Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18585 del 13/07/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 18585 Anno 2018
Presidente: MANNA FELICE
Relatore: ORICCHIO ANTONIO

ORDINANZA
sul ricorso 11775-2017 proposto da:
( ;I ANNON I AN’1()N10, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA
( ;1( )VAN N I BARRA( (() 2, presso lo studio dell’avvocato
A N( ;I 11 A S( )CCI(), che lo rappresenta e difende;

– ricorrente contro
CONDOMINIO ORCI IIDIA LARINO;

– intimato avverso la sentenza n. 135/2()17 del TRIBUNALE di LARI NO,
depositata il 10/03/2017;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non
partecipata del 18/04/2018 dal Consigliere Dott. ANTONIO
ORICCI 110.

Data pubblicazione: 13/07/2018

I,

Rilevato che :
è stata impugnata da Giannone Antonio la sentenza n.
135/2017 del Tribunale di Larino con ricorso fondato su un
unico articolato motivo.
Il ricorso non è resistito dalla parte intimata.

fattispecie in giudizio, riepilogare , in breve e tenuto conto
del tipo di decisione da adottare, quanto segue.
La gravata decisione – in accoglimento dell’appello innanzi
ad esso formulato dall’odierno ricorrente – revocava il D.I.
emesso in favore di quest’ultimo, così accogliendo
l’opposizione interposta dal Giannone.
Considerato che :
1.- Con l’articolato motivo del ricorso si censura il vizio di
violazione e falsa applicazione delle norme di diritto (art. 91
c.p.c.; 75 disp. att. c.p.c.) in relazione all’art. 360, n. 3
c.p.c., deducendo, altresì, la nullità della sentenza exart.
360, n. 4 c.p.c. “per inosservanza di norme regolatrici del
processo (art. 112 c.p.c.)”.
Con il motivo si lamenta, nella sostanza, che l’impugnata
sentenza – nel provvedere, come doveva, alla liquidazione
delle spese di lite – ha determinato le stesse con la
“generica espressione spese di lite”, senza alcuna
specificazione e distinzione rispetto agli svolti quattro gradi
in cui si era articolato (fino ad allora) il giudizio.

2

Giova, anche al fine di una migliore comprensione della

1.1.- Il motivo è manifestamente fondato (ex plurimis :
Cass. n. 24890/2011) stante il principio, qui ribadito, per
cui nella liquidazione delle spese di giudizio articolatosi in
vari gradi non può che provvedersi. all’uopo con specifica e
dettagliata indicazione delle partizione delle dette spese

2.- Il ricorso va, quindi, accolto con la pronuncia delle
consequenziali statuizioni.
P.Q.M.
La Corte
accoglie il ricorso , cassa l’impugnata sentenza e rinvia,
anche per le spese, al Tribunale di Larino in diversa
composizione.

Così deciso nella Camera di Consiglio della Sesta Sezione
Civile – 2 della Corte Suprema di Cassazione il
18 aprile 2018.

rispetto ai medesimi vari gradi del giudizio.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA