Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18921 del 28/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 28/07/2017, (ud. 06/06/2017, dep.28/07/2017),  n. 18921

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – rel. Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. FERNANDES Giulio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9074-2016 proposto da:

I.N., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE ANGELICO

101, presso lo studio FRANCESCO BAURO, rappresentato e difeso

DALL’AVVOCATO ELISABETTA BARBARA LOISI;

(ammesso a gp Delib. n. 5 del 2017 ord. Avvocati BARCELLONA P.G.-

pervenuta 7/4/2017);

– ricorrente –

contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

legale rappresentante, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE

BECCARIA 29, presso l’AVVOCATURA CENTRALE DELL’ISTITUTO,

rappresentato e difeso dagli avvocati MAURO RICCI, CLEMENTINA

EMANUELA CAPANNOLO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 847/2015 del TRIBUNALE di BARCELLONA POZZO DI

GOTTO, depositata il 28/09/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 06/06/2017 dal Consigliere Dott. ROSA ARIENZO.

Fatto

RILEVATO

che, con sentenza resa il 28.9.2016, il Tribunale di Barcellona P. G. rigettava l’opposizione proposta da I.N. all’esito del dissenso manifestato nei termini di legge avverso l’accertamento tecnico preventivo relativo alle condizioni sanitarie utili al riconoscimento dell’assegno ordinario di invalidità ai sensi dell’art. 445 bis c.p.c.;

che propone ricorso straordinario, ex art. 111 Cost., lo I., affidato ad unico motivo variamente articolato, cui resiste con controricorso l’INPS;

che la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., è stata comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

1. che il Collegio ha deliberato di adottare una motivazione semplificata;

2. che il ricorrente lamenta errata applicazione della L. 15 luglio 2011, n. 111, art. 38, comma 1, commi 4, 5 e 6, in relazione all’art. 360 c.p.c., nonchè insufficiente e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia con riferimento al rigetto della domanda, per avere ritenuto che le critiche mosse alle risultanze della CTU non giustificassero l’ammissione di nuova indagine peritale;

3. che va premesso che la sentenza emessa nel giudizio in cui si contestano le conclusioni del CTU non è impugnabile in via di ricorso straordinario ex art. 111 Cost., ma è ricorribile per cassazione con l’ordinario strumento processuale di cui all’art. 360 c.p.c., il cui comma 1 espressamente assoggetta a ricorso per cassazione non solo le sentenze d’appello, ma anche quelle pronunciate in unico grado, come quella in esame, atteso che l’art. 445 c.p.c., u.c. dichiara inappellabili le sentenze emesse nel giudizio di cui al comma precedente. Dunque, quello proposto dallo I. va correttamente qualificato come ricorso ordinario per cassazione ex art. 360 c.p.c. per il principio della strumentalità delle forme e della conservazione degli atti giudiziari, essendo il motivo compatibile con la proposizione di tale ultimo rimedio impugnatorio, di cui presenta i requisiti di forma e di sostanza (cfr. Cass. 15.6.2015 n. 12332);

4. che il collegio ritiene il ricorso inammissibile;

5. che, invero, è di tutta evidenza che, anche con una intitolazione del motivo non conforme al testo di cui all’art. 360 c.p.c., n. 5, nella formulazione disposta dal D.L. n. 83 del 2012, art. 54, comma 1, lett. b) convertito in L. n. 134 del 2012, la parte denunzia un caratteristico vizio motivazionale, che in quanto tale, non è più censurabile (si veda Cass., S.U., n. 8053/14 secondo cui il controllo della motivazione è ora confinato sub specie nullitatis, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 4 il quale, a sua volta, ricorre solo nel caso di una sostanziale carenza del requisito di cui all’art. 132 c.p.c., n. 4, esclusa qualunque rilevanza del semplice difetto di sufficienza della motivazione);

che l’omesso esame deve riguardare un fatto inteso nella sua accezione storico-fenomenica (e quindi non un punto o un profilo giuridico), un fatto principale o primario (ossia costitutivo, impeditivo, estintivo o modificativo del diritto azionato) o secondario (cioè un fatto dedotto in funzione probatoria). Tuttavia il riferimento al fatto secondario non implica – e la citata sentenza n. 8053 delle S.U. lo precisa chiaramente che possa denunciarsi ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 anche l’omessa o carente valutazione di determinati elementi probatori: basta che il fatto sia stato esaminato, senza che sia necessario che il giudice abbia dato conto di tutte le risultanze probatorie emerse all’esito dell’istruttoria come astrattamente rilevanti;

che nel caso in esame non si ricade, all’evidenza, nell’ipotesi descritta, non ravvisandosi la contraddittorietà denunziata, in quanto conformemente alla rilevazione del carattere persuasivo ed esaustivo dell’accertamento effettuato dall’ausiliare, il Tribunale ha reso una pronunzia di rigetto dell’opposizione;

6. che, quanto alle censure in diritto, deve rilevarsene ugualmente l’inammissibilità, posto che, in violazione del principio di specificità dei motivi di ricorso, non si riporta nè si trascrive alcun passaggio della CTU che sarebbe contrario ai comuni canoni della scienza medica. Con il ricorso in esame non vengono, invero, dedotti vizi logico-formali che si sostanzino in affermazioni manifestamente illogiche o scientificamente errate, nè – ancor meno – se ne indicano le fonti: ci si limita, invece, a svolgere solo osservazioni concernenti il merito di causa senza evidenziare quali sarebbero gli accertamenti strumentali omessi (secondo nozioni scientificamente valide ed opportunamente richiamate in termini di dovuta specificità) e quali le affermazioni scientificamente errate, dovendo ribadirsi che la parte ha l’onere di trascrivere integralmente nel ricorso per cassazione almeno i passaggi salienti e non condivisi della relazione tecnica e di riportare, poi, il contenuto specifico delle critiche ad essi sollevate, al fine di evidenziare gli errori commessi dal giudice del merito nel limitarsi a recepirla e nel trascurare completamente le critiche formulate in ordine agli accertamenti ed alle conclusioni del consulente d’ufficio;

7. che le critiche mosse alla consulenza ed alla sentenza, che ne ha confermato le conclusioni, ritenendo non necessaria nuova indagine tecnica, devono possedere un grado di specificità tale da consentire alla Corte di legittimità di apprezzarne la decisività direttamente in base al ricorso. (v., tra le altre, Cass. n. 16368 del 2014, n. 13845 del 2007);

8. che ogni altro rilievo attinente alla contestazione della misura eccessiva delle spese liquidate non si traduce in un motivo specifico di impugnazione, così come anche alla contestazione della condanna per lite temeraria, in base alla quale era disattesa la dichiarazione sostitutiva ai sensi dell’art. 152 disp. att. c.p.c., non corrisponde alcuna censura idoneamente proposta in rubrica, affermando per di più il ricorrente che il capo sulle spese era oggetto di gravame presso la Corte di appello di Messina, in coerenza con la mancanza di specifiche contestazioni nella presente sede;

9. che, pertanto, in adesione alla proposta del relatore, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile;

10. che nella è dovuto per le spese del presente giudizio di legittimità, stante la accertata presenza di dichiarazione idonea a consentirne l’esonero ai sensi dell’art. 152 disp. att. c.p.c.;

6. che, pure essendo stato ricorso notificato in data successiva a quella (31/1/2013) di entrata in vigore della legge di stabilità del 2013 (L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17), non sussistono tuttavia i presupposti per il versamento da parte del ricorrente di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione; stante l’ammissione del ricorrente al gratuito patrocinio, giusta Delib. Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Barcellona Pozzo di Gotto 7 marzo 2017.

PQM

 

dichiara l’inammissibilità del ricorso.

Nulla per le spese.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater dà atto della non sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 6 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 28 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA