Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18880 del 03/07/2021

Cassazione civile sez. trib., 03/07/2021, (ud. 24/03/2021, dep. 03/07/2021), n.18880

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – rel. Consigliere –

Dott. NONNO Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI VISCIDO DI N. Maria Giulia – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 7575/2013 R.G. proposto da:

Agenzia delle entrate, in persona del Direttore pro tempore,

domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12, presso l’Avvocatura

generale dello Stato, che la rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

I.DE.A. – UTS Groupement d’interet economique in persona dei legali

rappresentanti pro tempore, C.P., E.F.,

rappresentati e difesi dagli avv. Guglielmo Maisto e Marco Cerrato,

con domicilio eletto in Roma, Piazza Aracoeli n. 1, presso il loro

studio;

– controricorrenti/ricorrenti incidentali –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale del

Piemonte n. 15/27/12, depositata il 25 gennaio 2012.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 24 marzo 2021

dal Consigliere Enrico Manzon.

 

Fatto

RILEVATO

che:

Con la sentenza impugnata la Commissione tributaria regionale del Piemonte rigettava l’appello proposto dall’Agenzia delle entrate, ufficio locale, avverso la sentenza n. 168/03/2009 della Commissione tributaria provinciale di Torino che aveva accolto i ricorsi di I.DE.A. – UTS Groupement d’interet economique, C.P., E.F. contro gli avvisi di accertamento per II.DD. ed IVA 2001-2002.

La CTR, nella parte che qui rileva, osservava in particolare che non sussisteva il presupposto fondante le pretese erariali ossia la presenza di una “stabile organizzazione” in Italia della società consortile I.DE.A. (della quale il C. e l’ E. erano amministratori), negando altresì che la stessa fosse “agente indipendente” delle società I.DE.A. e COMAU fatturanti alla medesima.

Avverso la decisione ha proposto ricorso per cassazione l’Agenzia delle entrate deducendo due motivi.

Resistono con controricorso i contribuenti i quali hanno altresì proposto ricorso incidentale condizionato affidato ad un motivo unico.

Diritto

CONSIDERATO

che:

Nelle more del procedimento la difesa dell’agenzia fiscale ricorrente ha depositato istanza per l’estinzione del giudizio a spese compensate, allegando una nota dell’Agenzia delle entrate, ufficio locale, che le comunica l’intervenuto annullamento in autotutela degli avvisi di accertamento impugnati.

Non vi sono ragioni ostative all’accoglimento di tale istanza, tenuto conto che il ricorso incidentale dei controricorrenti è espressamente condizionato.

Tenuto per conto dell’esito del giudizio possono esserne compensate le spese.

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio per cessazione della materia del contendere; spese compensate.

Così deciso in Roma, il 24 marzo 2021.

Depositato in Cancelleria il 3 luglio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA