Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18889 del 17/07/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 18889 Anno 2018
Presidente: MANNA FELICE
Relatore: ORICCHIO ANTONIO

ORDINANZA INTERLOCUTORIA
sul ricorso 8097-2017 proposto da:
PROV V,NIZAN O LORI NZO, PRO VEN Z AN O ROSAN N A
MARIA, elettivamente domiciliati in. ROMA, PIAZZA CAVOUR,
presso kt CORIE DI CASSAZIONE, rappresentati e difesi
dall’avvocato GIOVANNI DENARO;
– ricorrenti contro
GIUSTOLISI

SILVANA, BARONE PAOLO, elettivamente

domiciliati in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI
CASSAZIONE, rappresentati e difesi dall’avvocato AGOSTINO
LOMBARDO;
– controricorrenti e ricorrenti incidentali avverso la sentenza n. 2392/2016 della CORTE D’APPELLO) di
PALERMO, depositata il 29/12/2016;

Data pubblicazione: 17/07/2018

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non
partecipata del 15/03/2(118 dal Consigliere Dott. ANTONIO

ORICCI 110.

Ric. 2017 n. 08097 sez. M2 – ud. 15-03-2018
-2-

Rilevato che :
è stata impugnata da Provenzano Lorenzo e Rosanna Maria

la sentenza

n. 2392/2016 della Corte di Appello di Palermo con ricorso fondato su

due

ordini di motivi e resistito con controricorso delle parti intimate, che hanno

Giova, anche al fine di una migliore comprensione della fattispecie in giudizio,
riepilogare , in breve e tenuto conto del tipo di decisione da adottare, quanto
segue.
La gravata decisione della Corte territoriale, in parziale accoglimento
dell’appello interposto dagli odierni ricorrenti, ha riformato parzialmente la
gravata decisione della Sezione Distaccata di Partinico del Tribunale di
Palermo, rigettando all’uopo la domanda degli appellati Giustolisi e Barone di
rimozione del ballatoio in legno di cui in atti, confermando -quanto al resto- la
prima decisione e , quindi, mantenendo ferma la condanna degli odierni
ricorrenti all’eliminazione di vedute dagli stessi aperte sul retro prospetto del
loro immobile, prospicienti la limitrofa proprietà dei Giustolisi- Barone.
Considerato che :
deve ritenersi che difetta, in ipotesi, l’evidenza decisoria che consentirebbe la
definizione in sede camerale del ricorso.
Appare , pertanto, opportuno rimettere la causa alla pubblica udienza.
P.Q.M.
La Corte
rimette la causa alla pubblica udienza.

3

proposto ricorso incidentale condizionato fondato su un motivo.

Così deciso nella Camera di Consiglio della Sesta Sezione Civile – 2 della

Corte Suprema di Cassazione il 15 marzo 2018.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA