Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18647 del 08/09/2020

Cassazione civile sez. II, 08/09/2020, (ud. 21/02/2020, dep. 08/09/2020), n.18647

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Presidente –

Dott. ORICCHIO Antonio – rel. Consigliere –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

Dott. DE MARZO Giuseppe – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20612/2019 proposto da:

C.M., rappresentato e difeso dall’avvocato CONSUELO FEROCI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, in persona del Ministro pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope

legis;

– controricorrente –

e contro

COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA PROTEZIONE

INTERNAZIONALE ANCONA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 3108/2018 della CORTE D’APPELLO di ANCONA,

depositata il 28/12/2018;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

21/02/2020 dal Consigliere Dott. ANTONIO ORICCHIO.

 

Fatto

RILEVATO

che:

è stata impugnata da C.M. la sentenza n. 3108/2018 della Corte di Appello di Ancona con ricorso fondato su due motivi e resistito con controricorso dalla parte intimata.

Per una migliore comprensione della fattispecie in giudizio va riepilogato, in breve e tenuto conto del tipo di decisione da adottare, quanto segue.

L’odierna parte ricorrente chiedeva, come da atti, alla competente Commissione Territoriale il riconoscimento della protezione internazionale.

La domanda veniva rigettata.

Impugnata la decisione della detta Commissione con successivo ricorso, quest’ultimo veniva rigettato con provvedimento ex art. 702-ter c.p.c., del Tribunale di Ancona, reso all’esito del procedimento n. R.G. 3813/2015.

Interposto appello dall’odierno ricorrente avverso la decisione del Tribunale stesso, l’adita Corte di Appello di Ancona, con sentenza n. 612/2017 dichiarava inammissibile l’impugnazione in quanto non tempestiva.

Di poi questa Corte, in accoglimento di un primo ricorso per cassazione proposto dall’odierno ricorrente, cassava – con ordinanza n. 787/2018, la suddetta decisione della Corte territoriale ritenuta la tempestività della notifica del gravame proposto correttamente con citazione.

Riassunto il giudizio la Corte di Appello di Ancona, con la sentenza oggi impugnata dal ricorrente, respingeva l’impugnazione avverso il provvedimento dei Tribunale di Ancona.

Il ricorso viene deciso ai sensi dell’art. 375 c.p.c., u.c., con ordinanza in Camera di consiglio non ricorrendo l’ipotesi di particolare rilevanza delle questioni in ordine alle quali la Corte deve pronunciare.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1.- Il primo motivo del ricorso è – testualmente così rubricato: “Errores in iudicando e in procedendo – Violazione e falsa applicazione della Convenzione di Ginevra del 28 luglio 1951 (e) della Direttiva 2004/83/CE, in particolare del D.Lgs. n. 251 del 2007, artt. 2,7,8 e 14”.

Il motivo prospetta, in sostanza, la violazione di legge quanto alla errata applicazione della disciplina dell’istituto della protezione sussidiaria che va concessa al cittadino di un paese terzo o apolide, che non possiede i requisiti per essere riconosciuto come rifugiato, ma nei cui confronti sussistono fondati motivi per ritenere che, se tornasse nel paese di origine, correrebbe un rischio effettivo di subire un grave danno.

Il motivo va rigettato.

Con la decisione oggi gravata e facendo corretta applicazione del principio già enunciato da questa Corte con sentenza n. 15783/2014 quanto all’onere probatorio nelle controversie in materia di protezione internazionale, la Corte territoriale ha rigettato l’appello a suo tempo proposto dall’odierno ricorrente.

Tanto in base al corretto accertamento, già avutosi da parte della competente Commissione territoriale e della decisione del Tribunale, della insussistenza delle condizioni per la connessione di qualsiasi forma di protezione internazionale, ivi inclusa quella sussidiaria.

E ciò rimarcando, in particolare, le generiche affermazioni del ricorrente che aveva “semplicemente affermato di aver paura di essere ucciso senza addurre alcun motivo a fondamento di tale timore”.

Il ricorso, invocando strumentalmente una pretesa violazione di legge, non ha – quindi – colto la ratio della sentenza per cui è ricorso per cassazione, la quale – con specifica, argomentata ed esaustiva motivazione- ha dato conto dell’insussistenza dei requisiti per il riconoscimento di quanto chiesto dal ricorrente.

La sentenza impugnata ha, peraltro ed in definitiva, affrontato ogni aspetto della questione e, quindi, l’inesistenza dei presupposti di fatto e di diritto per il riconoscimento dello status di rifugiato politico, della protezione sussidiaria o del soggiorno per motivi umanitari.

2.- Con il secondo motivo del ricorso si deduce alla violazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 32.

Il motivo può essere respinto per lo stesso ordine di argomentazioni innanzi già riportate.

3.- Il ricorso va, quindi, rigettato.

4.- Le spese seguono la soccombenza e si determinano come in dispositivo.

5.- Sussistono i presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso principale, a norma del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 bis, se dovuto non risultando il ricorrente ammesso in via definitiva al beneficio del gratuito patrocinio a spese dello Stato.

PQM

La Corte:

rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento in favore della parte controricorrente delle spese del giudizio, determinate in Euro 2.100,00, oltre spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, si dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 21 febbraio 2020.

Depositato in Cancelleria il 8 settembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA