Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18446 del 08/09/2011

Cassazione civile sez. I, 08/09/2011, (ud. 07/06/2011, dep. 08/09/2011), n.18446

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITRONE Ugo – Presidente –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – rel. Consigliere –

Dott. CULTRERA Maria Rosaria – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 31278-2005 proposto da:

D.G. (C.F. (OMISSIS)), elettivamente

domiciliato in ROMA, PIAZZALE DELLE BELLE ARTI 8, presso l’avvocato

PELLICANO’ ANTONINO, che lo rappresenta e difende, giusta procura a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

AGEA, in persona del legale rappresentante pro tempore, domiciliata

in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO

STATO, che la rappresenta e difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 40026/2004 del GIUDICE DI PACE di ROMA,

depositata il 25/10/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

07/06/2011 dal Consigliere Dott. MASSIMO DOGLIOTTI;

udito, per il ricorrente, l’Avvocato PELLICANO’ ANTONINO che ha

chiesto l’accoglimento del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale dott.

LETTIERI Nicola che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con citazione ritualmente notificata, D.G. conveniva in giudizio l’AGEA – Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura, per sentirla condannare al pagamento della somma di Euro 379,61, somma dovuta per “aiuto alla produzione dell’olio d’oliva” per la campagna olearia 1992/93, illegittimamente a lui non corrisposta.

Costituitosi il contraddittorio, l’AGEA chiedeva rigettarsi la domanda dell’attore. Il Giudice di Pace di Roma, con sentenza 14/25- 10-2004, rigettava la domanda. Ricorre per cassazione il D., sulla base di tre motivi. Resiste, con controricorso, l’AGEA. Il D. ha presentato memoria per l’udienza. Il Collegio dispone redigersi la presente sentenza con motivazione semplificata.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso va dichiarato inammissibile.

Nella prima parte di esso, si parla di D., e la sentenza prodotta è stata emessa appunto nei confronti di tale soggetto.

Successivamente peraltro il ricorso tratta di certo C. G., evidentemente altro olivicoltore, che vanta nei confronti dell’AGEA un debito di importo diverso. Si chiede infine, nelle conclusioni, che sia annullata la sentenza n. 40198 del 2004, non corrispondente a quella prodotta (n. 40026 del 2004).

Vi è dunque totale incertezza sull’identità del ricorrente e sulla sentenza impugnata: posto che è da considerarsi ricorrente il soggetto che ha rilasciato la procura alle liti, a margine del ricorso, D.G., il ricorso stesso si riferisce prevalentemente ad altra persona ed a una pronuncia diversa da quella prodotta.

Le spese seguono la soccombenza.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, che liquida in Euro 300,00 per onorari ed Euro 100,00 per esborsi, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 7 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 8 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA