Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18328 del 25/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 25/07/2017, (ud. 15/06/2017, dep.25/07/2017),  n. 18328

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20360-2016 proposto da:

M.M., M.R., F.T., elettivamente

domiciliati in ROMA, VIA COSSERIA 2, presso lo studio dell’avvocato

ALESSANDRO BRUNI, rappresentati e difesi dall’avvocato MARCO DE

SCISCIOLO;

– ricorrenti –

contro

GENERALI ITALIA SPA, in persona del procuratore, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA CAVALIER D’ARPINO 31, presso lo studio

dell’avvocato ENRICA FERRARI, rappresentata e difesa dall’avvocato

RENATO MAGALDI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 789/2015 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 05/02/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 15/06/2017 dal Consigliere Dott. MARCO DELL’UTRI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

rilevato che, con sentenza resa in data 5/2/2016, la Corte d’appello di Roma ha confermato la decisione con la quale il giudice di primo grado ha rigettato la domanda proposta da M.R., M.M. e F.T. diretta alla condanna della Generali Italia s.p.a., in qualità di impresa designata per il Fondo di garanzia per le vittime della strada, al risarcimento dei danni dagli stessi subiti a seguito di un sinistro causato da un veicolo rimasto non identificato;

che, a sostegno della decisione assunta, la corte territoriale ha rilevato la correttezza della valutazione espressa dal giudice di primo grado circa l’inattendibilità dei testimoni escussi nel corso del giudizio, con la conseguente insussistenza di alcuna prova certa in ordine all’effettiva dinamica del sinistro così come dedotto in giudizio dagli attori;

che, avverso la sentenza d’appello, M.R., M.M. e F.T. propongono ricorso per cassazione sulla base di due motivi d’impugnazione;

che la Generali Italia s.p.a., nella qualità spiegata, resiste con controricorso;

che, a seguito della fissazione della camera di consiglio, sulla proposta di definizione del relatore emessa ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., la Generali Italia s.p.a. ha presentato memoria;

considerato che, con i motivi d’impugnazione proposti, i ricorrenti censurano la sentenza impugnata per carenza di motivazione in sè e in relazione all’asserita condotta anomala dei testimoni, avendo la corte territoriale trascurato di specificare le ragioni individuate a fondamento della ritenuta inattendibilità dei testimoni escussi, giungendo all’affermazione dell’insussistenza della prova della dinamica del sinistro in assenza di adeguata giustificazione;

che entrambi i motivi di ricorso sono inammissibili;

che, al riguardo, osserva il collegio come, attraverso le censure critiche articolate con i motivi d’impugnazione in esame, i ricorrenti si siano inammissibilmente spinti a prospettare la rinnovazione, in questa sede di legittimità, del riesame nel merito della vicenda oggetto di lite, come tale sottratto alle prerogative della Corte di cassazione;

che, sul punto, occorre ribadire il principio secondo cui il ricorso per cassazione conferisce al giudice di legittimità, non già il potere di riesaminare il merito dell’intera vicenda processuale, ma solo la facoltà di controllo, sotto il profilo della correttezza giuridica della congruità e della coerenza logica, delle argomentazioni svolte dal giudice di merito, al quale spetta, in via esclusiva, il compito di individuare le fonti del proprio convincimento, di controllarne l’attendibilità e la concludenza, di scegliere, tra le complessive risultanze del processo, quelle ritenute maggiormente idonee a dimostrare la veridicità dei fatti ad essi sottesi, dando così liberamente prevalenza all’uno o all’altro dei mezzi di prova acquisiti, salvo i casi tassativamente previsti dalla legge (cfr., ex plurimis, Sez. 5, Sentenza n. 27197 del 16/12/2011, Rv. 620709);

che, nel caso di specie, la Corte d’appello ha espressamente evidenziato come il giudice di primo grado avesse correttamente condotto l’esame relativo all’attendibilità dei testimoni escussi, valorizzando l’assoluta anomalia del relativo comportamento in occasione del sinistro, tale da gettare una decisiva ed assorbente incidenza sulla credibilità delle relative dichiarazioni;

che tali passaggi motivazionali, elaborati dal giudice d’appello nell’esercizio della discrezionalità valutativa ad esso spettante, appaiono conformi ai canoni di correttezza giuridica dell’interpretazione e di congruità dell’argomentazione, immuni da vizi d’indole logica o giuridica e, come tali, del tutto idonee a sottrarsi alle censure in questa sede illustrate dai ricorrenti;

che all’inammissibilità del ricorso segue la condanna dei ricorrenti al rimborso, in favore della controricorrente, delle spese del giudizio di legittimità, secondo la liquidazione di cui al dispositivo.

PQM

 

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna i ricorrenti, in solido tra loro, al rimborso, in favore della controricorrente, delle spese del giudizio di legittimità, liquidate in complessivi Euro 10.000,00, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15%, agli esborsi liquidati in Euro 200,00, e agli accessori come per legge.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile – 3, il 15 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 25 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA