Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18354 del 04/09/2020

Cassazione civile sez. VI, 04/09/2020, (ud. 06/07/2020, dep. 04/09/2020), n.18354

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – rel. Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE ERRORE MATERIALE

sul ricorso 20036-2019 proposto da:

D.S., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE DELLE

MILIZIE, 38, presso lo studio dell’avvocato ANDREA STICCA, che lo

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

ROMA CAPITALE, (OMISSIS), A.D., + ALTRI OMESSI;

e contro

F.A., + ALTRI OMESSI, (ALTRI CHIAMATI IN CAUSA NEL GIUDIZIO

DI PRIMO GRADO);

– intimati –

avverso l’ordinanza N. 25725/2018 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 15/10/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 06/07/2020 dal Presidente Relatore Dott. ADRIANA

DORONZO.

 

Fatto

CONSIDERATO

che:

con ordinanza pubblicata il 15/10/2018, n. 25725, questa Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso per cassazione proposto da Roma Capitale, nei confronti di C.V. e di altri controricorrenti, e ha condannato la ricorrente al pagamento delle spese processuali sostenute da quest’ultimi;

con il presente ricorso, notificato alle controparti, d.S., controricorrente nel giudizio di cassazione difeso dall’avvocato Andrea Sticca, chiede la correzione dell’intestazione della detta ordinanza nella parte in cui tra i controricorrenti riporta il nome di d’.So., in luogo della giusta parte, D.S.; il ricorso risulta notificato a Roma Capitale, nonchè alle altre parti intervenute nel giudizio deciso con l’ordinanza n. 25725/2018, le quali non hanno ritenuto di svolgere attività difensiva in questa sede;

la proposta del relatore ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c. è stata comunicata alla parte ricorrente, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza camerale non partecipata;

dagli atti del procedimento conclusosi con l’ordinanza de qua tra i controricorrenti non risulta nessuna D’.So., mentre risulta aver conferito il mandato all’avvocato Andrea Sticca d.S.;

si è dunque in presenza di un errore materiale consistente nella diversa indicazione del nome di battesimo dell’odierno ricorrente, d.S., e tale errore deve essere emendato;

nessun provvedimento sulle spese deve adottarsi, in ragione della natura del procedimento (cfr. Cass. n. 8103/08); il procedimento è esente dal pagamento del contributo unificato, sicchè non si applica il D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

P.Q.M.

accoglie l’istanza e dispone che l’intestazione dell’ordinanza di questa Corte n. 25725/2018, nella parte in cui indica tra i controricorrenti ” D’.So.”, sia corretta nel senso che li dove si legge ” D’.So.” (pag. 6 dell’ordinanza) deve leggersi e intendersi ” D.S.”;

manda alla cancelleria per i necessari adempimenti.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 6 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 4 settembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA