Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18402 del 26/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. un., 26/07/2017, (ud. 04/07/2017, dep.26/07/2017),  n. 18402

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMOROSO Giovanni – Primo Pres. f. f. –

Dott. DI CERBO Vincenzo – Presidente Sezione –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

Dott. MANNA Antonio – Consigliere –

Dott. TRIA Lucia – Consigliere –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – Consigliere –

Dott. PERRINO Angelina Maria – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 7907-2017 proposto da:

F.L., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA COMANO 95,

presso il proprio studio, rappresentato e difeso dall’avvocato

DANILO DINOI;

– ricorrente –

contro

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE, CONSIGLIO DELL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI

VENEZIA, PROCURATORE GENERALE PRESSO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE;

– intimati –

avverso la sentenza n. 401/2016 del CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE,

depositata il 31/12/2016.

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

04/07/2017 dal Consigliere Dott. PERRINO ANGELINA-MARIA;

lette le conclusioni scritte del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CELENTANO CARMELO, il quale chiede che la Corte di Cassazione,

pronunciando a Sezioni Unite, rigetti l’istanza di sospensione della

esecutorietà della sentenza del CNF.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

– nei confronti dell’avvocato F.L. il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Venezia ha applicato la sanzione disciplinare della sospensione dall’esercizio della professione per nove mesi, per violazione degli artt. 40, 41 e 44 del codice deontologico per avere omesso d’informare il proprio cliente dell’esito di un’azione di recupero di un credito derivante da una controversia di lavoro e per aver trattenuto, senza autorizzazione, parte delle relative somme di danaro corrispostegli direttamente dalla controparte, al fine di compensare crediti che egli vantava nei confronti del cliente in relazione a parcelle concernenti precedenti attività, rimasti inadempiuti;

– in esito a ricorso dell’avv. F. dinanzi al Consiglio nazionale forense la sanzione è stata ridotta a sei mesi;

– contro questa sentenza l’avv. F. propone ricorso per ottenerne la cassazione, che affida a tre motivi; col medesimo ricorso il ricorrente sollecita altresì la sospensione della esecutorietà della sentenza impugnata, ritenendo sussistenti sia il fumus boni iuris, sia il periculum in mora;

– la trattazione della istanza di sospensione è stata fissata per l’adunanza camerale del 4 luglio 2017, ai sensi dell’art. 380 – ter c.p.c., come sostituito dal D.L. n. 97 del 2016, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 168 del 2016, e quindi in camera di consiglio non partecipata;

– il sostituto procuratore generale ha concluso per il rigetto dell’istanza.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

– l’avv. F. ha chiesto rinvio dell’adunanza, in ragione dell’inosservanza del termine decorrente dalla comunicazione dell’avviso di fissazione;

– l’istanza va accolta, sussistendone i presupposti.

PQM

 

rinvia a nuovo ruolo la trattazione del ricorso.

Così deciso in Roma, il 4 luglio 2017.

Depositato in Cancelleria il 26 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA