Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18961 del 16/09/2011

Cassazione civile sez. I, 16/09/2011, (ud. 04/04/2011, dep. 16/09/2011), n.18961

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUCCIOLI Maria Gabriella – Presidente –

Dott. FELICETTI Francesco – Consigliere –

Dott. CULTRERA Maria Rosaria – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

D.A., elettivamente domiciliato in Roma via degli

Scipioni 52, presso lo studio dell’avv.to Santonocito Marco Valerio

che lo rappresenta e difende, unitamente agli avvocati Giuffrida

Massimo e Principato Stefano, giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

Ministero della Giustizia, in persona del Ministro pro tempore,

rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato e

domiciliato presso i suoi uffici in Roma, via dei Portoghesi 12;

– controricorrente –

avverso il decreto della Corte di Appello di Messina, sezione 2^

civile, emesso il 2 aprile 2009, depositato il 9 aprile 2009,

R.G.N.C. n. 400/2008;

udita la relazione della causa svolta all’udienza del 4 aprile 2011

dal Consigliere Dott. Giacinto Bisogni;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

VELARDI Maurizio che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

– D.A. ha proposto ricorso ex L. n. 89 del 2001 in relazione a giudizio civile definito in primo grado dopo quasi 11 anni e in appello dopo oltre 6 anni;

– La Corte di appello di Messina ha respinto il ricorso rilevando che la durata del primo grado era stata di quattro anni e non di undici come dedotto dal ricorrente,, mentre il giudizio di appello si era protratto per il comportamento dilatorio delle parti che aveva determinato una maggior durata del procedimento rispetto a quella ritenuta ragionevole dalla giurisprudenza europea;

– Ricorre per cassazione D.A. affidandosi a quattro motivi di ricorso;

Si difende con controricorso il Ministero della Giustizia che eccepisce l’inammissibilità del ricorso per violazione dell’art. 366 bis c.p.c.;

– La Corte in camera di consiglio ha deliberato di adottare una motivazione semplificata.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

Che:

l’art. 366 bis è applicabile ratione temporis alla controversia in quanto la L. n. 69 del 2009, art. 58, comma 5, prevede che la disposizione abrogativa dell’art. 366 bis si applica alle controversie nelle quali il provvedimento impugnato con il ricorso per cassazione sia stato pubblicato, ovvero depositato, nei casi in cui non ne sia prevista la pubblicazione, successivamente alla data di entrata in vigore della L. n. 69 del 2009 e cioè dal 4 luglio 2009 e nella specie il decreto della Corte di appello di Messina è stato depositato in data 9 aprile 2009; l’eccezione di inammissibilità del ricorso è fondata in quanto da parte del ricorrente è stata del tutto omessa sia la formulazione dei quesiti di diritto che la indicazione dei fatti controversi su cui la motivazione si assume omessa o contraddittoria ovvero l’indicazione delle ragioni per le quali la dedotta insufficienza della motivazione la renderebbe inidonea a giustificare la decisione, requisiti prescritti entrambi a pena di inammissibilità dall’art. 366 bis c.p.c.;

la dichiarazione di inammissibilità del ricorso che ne consegue comporta la condanna del ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio, liquidate in complessivi Euro 900,00 oltre spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 4 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 16 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA