Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18692 del 12/09/2011

Cassazione civile sez. I, 12/09/2011, (ud. 13/07/2011, dep. 12/09/2011), n.18692

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – Presidente –

Dott. DI PALMA Salvatore – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – rel. Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

P.A., T.G., T.A.,

TE.An., quali eredi di t.a.,

rappresentati e difesi dall’Avv. Mobilia Francesco, come da procura a

margine del ricorso, domiciliato per legge presso la cancelleria

della Corte di Cassazione in Roma;

– ricorrenti –

contro

MINISTERO DELLA ECONOMIA E DELLE FINANZE, in persona del Ministro

pro-

tempore, rappresentato e difeso, per legge, dall’Avvocatura generale

dello Stato, e presso gli Uffici di questa domiciliato in Roma, Via

dei Portoghesi, n. 12;

– controricorrente –

nonchè

sul ricorso proposto da:

MINISTERO DELLA ECONOMIA E DELLE FINANZE, come sopra domiciliato e

difeso;

– ricorrente incidentale –

contro.

P.A., T.G., T.A.,

TE.An., quali eredi di t.a., come sopra

domiciliati e difesi;

– controricorrenti al ricorso incidentale –

per la cassazione del decreto della Corte d’appello di Palermo n.

763/08 RG depositato il 16 marzo 2009.

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

giorno 13 luglio 2011 dal Consigliere relatore Dott. Vittorio

Zanichelli;

sentite le richieste del P.M., in persona del Sostituto Procuratore

Generale Dott. PRATIS Pierfelice che ha concluso per il solo secondo

motivo del ricorso principale e il rigetto del ricorso incidentale.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Le parti in epigrafe ricorrono per cassazione nei confronti del decreto della Corte d’appello che, accogliendo parzialmente la loro domanda, ha liquidato complessivamente Euro 5.000 per anni cinque di irragionevole ritardo in relazione al giudizio svoltosi avanti alla Corte dei Conti di Palermo dal 19.11.1999 al 21.2.2008.

L’intimata Amministrazione resiste con controricorso e propone ricorso incidentale cui resistono i ricorrenti intimati che hanno anche presentato memoria.

Il Collegio ha disposto la redazione della motivazione in forma semplificata.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

I ricorsi debbono preliminarmente essere riuniti in quanto proposti nei confronti dello stesso decreto.

Il primo motivo del ricorso principale con cui si lamenta l’insufficiente liquidazione dell’indennità per avere la Corte d’appello quantificato la durata irragionevole in anni cinque anzichè in anni cinque e mesi tre è inammissibile per carenza di interesse, posto che, potendo e dovendo la Corte, in esito alla cassazione del decreto impugnato, procedere alla decisione nel merito, l’importo che verrebbe liquidato alla stregua dei criteri seguiti in analoghe fattispecie (Sez. 1^, 14 ottobre 2009, n. 21840) non sarebbe in concreto superiore a quanto già stabilito.

Con il secondo motivo di ricorso si censura l’integrale compensazione delle spese contestandosi la motivazione secondo la quale sarebbero rilevanti la mancata opposizione alla domanda da parte dell’Amministrazione.

Il motivo è fondato in quanto da un lato la mancata opposizione da parte dell’Amministrazione è irrilevante, essendo la stessa comunque risultata soccombente, e dall’altra ben potendo lo Stato provvederà anche senza attendere la convocazione in giudizio.

E’ invece infondato il ricorso incidentale con cui si censura la misura dell’indennizzo in quanto il giudice del merito, con apprezzamento discrezionale e non censurabile in questa sede, si è mantenuto per la liquidazione dell’indennità nell’ambito dei parametri indicati dalla giurisprudenza della Corte.

Il ricorso principale deve dunque essere accolto nei limiti indicati.

Non essendo necessari ulteriori accertamenti in fatto, la causa può essere decisa nel merito e pertanto condannato il Ministero dell’Economia e delle Finanze al pagamento delle spese della fase di merito mentre la diversa soccombenza induce a compensare per un mezzo le spese di questa fase e condannare l’Amministrazione alla rifusione del residuo.

P.Q.M.

La Corte, riuniti i ricorsi, accoglie il secondo motivo del ricorso principale, dichiara inammissibile il primo e rigetta il ricorso incidentale, cassa il decreto impugnato in relazione al motivo accolto e, decidendo nel merito, condanna il ministero dell’Economia e delle Finanze alla rifusione delle spese processuali del giudizio di merito che liquida in complessivi Euro 873, di cui Euro 445 per onorari e Euro 378 per spese, oltre spese generali e accessori di legge, nonchè della metà di quelle del giudizio di legittimità che, per l’intero, liquida in complessivi Euro 600, di cui Euro 500 per onorari, oltre spese generali e accessori di legge; spese distratte in favore del difensore antistatario.

Così deciso in Roma, il 13 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 12 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA