Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18497 del 08/09/2011

Cassazione civile sez. VI, 08/09/2011, (ud. 30/06/2011, dep. 08/09/2011), n.18497

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – Presidente –

Dott. RORDORF Renato – Consigliere –

Dott. FORTE Fabrizio – Consigliere –

Dott. DI PALMA Salvatore – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

F.S. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA VIA P. LEONARDI CATTOLICA 3, presso lo studio dell’avvocato

FERRARA ALESSANDRO, rappresentato e difeso da se stesso;

– ricorrente –

contro

PREFETTURA di ROMA;

– intimata –

avverso l’ordinanza n. 20914/2009 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA del 30/06/09, depositata il 29/09/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

30/06/2011 dal Consigliere Relatore Dott. CARLO DE CHIARA;

è presente il P.G. in persona del Dott. ANTONIETTA CARESTIA.

Fatto

PREMESSO IN FATTO

che nella relazione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c. si legge quanto segue:

“1. – Con sentenza rectius: ordinanza 29 settembre 2009, n. 20914, questa Corte ha accolto il ricorso proposto dal sig. K.T., difeso dall’avv. F.S., condannando l’intimato Prefetto di Roma al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, liquidate in Euro 1.700,00, di cui 200,00 per esborsi, oltre spese generali ed accessori di legge.

L’avv. F. ha proposto istanza di correzione materiale della sentenza rectius: ordinanza nella parte in cui ha omesso di provvedere sulla sua istanza di distrazione delle spese processuali.

Il Prefetto intimato non ha svolto difese.

2. – Il ricorso, ammissibile (cfr. Cass. Sez. Un. 16037/2010), è altresì fondato, trovando la lamentata omissione riscontro in atti.”.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che detta relazione è stata ritualmente comunicata al P.M. e notificata al ricorrente;

che non sono state presentate conclusioni o memorie;

che il Collegio condivide quanto osservato nella relazione sopra trascritta;

che, pertanto, in accoglimento del ricorso, la sentenza impugnata va rettificata disponendo la distrazione in favore del ricorrente delle spese processuali liquidate;

che nel procedimento di correzione di errori materiali non vi è luogo a provvedere sulle spese processuali (Cass. 591/1983 e successive conformi).

P.Q.M.

La Corte dispone la correzione del dispositivo della propria ordinanza 29 settembre 2009, n. 20914 mediante l’aggiunta, in fine, delle seguenti parole: “e delle quali dispone la distrazione in favore dell’antistatario avv. F.S.”.

Così deciso in Roma, il 30 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 8 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA