Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18865 del 30/08/2010

Cassazione civile sez. I, 30/08/2010, (ud. 07/07/2010, dep. 30/08/2010), n.18865

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITTORIA Paolo – Presidente di sezione –

Dott. PROTO Vincenzo – Presidente di sezione –

Dott. VITRONE Ugo – rel. Presidente di sezione –

Dott. LUCCIOLI Maria Gabriella – Presidente di sezione –

Dott. FELICETTI Francesco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

P.G., D.A., T.S.,

T.M. e R.F., elettivamente domiciliati in

Roma, Piazza del Popolo, n. 18, presso l’avv. Pietro L. Frisani, che

lo rappresenta e difende per procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE;

– intimato –

avverso il decreto della Corte d’Appello di Venezia n. 6051

pubblicato il 6 maggio giugno 2008;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del 7

luglio 2010 dal Relatore Pres. Dott. Ugo VITRONE;

udito l’avv. Pietro FRISANI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

APICE Umberto, che non si oppone al rinvio per la rinnovazione della

notifica del ricorso.

La Corte:

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

vista l’istanza di rimessione in termini formulata dai ricorrenti per la rinnovazione della notifica del ricorso;

vista la documentazione allegata dalla quale risulta che l’avviso di ricevimento è stato depositato in data 15 gennaio 2009 ma è andato smarrito senza possibilità per il difensore dei ricorrenti di ottenerne un duplicato essendo decorso oltre un anno dall’avvenuta notificazione;

visto l’art. 184 bis cod. proc. civ..

P.Q.M.

Rinvia la causa a nuovo ruolo assegnando ai ricorrenti il termine di sessanta giorni dalla comunicazione della presente ordinanza per la rinnovazione della notificazione del ricorso.

Manda alla cancelleria per le comunicazioni di rito.

Così deciso in Roma, il 7 luglio 2010.

Depositato in Cancelleria il 30 agosto 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA