Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18753 del 13/09/2011

Cassazione civile sez. VI, 13/09/2011, (ud. 28/04/2011, dep. 13/09/2011), n.18753

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – Presidente –

Dott. SALVAGO Salvatore – Consigliere –

Dott. RORDORF Renato – Consigliere –

Dott. CECCHERINI Aldo – Consigliere –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 1650-2010 proposto da:

V.S. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA NICASTRO, 11 presso lo studio dell’Avvocato SILVIA STIVALI,

rappresentata e difesa dagli avvocati STRACUZZI ATTILIO, STRACUZZI

OTTAVIO giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

A.M. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIALE PARIOLI 60, presso lo studio dell’avvocato MARULLO DI

CONDOJANTNI FRANCESCO, che lo rappresenta e difende, giusta procura

speciale ad litem per atto notaio Claudio Rocca di Palermo, rep. n.

7923 del 1/03/2010, allegata in atti che s;

– controricorrente –

contro

PROCURATORE GENERALE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE D’APPELLO DI

MESSINA;

– intimato –

avverso la sentenza n. 648/2009 della CORTE D’APPELLO di MESSINA del

2/11/09, depositata il 18/11/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

28/04/2011 dal Consigliere Relatore Dott. MASSIMO DOGLIOTTI;

udito l’Avvocato Marullo Di Condojanni Francesco, difensore del

resistente che si riporta agli scritti;

è presente il P.G. in persona del Dott. IMMACOLATA ZENO che nulla

osserva.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte di Appello di Messina, con sentenza 18/11/2009, nell’ambito di un procedimento di divorzio (cessata la materia del contendere per delibazione di sentenza ecclesiastica di annullamento del matrimonio) rigettava le impugnazioni di entrambi i genitori V.S. e A.M., in ordine al mantenimento del figlio.

Ricorre per cassazione la V..

Si costituisce, ma non svolge attività difensiva scritta l’ A., che ha partecipato alla discussione orale, lamentando l’assenza di notifica del ricorso.

Il ricorso va dichiarato inammissibile per nullità della notifica.

Come emerge dalla sentenza impugnata, l’ A. aveva eletto domicilio in Messina, Via Cavalieri della Stella 33, presso l’Avv. Marnilo. Il ricorso è stato invece notificato al Dott. ALAJMO, in Messina Via Jaci n. 23 (Studio Sacca); va precisato che l’altro difensore Avv. Coppolino risulta del foro di Barcellona P.G..

Le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Condanna la ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, che liquida in Euro 900,00 per onorari ed Euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 28 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 13 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA