Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1873 del 28/01/2010

Cassazione civile sez. I, 28/01/2010, (ud. 28/09/2009, dep. 28/01/2010), n.1873

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUCCIOLI Maria Gabriella – Presidente –

Dott. PANEBIANCO Ugo Riccardo – Consigliere –

Dott. DI PALMA Salvatore – Consigliere –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – rel. Consigliere –

Dott. GIANCOLA Maria Cristina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 4166/2007 proposto da:

P.G. (c.f. (OMISSIS)), elettivamente

domiciliato in ROMA, PIAZZALE DELLE BELLE ARTI 1, presso l’avvocato

DE PAOLA Gabriele, che lo rappresenta e difende, giusta procura in

calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, in persona del Presidente pro

tempore, domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

L’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope

legis;

– controricorrente –

contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE;

– intimato –

avverso il decreto della CORTE D’APPELLO di GENOVA, depositato il

12/12/2005;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

28/09/2009 dal Consigliere Dott. MASSIMO DOGLIOTTI;

lette le conclusioni scritte del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RICCARDO FUZIO che chiede che la Corte di Cassazione, in Camera di

consiglio, accolga il ricorso per manifesta fondatezza, con le

conseguenze di legge.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso ritualmente depositato nei confronti della Presidenza.

del consiglio e del Ministero dell’Economia, P.G. impugnava il decreto della Corte d’Appello di Genova 20/10- 12/12/2005, che aveva rigettato la domanda dell’odierno ricorrente di pagamento di somma, quale equa riparazione del danno morale, derivante da irragionevole durata di procedimento.

Non si sono costituite la Presidenza del consiglio ed il Ministero dell’Economia.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Va preliminarmente dichiarato inammissibile il ricorso nei confronti del Ministero dell’Economia, non legittimato in causa.

Va invece accolto il ricorso nei confronti della Presidenza del consiglio.

Il giudice a quo ha rigettato il ricorso, con riferimento alla “posta in gioco” del procedimento presupposto: esistenza di precedenti contrari all’assunto fatto valere in giudizio, consapevolezza da parte dell’odierno ricorrente della difficoltà di ottenere una pronuncia favorevole. Secondo giurisprudenza consolidata, la posta in gioco non ha diretta rilevanza, salvo indicazioni specifiche e circostanziate non fornite da controparte.

Va altresì precisato che, per orientamento altrettanto consolidato, il danno non patrimoniale, pur non potendosi ravvisare in re ipsa, è comunque conseguenza diretta e “normale” della violazione del termine ragionevole. Può decidersi nel merito: considerato che il procedimento de quo iniziò nel settembre 1998 e si concluse nel maggio 2003 dinanzi al TAR e che la durata ragionevole deve individuarsi in tre anni, il superamento del termine va ravvisato in un anno ed otto mesi.

Sulla base dei parametri usuali della CEDU e di questa Corte, può determinarsi il danno morale in Euro 1.250,00 (milleduecentocinquanta/00), con interessi dalla domanda. Seguono la soccombenza le spese del giudizio di merito e del presente.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso nei confronti del Ministero dell’Economia; accoglie il ricorso nei confronti della Presidenza del Consiglio nei termini di cui in motivazione; cassa il decreto impugnato; decidendo nel merito, condanna l’amministrazione a corrispondere alla parte ricorrente la somma di Euro 1.250,00 (milleduecentocinquanta/00) per indennizzo, con interessi legali dalla domanda, e le spese del giudizio, che determina per il giudizio di merito nella somma di Euro 50,00 (cinquanta/00) per esborsi, Euro 313,00 (trecentotredici/00) per diritti ed Euro 420,00 (quattrocentoventi/00) per onorari, oltre spese generali ed accessori di legge; per il giudizio di legittimità in Euro 700,00 (settecento/00) per onorari ed Euro 100,00 (cento/00) per esborsi, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 28 settembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 28 gennaio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA