Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18403 del 09/07/2019

Cassazione civile sez. lav., 09/07/2019, (ud. 18/04/2019, dep. 09/07/2019), n.18403

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Presidente –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. MAROTTA Caterina – Consigliere –

Dott. TRICOMI Irene – Consigliere –

Dott. DE MARINIS Nicola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2258-2014 proposto da:

MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITA’ RICERCA C.F. (OMISSIS), in persona

del Ministro pro tempore, ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CASTELLO DI

MIRAFIORI TORINO, in persona del legale rappresentante pro tempore

domiciliati in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso L’AVVOCATURA

GENERALE DELLO STATO, che li rappresenta e difende ope legis;

– ricorrenti –

contro

C.R., L.M.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 648/2013 della CORTE D’APPELLO di TORINO,

depositata il 16/07/2013 R.G.N. 883/2012.

Fatto

RILEVATO

che con sentenza del 16 luglio 2013, la Corte d’Appello di Torino confermava la decisione resa dal Tribunale di Torino e accoglieva la domanda proposta da C.M. e L.M. nei confronti dell’Istituto Comprensivo Statale “Castello di Mirafiori” avente ad oggetto la condanna del predetto Istituto, quale responsabile in solido, D.Lgs. n. 276 del 2003, ex art. 29,comma 2, con la “Creattività s.c.s.”, società cooperativa in liquidazione, per la corresponsione delle retribuzioni alle suddette ricorrenti spettanti per aver prestato, alle dipendenze della cooperativa, attività lavorativa nell’ambito dell’appalto dall’Istituto medesimo affidato alla cooperativa stessa, nei cui confronti, peraltro, le originarie ricorrenti, dopo la chiamata in giudizio, avevano rinunciato ad ogni domanda, al pagamento delle differenze retributive maturate a vario titolo di cui erano rimaste creditrici nei confronti della datrice di lavoro;

che la decisione della Corte territoriale discende dall’aver questa ritenuto sussistere il credito retributivo azionato dalle ricorrenti e la responsabilità solidale dell’Istituto, nonostante la natura pubblica del medesimo, alla luce dell’accolta interpretazione del D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 1, comma 2, secondo cui la norma medesima dovrebbe leggersi nel senso che l’inapplicabilità del predetto D.Lgs. alle pubbliche amministrazioni ivi prevista non può intendersi riferita ad esse in relazione alla loro soggettività, implicandone così l’esclusione tout court da quell’applicazione, bensì solo nella loro qualità di soggetti datori di lavoro pubblico, di modo che l’esclusione non può che essere sancita nei confronti del solo personale dalle stesse dipendente; che per la cassazione di tale decisione ricorrono il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nonchè l’Istituto Comprensivo Statale “Castello di Mirafiori”, affidando l’impugnazione ad un unico motivo, in relazione alla quale le intimate Sig.re C. e L. non hanno svolto alcuna difesa.

Diritto

CONSIDERATO

che, con l’unico motivo le Amministrazioni ricorrenti, nel denunciare la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 1, comma 2, lamenta la non conformità a diritto dell’interpretazione accolta dalla Corte territoriale della predetta norma e della configurabilità a carico del soggetto pubblico, su questa base affermata, della responsabilità solidale sancita dal D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 29, comma 2, a carico dell’appaltante per l’adempimento dei crediti retributivi maturati nei confronti dell’appaltatore;

che il motivo deve ritenersi fondato alla luce del consolidato orientamento accolto da questa Corte (cfr., da ultimo, Cass. nn. 6554/2019, 29176/2018, 10844/2018 ma vedi già Cass. 15432/2014), secondo cui, dovendosi interpretare il D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 1, comma 2, nel senso che il decreto legislativo medesimo non è applicabile alle pubbliche amministrazioni, si deve escludere che in materia di appalti pubblici trovi applicazione la responsabilità solidale tra appaltante ed appaltatore per l’adempimento degli obblighi retributivi sancita dal medesimo D.Lgs., art. 29, comma 2, già con riferimento al quadro normativo antecedente all’emanazione del D.L. n. 76 del 2013, art. 9, conv. con modif. nella L. n. 99 del 2013, recante l’espressa previsione dell’inapplicabilità del suddetto art. 29 ai contratti di appalto stipulati dalle pubbliche amministrazioni, cui, pertanto, non può neppure attribuirsi il carattere di norma di interpretazione autentica dotata di efficacia retroattiva;

che, pertanto, il ricorso va accolto, la sentenza impugnata cassata e la controversia definita nel merito nel senso del rigetto dell’originaria domanda, con compensazione delle spese dell’intero processo in considerazione delle oscillazioni della giurisprudenza di merito e del recente formarsi della giurisprudenza di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta l’originaria domanda D.Lgs. n. 276 del 2003, ex art. 29, comma 2. Compensa le spese dell’intero processo.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 18 aprile 2019.

Depositato in Cancelleria il 9 luglio 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA