Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1889 del 29/01/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 1889 Anno 2014
Presidente: CICALA MARIO
Relatore: CICALA MARIO

ORDINANZA
sul ricorso 17198-2011 proposto da:
MAIORINO FERDINANDO MRNFDN63A01F912B, elettivamente
domiciliato in ROMA, VIA CRESCENZIO 19, presso lo studio
dell’avvocato TORRE GIUSEPPE, rappresentato e difeso
dall’avvocato MARINO GENNARO, giusta procura a margine del
ricorso;

– ricorrente contro
AGENZIA DELLE ENTRATE 06363391001;

– intimata avverso la sentenza n. 88/13/2010 della Commissione Tributaria
Regionale di FIRENZE del 14.4.2010, depositata il 10/05/2010;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
18/12/2013 dal Presidente Relatore Dott. MARIO CICALA.

Data pubblicazione: 29/01/2014

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE
IRAP sanitario
R.G. 17198/2011
RICORRENTE: Ferdinando Maiorino
INTIMATO: AGENZIA ENTRATE

1. Il dott. Ferdinando Maiorino ricorre per cassazione avverso la sentenza della Commissione
2010 che rigettava
Tributaria Regionale della Toscana n. 88/13 /10 del 10 maggio
escludendo la spettanza al dott. Maiorino
del rimborso IRAP
l’appello del contribuente
relativamente al’ anno 2004.
2. L’Agenzia non si è costituita in giudizio.
3. Il ricorso appare fondato in quanto la sentenza di secondo grado difetta totalmente di
motivazione limitandosi a “condividere la decisione dei Giudici di prime cure”.
Il Collegio ha condiviso la proposta del relatore.
P.Q.M.
La Corte accoglie il ricorso cassa la sentenza impugnata e rinvia la controversia ad altra sezione
della Commissione Tributaria Regionale della Toscana, che deciderà anche per le spese del presente
grado .
Così deciso nella camera di consiglio della sesta sezione civile il 18 dicembre 2013

e relatore

E’ stata depositata la seguente relazione:

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA