Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18465 del 21/09/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. trib., 21/09/2016, (ud. 18/05/2016, dep. 21/09/2016), n.18465

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Consigliere –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. SABATO Raffaele – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 27725/2014 proposto da:

CONSORZIO BONIFICA BRADANO E METAPONTO, in persona del Commissario

Straordinario, elettivamente domiciliato in ROMA VIA ANTONIO GRAMSCI

9, presso lo studio dell’avvocato ARCANGELO GUZZO, che lo

rappresenta e difende giusta delega a margine;

– ricorrente –

contro

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI MATERA;

– intimato –

avverso la sentenza n. 300/2013 della COMM. TRIB. REG. di POTENZA

depositata l’11/10/2013;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

18/05/2016 dal Consigliere Dott. RAFFAELE SABATO;

udito per il ricorrente l’Avvocato GOZZO che reitera la richiesta di

estinzione;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GIACALONE Giovanni, che ha concluso per l’estinzione del ricorso per

rinuncia.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Contro la sentenza resa dalla commissione tributaria regionale della Basilicata in Potenza n. 300/1/13 depositata l’11 ottobre 2013, che confermava pronuncia della commissione provinciale di Matera che dichiarava non tenuti beni dell’Amministrazione provinciale alla contribuzione di bonifica nei confronti del Consorzio di Bonifica Bradano e Metaponto, per i quali la concessionaria per la riscossione aveva emesso cartella di pagamento, il Consorzio propone ricorso per cassazione, affidato a quattro motivi, rispetto al quale l’Amministrazione provinciale non svolge difese.

Il Consorzio e il suo difensore sottoscrivono in data 26 aprile e depositano in data 2 maggio 2016 rinuncia al ricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. – Va rilevato che, a seguito della dichiarazione di rinunzia del ricorrente, nonostante l’assenza della prova del perfezionamento del procedimento di notifica a controparte, deve ritenersi venuto meno l’interesse delle parti alla decisione da parte di questa corte di legittimità.

Infatti è denotato in modo chiaro – purchè, come avviene nel caso di specie (in cui l’intimata non manifesta alcun interesse alla decisione), in difetto di altre attività di controparte tendenti ad ottenere comunque la pronuncia sull’oggetto del contendere – il venire meno definitivo di ogni interesse alla decisione del ricorso.

2. – Non vi è luogo per provvedimenti sulle spese, non essendosi l’intimata difesa.

PQM

La corte dichiara l’estinzione del procedimento; nulla sulle spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Quinta Civile, il 18 luglio 2016.

Depositato in Cancelleria il 21 settembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA