Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18832 del 28/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 28/07/2017, (ud. 19/06/2017, dep.28/07/2017),  n. 18832

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BIELLI Stefano – Presidente –

Dott. CAIAZZO Rosario – Consigliere –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. PERRINO Angelina Maria – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 19987/2010 R.G. proposto da:

C.B.M., rappresentato e difeso dall’Avv. Marina

Fiocco, ivi elettivamente domiciliato, in Roma, via Gregorio VII n.

466, giusta procura speciale in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle entrate, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, presso

la quale è domiciliata ex lege in Roma, via dei Portoghesi n. 12;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale del Lazio

n. 430/14/09, depositata il 9 dicembre 2009;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 19 giugno

2017 dal Consigliere Giuseppe Fuochi Tinarelli.

Fatto

RILEVATO

CHE:

– C.B.M. impugna per cassazione, con sei motivi, la decisione della CTR del Lazio che, confermando la decisione di primo grado, aveva ritenuto legittimo l’accertamento, per il 1999, per Iva, Irpef ed Irap, effettuato su base parametrica;

– l’Agenzia eccepisce l’inammissibilità del ricorso originario per tardività.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

– è necessario, ai fini del decidere, verificare in quale momento sia stata avviata la notifica del ricorso introduttivo del giudizio di primo grado;

– tale accertamento non può essere operato con l’acquisizione del fascicolo di merito poichè, a seguito di accertamento operato dalla cancelleria, i fascicoli processuali relativi all’anno 2009 della CTR del Lazio sono stati sottoposti a scarto d’archivio;

– va disposta, pertanto, in applicazione analogica degli artt. 112 e 113 c.p.p. (v. Cass. n. 9269 del 2010; Cass. n. 25609 del 2013), la ricostruzione del fascicolo di merito, assegnando termine alle parti di giorni novanta dalla comunicazione dell’ordinanza.

PQM

 

La Corte dispone la ricostituzione dei fascicoli processuali delle parti in funzione della verifica del momento di avvio della notifica del ricorso introduttivo del giudizio di primo grado, assegnando alle parti il termine di giorni novanta dalla comunicazione dell’ordinanza, e rinvia a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, a seguito di riconvocazione nell’adunanza camerale, il 17 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 28 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA