Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18531 del 21/09/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 21/09/2016, (ud. 09/06/2016, dep. 21/09/2016), n.18531

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ARMANO Uliana – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – Consigliere –

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – rel. Consigliere –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul regolamento di competenza d’ufficio proposto dal Tribunale di

Torre Annunziata con ordinanza n. 2654/13 del 10/01/2016, depositata

del 25/01/2016, nel procedimento pendente tra:

G.R.F.;

COMUNE DI META, EQUITALIA SUD SPA;

sulle conclusioni scritte dal P.G. in persona del Dott. ALBERTO

CELESTE che, visto l’art. 380 ter c.p.c., chiede che la Corte di

cassazione, in Camera di consiglio, ritenga fondata l’istanza di

regolamento di competenza d’ufficio e dichiari competente il Giudice

di Pace di Torre Annunziata, con le conseguenze di legge;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

09/06/2016 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONIETTA SCRIMA.

Fatto

FATTO E DIRITTO

1. Il Giudice di pace di Castellamare di Stabia – dinanzi al quale G.R.F. aveva proposto opposizione al preavviso di fermo amministrativo in relazione ad un suo veicolo per mancato pagamento di cartelle esattoriali afferenti a violazioni al C.d.S. – Comune di Meta) -, con sentenza depositata il 28/06/2015, ritenendo la natura esecutiva del preavviso di fermo e, quindi, l’opposizione allo stesso assimilabile alle opposizioni esecutive, declinava la sua competenza per essere competente per materia ex art. 9 c.p.c., il Tribunale di Torre Annunziata – Sezione distaccata di Castellammare di Stabia.

2. Il Tribunale di Torre Annunziata, dinanzi al quale la causa è stata riassunta, richiamata l’ordinanza n. 15354 del 27/07/2015 emessa dalle Sezioni Unite di questa Corte, rilevato che il fermo amministrativo e il relativo preavviso non possono essere considerati atti esecutivi, ma sono atti discrezionali dell’agente di riscossione che non costituiscono atti indispensabili per l’avvio della procedura esecutiva e ritenuta sussistente la competenza per materia del Giudice di pace di Torre Annunziata, fondandosi il preavviso in questione su contravvenzione al C.d.S., con ordinanza depositata il 25/01/2016, ha chiesto d’ufficio il regolamento di competenza.

Le parti non hanno svolto attività difensiva in questa sede.

Il P.G., ritenendo fondata l’istanza proposta ex art. 45 c.p.c., ha concluso per la declaratoria di competenza del Giudice di pace di Torre Annunziata, con le conseguenze di legge.

3. Il richiesto regolamento di competenza di ufficio è fondato.

Con ordinanza n. 15354 del 22/07/2015 le Sezioni Unite di questa Corte hanno affermato il principio, condiviso dal Collegio, secondo cui il fermo amministrativo di beni mobili registrati ha natura non già di atto di espropriazione forzata, ma di procedura a questa alternativa, trattandosi di misura puramente afflittiva volta ad indurre il debitore all’adempimento, sicchè la sua impugnativa, sostanziandosi in un’azione di accertamento negativo della pretesa creditoria, segue le regole generali del rito ordinario di cognizione in tema di riparto della competenza per materia e per valore.

Osserva il Collegio che il preavviso di fermo amministrativo opposto si riferisce al mancato pagamento di cartelle esattoriali derivanti da violazioni di norme del codice della strada. Deve, quindi, farsi applicazione del principio di recente affermato da questa Corte, secondo cui, pur dovendo qualificarsi come ordinaria azione di accertamento negativo e non come opposizione esecutiva, l’opposizione a preavviso di fermo amministrativo D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, ex art. 86, in relazione a cartelle di pagamento di somme a titolo di sanzioni amministrative per violazioni del codice della strada va proposta, per ragioni di competenza per materia sulla pretesa creditoria, al giudice di pace in applicazione dei criteri del D.Lgs. 10 settembre 2011, n. 150, art. 6, comma 3 e art. 7 (Cass., ord., 10 maggio 2016, n. 9447).

4. Va, pertanto, dichiarata la competenza del Giudice di pace di Torre Annunziata, dinanzi al quale la causa andrà riassunta nei termini di legge.

5. Non vi è luogo a pronuncia sulle spese, trattandosi di regolamento di competenza richiesto d’ufficio.

PQM

La Corte dichiara la competenza del Giudice di pace di Torre Annunziata.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile – 3, della Corte Suprema di Cassazione, il 9 giugno 2016.

Depositato in Cancelleria il 21 settembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA