Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18822 del 28/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 28/07/2017, (ud. 06/06/2017, dep.28/07/2017),  n. 18822

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Presidente –

Dott. DI NICOLA Vito – Consigliere –

Dott. CAIAZZO Luigi – Consigliere –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 19502/2010 R.G. proposto da:

Agenzia delle entrate, in persona del direttore pro tempore,

domiciliata in Roma, via dei Portoghesi 12, presso 12, l’Avvocatura

Generale dello Stato, che la rappresenta e difende ope legis;

– ricorrente –

contro

Mito software s.r.l.;

– intimata –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale del Lazio

n. 159/38/09, depositata l’8 giugno 2009;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 22 maggio

2017 dal Consigliere Giuseppe Tedesco.

Fatto

FATTO E DIRITTO

ritenuto che la Commissione tributaria regionale del Lazio (Ctr) ha confermato la sentenza di primo grado, favorevole per il contribuente in relazione a cartella di pagamento per l’anno 2000, che il medesimo aveva impugnato sostenendo di avere presentato istanza di definizione ai sensi della L. n. 289 del 2002, art. 9 bis;

che l’Ufficio aveva replicato che il contribuente aveva realmente presentato istanza di condono, ma lo stesso non si era perfezionato in quanto non era stato versato l’intero importo dovuto;

che la Ctr ha dato ragione al contribuente ritenendo che tutte le forme di condono si perfezionano con la presentazione della istanza e il pagamento della prima rata;

che l’unico motivo di ricorso dell’Amministrazione finanziaria, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, dal Fisco, pone la questione se il condono previsto dalla L. n. 289 del 2002, art. 9 bis, comma 1 si perfeziona con il pagamento dell’unica rata o della prima rata, di modo che l’omesso o ritardato versamento delle rate successive legittimerebbe l’applicazione delle sanzioni solo sulla rata non versata (secondo la tesi della contribuente, fatta propria dalla sentenza impugnata) oppure se il mancato pagamento dell’importo dovuto, sia esso dipendente dall’omesso o tardivo versamento della prima (o dell’unica rata) o delle rate successive, escluda il perfezionamento delle condizioni necessarie per beneficiare dell’agevolazione (secondo la tesi dell’Agenzia delle entrate);

che il motivo è fondato: “Il condono fiscale L. n. 289 del 2002, ex art. 9 bis, che costituisce una forma di condono clemenziale, è condizionato all’integrale versamento di quanto dovuto, sicchè il pagamento parziale delle somme indicate nella dichiarazione integrativa ne comporta il mancato perfezionamento e non fa venir meno l’illiceità della condotta, neppure limitatamente alle somme parzialmente corrisposte, ma, al contrario, porta ad emersione il definitivo ed originario inadempimento dell’obbligazione tributaria, legittimando la pretesa sanzionatoria dell’Amministrazione finanziaria commisurata all’intero importo dell’imposta non versata nei termini di legge (Cass. n. 26683/2016)”;

che il ricorso va pertanto accolto e, non essendo necessari ulteriori accertamenti, la causa può essere decisa nel merito, con il rigetto del ricorso della contribuente.

PQM

 

accoglie il ricorso; cassa la sentenza e, decidendo nel merito, rigetta il ricorso della contribuente contro la cartella di pagamento; dichiara interamente compensate le spese del giudizio di merito; condanna l’intimata al pagamento delle spese del giudizio di legittimità in favore della controricorrente, che liquida in Euro 4.000.00 per compensi, oltre alle spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 6 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 28 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA