Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18601 del 12/09/2011

Cassazione civile sez. I, 12/09/2011, (ud. 07/03/2011, dep. 12/09/2011), n.18601

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PLENTEDA Donato – Presidente –

Dott. SALME’ Giuseppe – Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

D.S., elettivamente domiciliato in Roma via

Germanico 107, presso lo studio dell’avv.to Picone Giuseppe,

rappresentato e difeso dall’avvocato CANDIANO Orlando Mario, giusta

procura a margine del ricorso per cassazione; (C.F.

(OMISSIS));

– ricorrente –

contro

Ministero della Giustizia, in persona del Ministro in carica pro

tempore, rappresentato e difeso dall’Avvocatura Generale dello Stato

e domiciliato presso i suoi uffici in Roma, via dei Portoghesi 12;

– controricorrente –

avverso il decreto della Corte di Appello di Lecce, sezione

promiscua, emesso il 30 luglio 2008, depositato il 2 settembre 2008,

R.G.V.G. n. 449/2007;

udita la relazione della causa svolta all’udienza del 7 marzo 2011

dal Consigliere Dott. Giacinto Bisogni;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

VELARDI Maurizio che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Rilevato che:

1. Il ricorrente impugna il decreto della Corte di Appello di Lecce che pronunciando sul ricorso per equa riparazione, proposto ai sensi dell’art. 6, par. 1^, della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, ha condannato il Ministero della Giustizia al pagamento della somma di 2.000,00 Euro con interessi legali dalla data del domanda;

2. la richiesta di equa riparazione si riferiva all’eccessiva durata del processo per risarcimento danni proposto nei confronti dei suoi ex locatori e che si era concluso, in primo grado, con una sentenza pronunciata dopo 7 anni e 3 mesi dalla citazione in giudizio;

3. La Corte di appello ha solo parzialmente accolto la domanda di equa riparazione proposta dal D. liquidando a favore del ricorrente la predetta somma di 2.000,00 Euro valutando in due anni il periodo eccedente il tempo di ragionevole durata del processo;

4. Con unico motivo di ricorso il D. lamenta la violazione della L. n. 89 del 2001, art. 2 e la motivazione illogica su un punto decisivo controverso;

5. Si difende con controricorso il Ministero;

ritenuto che:

1. il ricorso è inammissibile in quanto il ricorrente ha del tutto omesso la formulazione del quesito di diritto imposto, a pena di inammissibilità, dal testo, vigente al momento della proposizione del ricorso, dell’art. 366 bis c.p.c.;

2. ha inoltre omesso la formulazione di una sintesi idonea a identificare il punto decisivo della controversia su cui la motivazione sarebbe illogica e le ragioni che giustificano tale impugnazione per illogicità e tale omissione inficia per altro verso di inammissibilità il ricorso a mente del citato art. 366 bis c.p.c.;

3. pertanto il ricorso va dichiarato inammissibile con condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali del giudizio di cassazione che liquida in complessivi Euro 500,00 oltre spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 7 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 12 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA