Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18976 del 16/09/2011

Cassazione civile sez. I, 16/09/2011, (ud. 19/05/2011, dep. 16/09/2011), n.18976

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PLENTEDA Donato – Presidente –

Dott. CECCHERINI Aldo – rel. Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – Consigliere –

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

CONSORZIO AGRARIO INTERPROVINCIALE DI ROMA E FROSINONE IN

LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA (C.F. (OMISSIS)), in persona

del Commissario Liquidatore pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA DEI GRACCHI 128, presso l’avvocato PIETROLUCCI CARLO, che

lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato PIETROLUCCI RENZO

MARIA, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

BANCA POPOLARE SOCIETA’ COOPERATIVA (C.F./P.I. (OMISSIS)), giusto

atto di fusione tra Banca Popolare di Verona e Novara SCRL e Banca

Popolare Italiana – Banca Popolare di Lodi soc. coop., in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA,

VIA LUCREZIO CARO 38, presso l’avvocato PARENTE ASCANIO, che la

rappresenta e difende, giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 4553/2006 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 23/10/2006;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

19/05/2011 dal Consigliere Dott. ALDO CECCHERINI;

udito, per il ricorrente, l’Avvocato RENZO PIETROLUCCI che ha chiesto

l’accoglimento del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

ZENO Immacolata che ha concluso per l’inammissibilità del primo

motivo; per l’assorbimento del secondo motivo.

Fatto

RAGIONI DI FATTO E DI DIRITTO DELLA DECISIONE

1. Con sentenza depositata il 23 ottobre 2006 la Corte d’appello di Roma ha dichiarato prescritta l’azione proposta il 16 luglio 1999 dal Consorzio Inteprovinciale Roma Frosinone in liquidazione coatta amministrativa, a norma della L. Fall., art. 67, comma 2, n. 1 nei confronti della Banca Popolare di Verona e Novara, soc. coop. a r.l., di revocazione di pagamenti eseguiti in favore del Banco di San Geminiano e S. Prospero.

2. Per la cassazione di questa sentenza ricorre la liquidazione coatta amministrativa per due motivi. La banca resiste con controricorso.

3. Il primo motivo di ricorso denuncia la violazione della L. Fall., art. 203. Si deduce che l’azione revocatoria fallimentare, nel caso sia esperita dal commissario della liquidazione coatta amministrativa, decorre dalla dichiarazione dello stato d’insolvenza, e non dal decreto che dispone la liquidazione medesima.

Il secondo motivo denuncia un vizio di motivazione sull’affermazione dell’impugnata sentenza che il periodo sospetto decorre dalla messa in liquidazione.

4. Il ricorso è inammissibile. Per il primo motivo manca la formulazione di un quesito di diritto, richiesto dall’art. 366 bis c.p.c., applicabile nella fattispecie ratione temporis. Il secondo motivo propone a sua volta, sotto l’inammissibile profilo del vizio di motivazione, una questione di puro diritto in ordine al dies a quo della decorrenza del termine per la proposizione dell’azione revocatoria da parte del commissario della liquidazione coatta amministrativa, peraltro non seguita dall’enunciazione del quesito di diritto.

5. All’inammissibilità del ricorso segue la condanna della parte ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, liquidate come in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso inammissibile e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità che liquida in complessivi Euro 4.200,00, di cui Euro 4.000,00 per onorari, oltre alle spese generali e agli accessori come per legge.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della prima sezione della Corte suprema di cassazione, il 19 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 16 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA