Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18629 del 30/06/2021

Cassazione civile sez. VI, 30/06/2021, (ud. 21/04/2021, dep. 30/06/2021), n.18629

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ORILIA Lorenzo – Presidente –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – rel. Consigliere –

Dott. GIANNACCARI Rossana – Consigliere –

Dott. OLIVA Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1405-2020 proposto da:

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO

STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

M.C., rappresentato e difeso dall’avvocato GIUSEPPE

LUFRANO;

– controricorrente –

avverso l’ordinanza del TRIBUNALE di ANCONA, depositata il

2i/04/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di Consiglio del

21/04/2021 dal Consigliere Dott. SCARPA ANTONIO.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

Il Ministero della Giustizia ha proposto ricorso articolato in due motivi (1: violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002, artt. 84 e 170; 2: violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 133 e degli artt. 91 e 92 c.p.c.) avverso l’ordinanza del 22 giugno 2019 resa in sede di opposizione D.P.R. n. 115 del 2002 ex art. 170, dal Tribunale di Ancona.

M.C. resiste con contoricorso.

M.C., ammesso al patrocinio a spese dello Stato dal magistrato competente in un giudizio volto al riconoscimento della protezione internazionale, dopo che il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Ancona ne aveva rigettato la richiesta, aveva proposto opposizione avverso l’ordinanza del 9 febbraio 2018 con cui il Tribunale aveva liquidato i compensi spettanti al difensore con decorrenza dall’istanza D.P.R. n. 115 del 2002 ex art. 126. L’ordinanza, pronunciata all’esito dell’opposizione, ha riconosciuto e liquidato i compensi per le attività svolte anteriormente all’istanza D.P.R. n. 115 del 2002 ex art. 126, comma 3, rivolta al magistrato, avendo rilievo l’istanza proposta al Consiglio dell’Ordine, ed ha condannato il Ministero della Giustizia al rimborso delle spese processuali in favore del ricorrente.

Su proposta del relatore, che riteneva che il primo motivo di ricorso potesse essere accolto per manifesta fondatezza, con la conseguente definibilità nelle forme di cui all’art. 380-bis c.p.c., in relazione all’art. 375 c.p.c., comma 1, n. 5), il presidente ha fissato l’adunanza della Camera di Consiglio.

Il primo motivo di ricorso è fondato. Come da questa Corte più volte affermato (Cass. Sez. 6 – 2, 23/07/2020, n. 15699; Cass. Sez. 6 – 2, 18/06/2020, n. 11769; Cass. Sez. 6 – 2, 11/09/2018, n. 21997) in materia di patrocinio a carico dello Stato, la legittimazione dell’interessato, ovvero propriamente alla parte che si vuole avvalere del patrocinio a carico dello Stato, o che vi sia stata ammessa ma il cui beneficio sia stato poi revocato, è riconoscibile solo con riferimento all’opposizione avverso il decreto di rigetto dell’istanza di ammissione o di revoca del gratuito patrocinio. Viceversa, sussiste l’esclusiva legittimazione del difensore in proprio per la controversia, quale quella in esame, in tema di liquidazione del compenso a lui spettante (cfr. Cass. n. 10705/2014; Cass. n. 1539/2015; Cass. S.U. n. 26907/2016).

Rimane assorbito il secondo motivo di ricorso, in quanto al relativa censura, inerente al disposto del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 133 (secondo cui il provvedimento che pone a carico della parte soccombente non ammessa al patrocinio la rifusione delle spese processuali a favore della parte ammessa dispone che il pagamento sia eseguito a favore dello Stato), è diretta contro una statuizione che, per il suo carattere accessorio, è destinata ad essere travolta dall’annullamento che viene disposto della ordinanza impugnata.

Il ricorso va pertanto accolto e va cassata senza rinvio l’ordinanza impugnata, in quanto la causa non poteva essere proposta ex art. 382 c.p.c., comma 3, per difetto di legittimazione a proporre l’opposizione, liquidandosi le spese del giudizio di cassazione secondo soccombenza, stante la mancata costituzione del Ministero della Giustizia nel giudizio di opposizione.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo di ricorso, dichiara assorbito il secondo motivo, cassa senza rinvio l’ordinanza impugnata e condanna M.C. a rimborsare al Ministero della Giustizia le spese del giudizio di cassazione, che liquida in complessivi Euro 2.000,00, oltre spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della 6 – 2 Sezione civile della Corte suprema di cassazione, il 21 aprile 2021.

Depositato in Cancelleria il 30 giugno 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA