l’hanno condotta a ritenere maggiormente attendibili le dichiarazioni rese agli ispettori in quanto più genuine e sincere di quelle rese, a distanza di tempo, in giudizio. Ha esaminato le dichiarazione rese dai testi in giudizio rilevando che effettivamente alcune fossero favorevoli alla tesi della società, ma ha ritenuto necessario porle a raffronto con quelle rese agli ispettori al fine di valutare quelle maggiormente attendibili giungendo ad affermare che tale raffronto portava a ritenere del tutto inattendibili quelle rese da alcuni testi ( A., + ALTRI OMESSI) ed invece assolutamente univoche quelle rese da numerosi lavoratori agli ispettori dalle quali risultava, tra l’altro, che le disposizioni erano date anche a tutti i dipendenti delle cooperative da R.F., della soc Zinca.

La Corte ha messo in luce elementi decisivi per la configurazione di una fattispecie di interposizione di manodopera vietata escludendo, infine, che l’attività svolta dai soci delle varie cooperative si concretasse in soli lavori di facchinaggio, come preteso dalla società ricorrente.

Risulta, infine, del tutto infondato anche il terzo motivo circa la misura delle sanzioni. Con tale censura la ricorrente chiede l’applicazione delle più favorevoli sanzioni previste in caso di omissione sul presupposto dell’esistenza di “un contrasto giurisprudenziale”, contrasto che la ricorrente neppure specifica in modo chiaro e dunque non evidenzia ragioni per modificare sul punto la decisione della Corte d’appello che ha esaurientemente risposto anche con riferimento a tale richiesta.

Il ricorso deve, pertanto, essere rigettato con condanna della ricorrente a pagare le spese processuali. Avuto riguardo all’esito del giudizio ed alla data di proposizione del ricorso sussistono i presupposti di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente a pagare a favore dell’Inail Euro 8.000,00 per compensi professionali ed Euro 200,00 per esborsi, nonchè a favore dell’Inps Euro 20.000, 00 per compensi professionali ed Euro 200,00 per esborsi, oltre accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 29 aprile 2019.

Depositato in Cancelleria il 16 luglio 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA