Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18611 del 10/08/2010

Cassazione civile sez. II, 10/08/2010, (ud. 22/06/2010, dep. 10/08/2010), n.18611

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – rel. Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

Sul ricorso proposto da:

M.P., M.G., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA PAOLO PARUTA 24, presso lo studio dell’avvocato QUALEATTI,

rappresentati e difesi dall’avvocato PALOMBA VINCENZO, giusta mandato

a margine del ricorso;

– ricorrenti –

contro

CONDOMINIO (OMISSIS);

– intimato –

avverso l’ordinanza n. R.G. 709/07 del TRIBUNALE DI TORRE ANNUNZIATA,

SEZIONE DISTACCATA DI TORRE DEL GRECO emessa il 5/02/08;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

22/06/2010 dal Consigliere Relatore Dott. GIOVANNI SETTIMJ;

e’ presente il P.G. in persona del Dott. ANTONIETTA CARESTIA.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Con ordinanza 5.2.08 il giudice unico del Tribunale di Torre Annunziata, sezione distaccata di Torre del Greco, dopo aver rilevato, nella parte motiva del provvedimento, la propria competenza a conoscere la causa introdotta dal Condominio (OMISSIS) nei confronti di M.G. e M.P. – i quali avevano preliminarmente eccepito la incompetenza per materia dell’adito giudice, riguardando la controversia l’uso di spazi comuni dal condominio adibiti a parcheggio -, sciogliendo la riserva assunta ha concesso i termini ex art. 183 c.p.c. e rinviato la causa ai sensi dell’art. 184 c.p.c..

M.G. e M.P. – premesso che la domanda proposta nei loro confronti dal Condominio riguardava il rispetto del regolamento condominiale ed in particolare dell’uso degli spazi comuni (parcheggio e sosta della loro auto in maniera fissa e continuativa) – impugnano per regolamento di competenza l’ordinanza su indicata, nella quale ravvisano un’errata applicazione dell’art. 7 c.p.c. sostenendo che, anche allorche’ si controverta sulla misura dei servizi condominiali, sussista la competenza del Giudice di Pace.

Il condominio non svolge attivita’ difensiva.

L’istanza di regolamento di competenza e’ inammissibile.

Confermando plurime precedenti pronunzie di legittimita’ in materia (Cass. 23891/06, 1648/05, 18199/04, 17549/ 02) le Sezioni Unite di questa Corte, con sentenza n. 11657 del 2 008, hanno ribadito come non ogni provvedimento con il quale il giudice decida una questione di competenza implichi necessariamente per il giudice stesso l’esaurimento della potestas iudicandi sul punto, ma solo quello adottato a seguito di precisazione delle conclusioni delle parti al riguardo, diversamente difettando i requisiti della decisorieta’ e della definitivita’ della pronunzia.

Allorche’, infatti, insorto tra le parti un contrasto circa la decisione immediata di una questione di competenza, con ordinanza riservata il giudice si limiti a ritenere, per il momento, la propria competenza ed a rinviare la causa per la trattazione ad altra udienza senza aver invitato preventivamente le parti a precisare le conclusioni, tale provvedimento ha natura puramente ordinatoria di ritenuta non decisivita’, allo stato degli atti, dell’eccezione, e, come tale, esprime unicamente il convincimento che la causa non sia matura per la decisione (art. 187 c.p.c., comma 3, ultima parte);

detta ordinanza, pertanto, non avendo portata decisoria autonoma, in quanto retrattabile e comunque inidonea a pregiudicare la decisione finale della causa anche sul punto, ma essendo diretta unicamente a giustificare la disposta prosecuzione del giudizio, non e’ suscettibile d’impugnazione con il regolamento di competenza, a differenza di quanto accade allorquando le parti – concordemente o su invito del giudice – abbiano provveduto alla precisazione delle conclusioni, in tal caso la statuizione affermativa della competenza avendo, ancorche’ resa in forma di ordinanza, indubbia natura di sentenza non definitiva impugnabile.

Parte intimata non avendo svolto difese in questa fase, non v’ha luogo a pronunzia sulle spese.

P.Q.M.

LA CORTE dichiara inammissibile il ricorso.

Cosi’ deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 22 giugno 2010.

Depositato in Cancelleria il 10 agosto 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA