Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18308 del 03/09/2020

Cassazione civile sez. VI, 03/09/2020, (ud. 21/07/2020, dep. 03/09/2020), n.18308

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 587-2019 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE – RISCOSSIONE (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

PIEMONTE 39, presso lo studio dell’avvocato PASQUALE VARI’, che la

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

Direttore pro tempore, in proprio e quale mandatario della SOCIETA’

DI CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI INPS (SCCI) SPA, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’AVVOCATURA

CENTRALE DELL’ISTITUTO, rappresentato e difeso dagli avvocati LELIO

MARITATO, ANTONINO SGROI, CARLA D’ALOISIO, EMANUELE DE ROSE,

GIUSEPPE MATANO, ESTER ADA VITA SCIPLINO;

– resistente –

contro

D.S.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1204/2018 della CORTE D’APPELLO di BARI,

depositata il 12/06/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 21/07/2020 dal Consigliere Relatore Dott.ssa DE

FELICE ALFONSINA.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

la Corte d’appello di Bari, a conferma della sentenza del Tribunale della stessa città, ha rigettato i ricorsi (riuniti) proposti dall’Inps, in proprio e quale mandatario della S.C.C.I. s.p.a. e da Equitalia Sud s.p.a. rivolti a sentir dichiarare non estinti per prescrizione decennale i crediti iscritti in sei cartelle notificate a D.S. per contributi dovuti alla gestione artigiani, costituenti oggetto di una proposta di compensazione del D.P.R. n. 602 del 1973, ex art. 28 ter, notificata al contribuente il 21 agosto 2012 e dallo stesso opposta;

la Corte territoriale, in sintonia con quanto disposto dalla sentenza di primo grado, ha affermato la durata quinquennale della prescrizione, e, avendo accertato che la proposta di compensazione era stata notificata al contribuente il 21 agosto 2012 mentre la notifica dell’ultima cartella di pagamento era avvenuta il 16 dicembre 2006, ha dichiarato estinto il credito contributivo oggetto della proposta di compensazione;

la cassazione della sentenza è domandata dall’Agenzia delle Entrate – Riscossione, subentrata ad Equitalia Sud s.p.a. sulla base di tre motivi;

D.S. è rimasto intimato;

l’Inps ha depositato procura in calce al ricorso;

è stata depositata proposta ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., ritualmente comunicata alle parti unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

col primo motivo, formulato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la ricorrente deduce “Violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24, comma 5”;

contesta la decisione gravata per non aver disposto d’ufficio l’inammissibilità del ricorso per essere stata la cartella di pagamento impugnata da D.S. oltre il termine di legge di quaranta giorni dalla sua notifica;

col secondo motivo, formulato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, lamenta “Violazione e falsa applicazione degli artt. 2934 c.c. e s.s.”;

la Corte territoriale avrebbe errato nel ritenere direttamente azionabile mediante un’azione di mero accertamento la domanda di prescrizione, che l’ordinamento ricostruisce in termini di eccezione,;

col terzo motivo, formulato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, deduce “Violazione e falsa applicazione degli artt. 2946 e 2953 c.c., L. n. 335 del 1995, art. 3”;

l’Agenzia delle Entrate sostiene che, pur in seguito alla sentenza delle Sezioni Unite n. 23397 del 2016, a cui il giudice dell’appello si richiama, la tesi della prescrizione decennale del diritto alla riscossione sarebbe egualmente sostenibile;

il diritto ad azionare il credito portato nelle cartelle da parte dell’agente della riscossione, in assenza di previsioni normative derogatorie, resterebbe quello decennale;

la sentenza delle Sezioni Unite n. 23397 del 2016 si sarebbe limitata a statuire in merito alla sola applicabilità dell’art. 2953 c.c. alla fattispecie, ma non avrebbe affrontato il diverso aspetto relativo all’individuazione del termine di prescrizione del rapporto obbligatorio scaturente dal titolo esecutivo, che abilita l’agente della riscossione all’esercizio dell’azione di recupero coattivo, il quale, in assenza di espressa previsione per l’azione di riscossione, dovrebbe ritenersi decennale;

il primo motivo è infondato;

il richiamo al decorso del termine di quaranta giorni contemplato dal D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24 si rivela, nel caso in esame, inconferente;

nel caso che ci occupa, la norma azionata dal contribuente è il D.P.R. n. 602 del 1973, art. 28 ter, contenente la disciplina della riscossione delle imposte sul reddito, la quale consente al concessionario, qualora gli importi a debito coesistano con il diritto ad ottenere un qualche rimborso, di formulare una proposta di compensazione (anche parziale) tra il credito da rimborsare e il debito da assolvere;

la Corte territoriale ha dato atto che l’agenzia della riscossione aveva formulato ai sensi della norma predetta, una proposta di compensazione in ordine al credito maturato nei confronti di D.S. “…recante quale differenza a titolo di crediti contributivi vantati dall’Inps la somma di Euro 61.199,78 (per contributi dovuti alla gestione artigiani, nonchè a titolo di DM10 insoluti, e pure rinvenienti dalle note di rettifica scaturenti dal mancato riconoscimento di sgravi contributivi)” (p.2 sent.);

il D. aveva impugnato tale proposta di compensazione, a norma dello stesso D.P.R. n. 602 del 1973, art. 28 ter, comma 4, senza rimettere in discussione la pretesa impositiva ormai cristallizzata nelle cartelle di pagamento, divenute definitive, bensì per un fatto nuovo e sopravvenuto rispetto alla notifica delle stesse, dovuto allo spirare del termine quinquennale di prescrizione del credito, in assenza di atti interruttivi;

la Corte territoriale avendo accertato l’estinzione del diritto al credito in capo all’agente della riscossione per il decorso della prescrizione estintiva quinquennale (la proposta di compensazione era stata notificata il 21 agosto 2012, mentre l’ultima notifica della cartella esattoriale risaliva al 16 dicembre 2006), ha, dunque, riconosciuto l’interesse del contribuente a bloccare la ripresa della procedura coattiva che sarebbe inevitabilmente conseguita alla mancata accettazione della proposta di compensazione, così come prevede il D.P.R. n. 602 del 1973, art. 28 ter, comma 4;

il secondo e il terzo motivo di ricorso vanno trattati congiuntamente perchè connessi e riconducibili alla tesi difensiva dell’Agenzia delle Entrate – Riscossione secondo cui, pur dopo la decisione Sez. Un. 23397 del 2016, il termine di prescrizione delle cartelle di pagamento per crediti di natura contributiva non corrisposti rimane quello decennale;

i motivi sono inammissibili ai sensi dell’art. 360 bis. c.p.c., in base alla pronuncia delle Sezioni Unite n. 23397 del 2016 con cui la Suprema Corte ha affermato che il termine (ordinario) decennale di prescrizione di cui all’art. 2953 c.c. trova applicazione soltanto nelle ipotesi in cui intervenga un titolo giudiziale divenuto definitivo, mentre la cartella di pagamento, o anche l’avviso di addebito dell’Inps, avendo natura di atto amministrativo, sono prive dell’attitudine ad acquistare efficacia di giudicato;

in definitiva, i ricorso è infondato;

nulla spese in favore di D.S. rimasto intimato, nè in favore dell’Inps che non ha svolto attività difensiva;

in considerazione del rigetto del ricorso, sussistono i presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, all’Adunanza camerale, il 21 luglio 2020.

Depositato in cancelleria il 3 settembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA