Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18704 del 13/09/2011

Cassazione civile sez. lav., 13/09/2011, (ud. 11/05/2011, dep. 13/09/2011), n.18704

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIDIRI Guido – Presidente –

Dott. TOFFOLI Saverio – Consigliere –

Dott. NOBILE Vittorio – Consigliere –

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Consigliere –

Dott. CURZIO Pietro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

C.P., domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso LA

CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’Avvocato GATTO VINCENZO, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

I.N.A.I.L. – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI

INFORTUNI SUL LAVORO, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE N. 144,

presso lo studio degli avvocati LA PECCERELLA LUIGI, RITA RASPANTI,

che lo rappresentano e difendono, giusta procura notarile in atti;

– resistente con procura –

avverso la sentenza n. 414/2008 della CORTE D’APPELLO di MESSINA,

depositata il 24/05/2008 R.G.N. 200/04;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

11/05/2011 dal Consigliere Dott. PIETRO CURZIO;

udito l’Avvocato FABBI RAFFAELLA per delega LA PECCERELLA LUIGI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

BASILE Tommaso che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

1. C.P. chiede l’annullamento della sentenza della Corte d’appello di Messina, pubblicata il 24 maggio 2008.

2. Il C., titolare di una rendita INAIL da malattia professionale del 47%, chiese l’innalzamento della rendita al 75%.

3. Il giudice di primo grado, espletata una consulenza tecnica d’ufficio accolse integralmente la domanda e condannò l’INAIL a costituire una rendita del 75% con decorrenza dal 1 gennaio 1999.

4. L’Istituto propose appello e la Corte ha riformato la decisione di primo grado, riducendo la rendita al 55% e facendola decorrere dal 1 gennaio 2001.

5. Il C. propone ricorso per cassazione articolato in due motivi. L’INAIL ha discusso la causa in udienza.

6. Il primo motivo concerne la diversa quantificazione della rendita.

La differenza deriva dalla nuova consulenza tecnica d’ufficio svolta in secondo grado ed è determinata dal fatto che il ctu di primo grado avrebbe considerato anche una malattia (l’artrosi polidistrettuale con limitazione funzionale) che, come l’INAIL ha eccepito in giudizio, non era stata oggetto della domanda.

7. Il ricorrente non contesta questo dato (mancata indicazione della malattia nella domanda di revisione), ma assume che la Corte d’appello, escludendo questa malattia, avrebbe violato l’art. 149 disp. att. c.p.c., poichè questa norma si applica anche in materia di infortuni sul lavoro e malattie professionali.

8. Il motivo è fondato.

9. L’art. 149 recita; “nelle controversia in materia di invalidità pensionabile deve essere valutato dal giudice anche l’aggravamento della malattia, nonchè tutte le infermità comunque incidenti sul complesso invalidante che si siano verificate nel corso tanto del procedimento amministrativo che di quello giudiziario”.

10. Tale norma, pur citando esclusivamente le controversie in materia di invalidità pensionabile, deve essere interpretata estensivamente, includendo anche le malattie professionali. E’, infatti, da tempo consolidato il principio di diritto (affermato da Cass., 15 luglio 1983, n. 4853) per cui “Ai fini dell’applicazione dell’art. 149 disp. att. cod. proc. civ. – che impone di tener conto anche di aggravamenti della malattia verificatisi nel corso tanto del procedimento amministrativo quanto di quello giudiziario -, per controversie in materia di invalidità pensionabile devono intendersi tutte le cause tendenti ad ottenere una prestazione previdenziale in dipendenza di uno stato di inabilità lavorativa, non essendo in alcun modo giustificata la previsione di un trattamento differenziato alla cui stregua risultino comprese nell’ambito della menzionata norma le cause di invalidità pensionabile collegate a malattie comuni e non quelle relative a trattamenti previdenziali collegati a malattie professionali o ad infortuni sul lavoro” (cfr. anche Cass. 3776 del 1985, 2904 del 1989, 6135 del 1990).

11. La Corte d’appello, in applicazione di questo orientamento consolidato, non avrebbe dovuto escludere la malattia per il solo fatto che non era stata indicata nella domanda di revisione.

12. Peraltro la Corte avrebbe dovuto verificare che tale malattia fosse sopravvenuta e, soprattutto, avrebbe dovuto verificare che anche questa malattia fosse legata da un nesso di causalità all’attività lavorativa del ricorrente. Il D.P.R. n. 1124 del 1965, art. 137 prevede che la misura della rendita possa essere elevata a causa di un peggioramento della malattia purchè “questo sia derivato dalla malattia professionale che ha dato luogo alla liquidazione della rendita”.

13. La sentenza pertanto sul punto deve essere cassata con rinvio ad altro giudice di merito.

14. Anche il secondo motivo è fondato. Il ricorrente denunzia una omissione di motivazione nella parte in cui la sentenza, senza fornire alcuna spiegazione, ha modificato la data di decorrenza della rendita revisionata. Mentre il Tribunale aveva fatto decorrere la rendita dal 1 gennaio 1999, la Corte la fa decorrere “dal 20 gennaio 2001” omettendo del tutto di spiegare il perchè di questa differenza. Anche sul punto, di conseguenza, la sentenza deve essere annullata con rinvio.

15. Il giudice del rinvio dovrà, quindi, decidere nel merito la controversia, tenendo conto del fatto che l’art. 149 disp. att. c.p.c. si applica anche alle malattie professionali e prendendo in esame, di conseguenza, anche le eventuali infermità intervenute nel corso del procedimento amministrativo o giudiziario, ma dovrà verificare che, in relazione a tali nuove infermità sussistano i requisiti di cui all’art. 137 t.u. infortuni sul lavoro e malattie professionali per la revisione della rendita. Il giudice di rinvio dovrà poi accertare la decorrenza della nuova rendita e dovrà deliberare in ordine alle spese, anche del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa e rinvia alla Corte d’appello di Catania, anche per la decisione in ordine alle spese.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 11 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 13 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA