Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18860 del 03/07/2021

Cassazione civile sez. trib., 03/07/2021, (ud. 11/03/2021, dep. 03/07/2021), n.18860

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUSCHETTA Ernestino – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. SUCCIO Robert – rel. Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI VISCIDO DI NOCERA M.G. – Consigliere –

Dott. SAIJA Salvatore – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 10466/2015 R.G. proposto da:

ATLA COOP soc. Coop, di produzione e lavoro in persona del suo legale

rappresentante pro tempore rappresentata e difesa giusta delega in

atti dall’avv. Laura Bresci e dall’avv. Mario Ettore Verino con

domicilio eletto in Roma alla via B. Tortolini n. 13 presso lo

studio di quest’ultimo difensore;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, con

domicilio eletto in Roma, via Dei Portoghesi, n. 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della

Toscana n. 1962/17/14 depositata in data 10/10/2014 e non

notificata;

Udita la relazione della causa svolta nell’adunanza camerale del

11/03/2021 dal Consigliere Roberto Succio.

 

Fatto

RILEVATO E CONSIDERATO

che:

– con atto depositato in data 1 marzo scorso parte ricorrente ha rinunciato al ricorso per cassazione;

– che detta rinuncia è rituale, in quanto accettata da parte controricorrente, ed quindi è condizione sufficiente per dichiarare l’estinzione del presente giudizio;

– nella specie, ritiene il Collegio che le spese del giudizio di legittimità possano compensarsi;

– in ultimo, quanto al contributo unificato va data continuità al principio secondo cui in tema di impugnazioni il D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, che pone a carico del ricorrente rimasto soccombente l’obbligo di versare il contributo unificato, poichè quanto tale misura si applica ai soli casi – tipici – del rigetto dell’impugnazione o della sua declaratoria d’inammissibilità o improcedibilità e, trattandosi di misura eccezionale, lato sensu sanzionatoria, è di stretta interpretazione e non suscettibile, pertanto, di interpretazione estensiva o analogica” (Cass., sez. 6-1, 12/11/2015, n. 23175; Cass., sez. 6 1, 18/07/2018, n. 19071);

– che pertanto, nel presente caso non sussistono i presupposti processuali per il ridetto “raddoppio”.

PQM

dichiara estinto il giudizio; compensa le spese del giudizio.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della insussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente principale, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari quello dovuto per il ricorso principale a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 11 marzo 2021.

Depositato in Cancelleria il 3 luglio 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA