Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18641 del 30/06/2021

Cassazione civile sez. VI, 30/06/2021, (ud. 13/05/2021, dep. 30/06/2021), n.18641

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – rel. Presidente –

Dott. GRASSO Giuseppe – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

Dott. GIANNACCARI Rossana – Consigliere –

Dott. VARRONE Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE ERRORE MATERIALE

sul ricorso 12335-2020 proposto da:

I.I., in qualità di unico erede del sig. I.V.,

elettivamente domiciliato in Roma, Via Atanasio Kircher 7, presso lo

studio dell’avvocato Stefania Iasonna, rappresentato e difeso

dall’avvocato Roberto Sodano;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA (OMISSIS), in persona del Ministro pro

tempore, elettivamente domiciliato in Roma, Via dei Portoghesi 12,

presso l’Avvocatura Generale dello Stato, che lo rappresenta e

difende ope legis;

– resistente –

avverso l’ordinanza n. 9710/2019 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di

ROMA, depositata il 05/04/2019;

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di Consiglio del

13/05/2021 dal Presidente LOMBARDO LUIGI GIOVANNI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

il Relatore ha avanzato la seguente proposta ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c.:

” I.I. ha chiesto la correzione dell’errore materiale asseritamente esistente nella ordinanza di questa Corte n. 9710/2019, consistente nel fatto che la condanna alla rifusione delle spese è stata pronunciata nei confronti del Ministero dell’Economia e delle Finanze, estraneo al giudizio, anzichè nei confronti del Ministero della Giustizia, parte del giudizio di cassazione; la parte intimata non ha svolto attività difensiva; il ricorso risulta fondato e va accolto, in quanto l’ordinanza è stata emessa nell’ambito di un giudizio nel quale la parte era il Ministero della Giustizia, e non il Ministero dell’Economia e delle Finanze”.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– il Collegio condivide la proposta del Relatore;

– va pertanto disposta la correzione della anzidetta sentenza, nel senso che, nel dispositivo, le parole “condanna il Ministero dell’Economia e delle Finanze” siano sostituite dalle parole “condanna il Ministero della Giustizia”;

– non vi è luogo a provvedere sulle spese del presente procedimento di correzione, in ragione della natura amministrativa dello stesso (cfr. Cass., Sez. 6 – 2, n. 12184 del 22/06/2020).

P.Q.M.

dispone la correzione della ordinanza di questa Corte n. 9710/2019, nel senso che, nel dispositivo, le parole “condanna il Ministero dell’Economia e delle Finanze” sono sostituite dalle parole “condanna il Ministero della Giustizia”.

Manda alla cancelleria per quanto di competenza.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sesta-2 Sezione Civile, il 13 maggio 2021.

Depositato in Cancelleria il 30 giugno 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA