Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 185 del 04/01/2011

Cassazione civile sez. II, 04/01/2011, (ud. 07/10/2010, dep. 04/01/2011), n.185

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – rel. Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 31014/2006 proposto da:

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE in persona del Ministro pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende, ope legis;

– ricorrente –

contro

B.L.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 350/2004 del GIUDICE DI PACE di ALTAMURA del

13.12.04, depositata il 05/09/2005;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

07/10/2010 dal Consigliere Relatore Dott. PASQUALE D’ASCOLA.

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. GIAMPAOLO

LECCISI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Il giudice di pace di Altamura con sentenza del 5 settembre 2005 accoglieva il ricorso proposto da B.L. per impugnare la sanzione amministrativa di cui all’ordinanza ingiunzione n. 200/04, con la quale l’Ispettorato Repressione frodi aveva contestato la violazione della L. n. 898 del 1986, artt. 2 e 3. Rilevava che l’ordinanza era caduta in prescrizione, per il decorso di oltre cinque anni dalla data di conseguimento del contributo comunitario.

Il Ministero delle Politiche agricole, difeso dall’Avvocatura dello Stato, ha proposto ricorso per cassazione, notificato il 31 ottobre/6 novembre 2006.

L’opponente è rimasta intimata.

Avviata la trattazione con il rito previsto per il procedimento in camera di consiglio, il procuratore generale ha chiesto la declaratoria di inammissibilità del ricorso.

Chiamata all’adunanza camerale del 25 novembre 2008, la causa è stata rinviata per acquisire il fascicolo di ufficio.

Il ricorso lamenta che il giudice di pace non ha tenuto conto dell’atto interruttivo della prescrizione costituito dalla contestazione dell’illecito effettuata il 27/28 maggio 2002; tale atto era intervenuto tra la data di percepimento dei contributi (24 giugno 1998) e la data di notifica dell’ordinanza ingiunzione (30 luglio 2004), interrompendo la prescrizione.

La censura è fondata. La sentenza ha correttamente rilevato la data di conseguimento del contributo comunitario, 24 giugno 1998, giorno dal quale decorreva la prescrizione e ha considerato che la prescrizione fosse maturata perchè l’ordinanza ingiunzione era stata notificata oltre cinque anni dopo, nel luglio 2004.

In tal modo il giudice di pace ha implicitamente ritenuto che solo l’ordinanza ingiunzione sia atto idoneo a interrompere la prescrizione del diritto dell’amministrazione alla riscossione della pena pecuniaria, così violando il disposto dell’art. 2943 c.c. e della L. n. 689 del 1981, artt. 14 e 28, puntualmente invocati in ricorso. Invero in tema di sanzioni amministrative, ogni atto del procedimento previsto dalla legge per l’accertamento della violazione e per l’irrogazione della sanzione ha la funzione di far valere il diritto dell’Amministrazione alla riscossione della pena pecuniaria, in quanto, costituendo esso esercizio della pretesa sanzionatoria, è idoneo a costituire in mora il debitore ai sensi dell’art. 2943 cod. civ., con conseguente effetto interruttivo della prescrizione (Cass. 4088/05; 1081/07; 18064/07; 28238/08), effetto rilevabile anche d’ufficio ove, come nella specie, risultante dagli atti (Cass. SS.UU. 15661/05). Pertanto anche la contestazione dell’illecito notificata L. n. 689 del 1981, ex art. 14, è atto idoneo allo scopo.

La sentenza ha omesso di considerare la rilevanza giuridica di tale risultanza, descritta in ricorso, sicchè la censura, che per la sua formulazione sembra essere stata prospettata anche sotto il profilo del vizio di motivazione (Cass. SU 10313/06) è fondata sotto ogni profilo.

Discende da quanto esposto l’accoglimento del ricorso.

La sentenza va cassata e la cognizione rimessa ad altro giudice di pace di Altamura, che si atterrà al principio di diritto sopraenunciato e provvedere anche alla liquidazione delle spese di questo giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, ad altro giudice di pace di Altamura.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile, il 7 ottobre 2010.

Depositato in Cancelleria il 4 gennaio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA