Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18528 del 09/09/2011

Cassazione civile sez. lav., 09/09/2011, (ud. 14/07/2011, dep. 09/09/2011), n.18528

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio – Presidente –

Dott. LA TERZA Maura – rel. Consigliere –

Dott. BANDINI Giancarlo – Consigliere –

Dott. FILABOZZI Antonio – Consigliere –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

M.F., già elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI

GONZAGA 37, presso l’abitazione del Sig. BATTAGLIA SALVATORE,

rappresentata e difesa dall’avvocato DI FRANCESCO OLINDO, giusta

delega in atti e da ultimo domiciliata presso LA CANCELLERIA DELLA

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA DELLA FREZZA N. 17, presso l’Avvocatura Centrale

dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli avvocati FABIANI

GIUSEPPE, TRIOLO VINCENZO, STUMPO VINCENZO, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 107/2 006 della CORTE D’APPELLO di PALERMO,

depositata il 03/03/2006 R.G.N. 392/03;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

14/07/2011 dal Consigliere Dott. MAURA LA TERZA;

udito l’Avvocato MARIA ATHENA LORIZIO per delega DI FRANCESCO OLINDO;

udito l’Avvocato TRIOLO VINCENZO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GAETA Pietro che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso del 1999 M.F., n.q. di tutore di G.S. – premesso che questi, trasferito alla Iniziativa Siciliana spa, era stato collocato in Cigs dal 28.3.83, indi, in data 4.4.91 era transitato alla Arp Azienda di reimpiego di (OMISSIS), rimanendo in Cigs fino al 19.10.1994, data di collocamento in mobilità – lamentava che l’Inps aveva corrisposto all’interessato solo la somma di L. 3.799.353 maturata alle dipendenze della Arp, sicuramente inferiore a quella spettante per l’intero periodo dal 28.3.83 al 18.10.1994, comprensiva di rivalutazione e interessi.

Lamentava altresì la mancata corresponsione della integrazione salariale sia per i periodi di restrizione della libertà personale, sia tra l’uno e l’altro di essi, nonchè la omessa erogazione dell’indennità di mobilità dal 19.10.94, nonostante la sussistenza delle condizioni di legge; chiedeva quindi la condanna dell’Inps alla erogazione della Cigs, dell’indennità di mobilità e del TFR maturato per l’intero periodo, detratto quanto già percepito.

L’Inps si costituiva tardivamente ed eccepiva la improcedibilità e la decadenza dalle domande di Cigs e i indennità di mobilità, nonchè la prescrizione del diritto alla integrazione salariale;

contestava la debenza dell’indennità di mobilità e sottolineava che il TFR era stato liquidato sulla base solo dei periodi di integrazione pagati. Il Tribunale di Agrigento, rilevata la tardività delle eccezioni di improcedibilità e di prescrizione, ritenuto che era maturata la decadenza sia in relazione alla Cigs per gli intervalli tra i vari periodi di restrizione della libertà (ritenendo che la medesima non spettasse durante la detenzione), sia in relazione all’indennità di mobilità, condannava l’Inps solo alle differenze di TFR tra quanto spettante comprendendo nel calcolo i suddetti periodi e la minor somma erogata.

Sull’appello della M., la Corte d’appello di Palermo confermava la statuizione di primo grado. I Giudici d’appello affermavano preliminarmente che la decadenza era rilevabile d’ufficio, onde era irrilevante la tardività della costituzione in giudizio dell’Inps. La Corte escludeva poi il diritto alla Cigs durante i periodi di detenzione, per l’espiazione di condanne definitive. Con riferimento al diritto alla Cigs per i periodi di rimessione in libertà, riteneva maturata la decadenza, giacchè dalla data del 29 maggio 1987, quando la prestazione era stata sospesa, l’interessato aveva il termine di cinque anni e 300 giorni per proporre l’azione giudiziaria, termine che scadeva dunque il 30 agosto 1993; avendolo iniziato il giudizio il primo ottobre 1999, si era verificata la decadenza per i ratei anteriori al quinquennio, ossia per quelli anteriori al primo ottobre 1994 , dopo il quale non vi erano più stati periodi di libertà. La Corte confermava la decadenza anche in relazione alla indennità di mobilità, in quanto la relativa domanda non era stata presentata entro i 68 giorni dal licenziamento. Con la medesima sentenza si escludeva altresì la maturazione del TFR per i periodi corrispondenti allo stato di detenzione.

Avverso detta sentenza la M. propone ricorso con sei motivi.

Resiste l’Inps con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo, denunziando violazione degli artt. 416 e 112 c.p.c. dell’art. 2969 cod. civ., nonchè degli artt. 3, 97 e 24 Cost., si censura la sentenza per avere rilevato d’ufficio la decadenza dall’azione giudiziaria.

Il motivo non merita accoglimento . La sentenza impugnata è infatti conforme alla giurisprudenza di questa Corte, essendosi più volte affermato (tra le tante Cass. n. 12508 del 21/09/2000) che: ” La decadenza processuale, che sanziona – a norma del D.P.R. n. 639 del 1970, art. 47, commi 2 e 3 nel testo di cui al D.L. n. 384 del 1992, art. 4, comma 1 convertito dalla L. n. 438 del 1992 – la mancata proposizione, entro termini computati in riferimento a determinati svolgimenti del procedimento amministrativo, dell’azione giudiziaria diretta al riconoscimento di determinate prestazioni previdenziali, è dettata a protezione dell’interesse pubblico alla definitività e certezza delle determinazioni concernenti erogazioni di spese gravanti su bilanci pubblici e, di conseguenza, è sottratta alla disponibilità della parte: pertanto tale decadenza è s rilevabile d’ufficio – salvo il limite del giudicato – in ogni stato e grado del giudizio, e quindi è opponibile anche tardivamente dall’istituto previdenziale”.

Con il secondo motivo, denunziando violazione del D.P.R. n. 639 del 1970, art. 47 modificato dal D.L. n. 384 del 1992, art. 4 convertito in L. n. 438 del 1992 e difetto di motivazione, si sostiene che era errata la pronuncia di decadenza sui ratei della Cigs; questa infatti era già stata autorizzata, era stata poi sospesa il 29.5.87 ed il 30 ottobre 1987 era stato proposto il ricorso giudiziario.

Neppure questo motivo merita accoglimento. E’ ben vero che la stessa sentenza impugnata fa riferimento ad un ricorso depositato il 30 ottobre 1987, ma aggiunge che con esso si facevano valere “analoghe pretese”. Non si trattava quindi, per quanto risulta in sentenza, della domanda di ripristino della Cigs, e con la presente impugnazione non si precisa quale fosse l’oggetto di quel ricorso, onde la censura non essendo sufficientemente specifica, non è idonea a dimostrare alcun errore della statuizione in oggetto.

Con il terzo mezzo, denunziando violazione della L. n. 464 del 1972, art. 1 della L. n. 160 del 1988, art. 1 e della L. n. 56 del 1997, art. 19 si sostiene che spetterebbe la Cigs anche durante i periodi di detenzione.

La censura è infondata, essendosi già ritenuto (Cass. n. 10087 del 16/10/1990) che “Lo stato di carcerazione preventiva (o di custodia cautelare) del lavoratore subordinato – che, non rientrando tra le ipotesi, tutelate dalla legge, di impossibilità temporanea della prestazione, quale la malattia e le altre situazioni contemplate dall’art. 2110 cod. civ., comporta la perdita del diritto alla retribuzione per tutto il tempo in cui si protrae la carcerazione medesima – analogamente determina la cessazione del trattamento di integrazione salariale a carico della C.i.G. cui sia stato ammesso il lavoratore medesimo, trattamento che, per il fatto di sostituirsi alla retribuzione altrimenti dovuta dal datore di lavoro, presuppone la spettanza di questa; senza che possa operare il principio della cosiddetta priorità della causa sospensiva della prestazione lavorativa, secondo il quale si considera prevalente ai fini del trattamento retributivo la causa verificatasi prima, atteso che esso si riferisce unicamente alle suddette cause legali di sospensione con diritto alla retribuzione. ” Non vi è dubbio infatti che il godimento della Cigs presuppone l’obbligo di pronta disponibilità, sia a riprendere servizio alla chiamata dell’azienda in crisi o in ristrutturazione, sia a svolgere lavori socialmente utili o a partecipare a corsi di formazione, mentre detta disponibilità è ovviamente inibita dallo stato di carcerazione.

Con il quarto motivo, denunziando violazione della L. n. 233 del 1991, art. 7, del R.D.L. n. 1827 del 1935, artt. 129 e 73 convertito in L. n. 1155 del 1936 e difetto di motivazione, si sostiene che non era necessaria la domanda per ottenere l’indennità di mobilità e quindi, contrariamente a quanto affermato dai Giudici di merito, la ravvisata decadenza non poteva operare.

Il motivo è infondato, dal momento che le Sezioni unite di questa Corte, componendo un contrasto di giurisprudenza, con la sentenza n. 17389 del 06/12/2002, hanno affermato che “L’indennità di mobilità, di cui alla L. 23 luglio 1991, n. 223, art. 7 costituisce un trattamento di disoccupazione che ha la sua fonte nella legge, ma non sorge nel lavoratore in via automatica, presupponendo, come tutti i trattamenti previdenziali, la presentazione di una domanda all’INPS – che non potrebbe altrimenti attivarsi non conoscendo le relative condizioni – entro i termini di decadenza stabiliti dalla normativa in materia di disoccupazione involontaria, applicabile per l’indennità di mobilità in virtù dello specifico richiamo operato nel comma dodicesimo del citato art. 7 (sì che tale normativa deve considerarsi inserita a tutti gli effetti formali e sostanziali nella nuova norma istitutiva dell’indennità di mobilità), così com’è dimostrato, d’altra parte, dalla disposizione di cui alla L. 23 maggio 1997, n. 135, art. 20 ter che ha introdotto una sanatoria per le domande di concessione dell’indennità presentate anteriormente al 31 marzo 1992, per le quali si fosse già avverata la decadenza dal relativo diritto”. E’ quindi corretta la statuizione della sentenza impugnata per cui la indennità di mobilità non spettava per mancanza della domanda proposta nel termine di legge.

Parimenti infondato è il quinto motivo, con cui si deduce l’ignoranza scusabile sulla necessità di proporre la domanda relativa all’indennità di mobilità, con conseguente diritto alla rimessione in termini. Si tratta infatti di questione nuova, sollevata solo in questa sede, giacchè la sentenza impugnata non ne fa cenno, pur avendo confermato la statuizione di primo grado con cui era stata dichiarata detta decadenza, nè in ricorso si lamenta la omessa pronunzia sul punto. Non è meritevole di accoglimento neppure il sesto motivo, con cui si lamenta che ai fini del TFR non siano stati computati i periodi di carcerazione; il TFR spetta solo per i periodi in cui la Cigs sia effettivamente dovuta, il che è da escludere per i periodi di carcerazione, come ormai accertato a seguito del rigetto del terzo motivo. Conclusivamente il ricorso va rigettato.

Nulla per le spese ex art. 152 disp. att. c.p.c. nel testo anteriore alle modifiche del 2003, non applicabili ratione temporis.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 14 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 9 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA