Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18555 del 10/08/2010

Cassazione civile sez. trib., 10/08/2010, (ud. 07/07/2010, dep. 10/08/2010), n.18555

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ALTIERI Enrico – Presidente –

Dott. BOGNANNI Salvatore – Consigliere –

Dott. SOTGIU Simonetta – Consigliere –

Dott. PERSICO Mariaida – rel. Consigliere –

Dott. DIDOMENICO Vincenzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 18859-2006 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, in persona del Ministro pro

tempore, elettivamente domiciliati in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che li rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrenti –

contro

G.A.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 104/2005 della COMM. TRIB. REG. SEZ. DIST. di

SIRACUSA, depositata il 26/05/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

07/07/2010 dal Consigliere Dott. MARIAIDA PERSICO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SEPE Ennio Attilio, che ha concluso per l’inammissibilità in

subordine il rigetto.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

G.A. propose ricorso avverso l’avviso di accertamento emesso dall’ufficio delle II.DD. di Siracusa per Irpef, SSN e tassa per l’Europa per l’anno d’imposta 1996 sulla base di parametri di congruità fissati dalla L. 28 dicembre 1995, art. 3, commi 179 e 189 eccependo la carenza dei requisiti di precisione, concordanza e gravità.

L’ufficio, costituitosi, dedusse la legittimità dell’atto.

La Commissione tributaria provinciale accolse il ricorso.

Contro tale sentenza proponeva appello l’ufficio sostenendo che l’accertamento mediante l’utilizzo dei parametri era stato legittimamente effettuato, in quanto i dati ottenuti assurgevano a presunzioni legali relative, con onere a carico del contribuente di dedurre e provare circa le cause della differenza tra il dichiarato e l’accertato.

La Commissione tributaria regionale rigettava l’appello.

Contro tale ultima sentenza ricorre per cassazione il Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’Agenzia delle Entrate con motivo unico.

Il contribuente non controdeduce.

Tanto premesso, la Corte, rilevato che il ricorso in esame è stato notificato a mezzo posta, ai sensi dell’art. 140 cod. proc. civ., e che i ricorrenti non hanno provveduto al deposito degli avvisi di ricevimento delle raccomandate; che ciò determina, in mancanza della costituzione in giudizio dell’intimato, l’inammissibilità del ricorso, per assenza di prova della valida instaurazione del contraddittorio (Cass., Sez. un., n. 627 del 2008); che non v’è luogo a provvedere sulle spese.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, il 7 luglio 2010.

Depositato in Cancelleria il 10 agosto 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA