Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18313 del 25/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 25/07/2017, (ud. 21/06/2017, dep.25/07/2017),  n. 18313

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. FEDELE Ileana – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:

P.L., rappresentata e difesa dall’avv. Alberto Guariso ed

elettivamente domiciliata presso lo studio dell’avv. Gigliola Mazza

Ricci, sito in Roma, via di Pietralata 320;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, in

persona del Ministro pro tempore;

– intimato –

avverso la sentenza n. 798/2012 della Corte d’Appello di L’Aquila,

depositata in data 31 agosto 2012;

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 21 giugno 2017 dal Consigliere Ileana Fedele.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che:

la Corte di Milano ha accolto l’appello proposto dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca avverso la sentenza del Tribunale di Milano e, per quanto di interesse nella presente sede, ha respinto la domanda proposta da P.L. per l’accertamento dell’illegittimità dei contratti a termine intercorsi fra le parti e per il riconoscimento delle differenze retributive spettanti in virtù dell’anzianità di servizio complessivamente maturata;

per la cassazione di tale decisione la P. propone ricorso affidato a quattro motivi;

il Ministero non si è costituito;

è stata depositata la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., ritualmente comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio;

parte ricorrente ha depositato memoria.

Ritenuto che:

il Collegio ha deliberato di adottare la motivazione semplificata;

parte ricorrente ha prodotto copia autentica della sentenza impugnata sprovvista di relazione di notifica benchè nelle premesse del ricorso si assuma che la sentenza impugnata, depositata in data 31 agosto 2012, è stata notificata in data 22 ottobre 2012;

il ricorso deve essere dichiarato improcedibile ai sensi dell’art. 369 c.p.c. (“Nell’ipotesi in cui il ricorrente, espressamente od implicitamente, alleghi che la sentenza impugnata gli è stata notificata, limitandosi a produrre una copia autentica della sentenza impugnata senza la relata di notificazione, il ricorso per cassazione dev’essere dichiarato improcedibile”: Cass. Sez. U., 16/04/2009, n. 9005);

non può addivenirsi a diversa conclusione in virtù della recentissima pronuncia (Cass. Sez. U., 02/05/2017, n. 10648), invocata nella memoria difensiva, atteso che, anche secondo tale interpretazione, la sanzione dell’improcedibilità può essere evitata solo ove la sentenza con la relata di notifica risulti comunque nella disponibilità del giudice perchè prodotta dalla parte controricorrente ovvero acquisita mediante l’istanza di trasmissione del fascicolo di ufficio, circostanza non sussistente nel caso di specie (infatti, la sentenza con la relata di notifica non è stata rinvenuta agli atti), permanendo, in difetto, l’esigenza obbiettiva posta a fondamento dell’onere in questione, che è stato mantenuto dal legislatore e “la cui razionalità è stata verificata dalla giurisprudenza di legittimità anche nell’ottica dei principi costituzionali” (Cass. Sez. U., 02/05/2017, n. 10648, che ha ritenuto di dover confermare, nel suo insieme, gli snodi fondamentali del pensiero delle Sezioni Unite del 2009, “poichè perdurano le ragioni di specialità del giudizio di cassazione, nonchè di congruità del meccanismo processuale prescelto dal legislatore, che sono poste alla base della disposizione applicata”);

pertanto, essendo da condividere la proposta del relatore, il ricorso va dichiarato improcedibile;

stante la mancata costituzione della controparte, non vi è luogo a provvedere sulle spese;

considerata l’epoca di introduzione del giudizio, non è applicabile il disposto di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17.

PQM

 

Dichiara improcedibile il ricorso. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della non sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 21 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 25 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA