Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18289 del 05/08/2010

Cassazione civile sez. II, 05/08/2010, (ud. 28/01/2010, dep. 05/08/2010), n.18289

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – rel. Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO (PREFETTURA) DI BENEVENTO,

ricorrente che non ha depositato il ricorso nei termini prescritti

dalla legge;

– ricorrente non costituito –

contro

S.V., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA COL DI

LANA 28, presso lo studio dell’avvocato PENNA CARLO, rappresentato e

difeso dall’avvocato SENATORE BARTOLO GIUSEPPE, giusta mandato in

calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1370/2002 del GIUDICE DI PACE di BENEVENTO del

22.12.02, depositata il 23/12/2002;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

28/01/2010 dal Consigliere Relatore Dott. IPPOLISTO PARZIALE;

E’ presente il P.G. in persona del Dott. GIAMPAOLO LECCISI, che si

riporta alle conclusioni scritte.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Parte ricorrente ha proposto ricorso per cassazione avverso il provvedimento su indicato come risulta dall’iscrizione a ruolo effettuata dalla parte intimata.

Dall’attestazione della cancelleria agli atti non risulta che abbia provveduto al successivo deposito nel termine di legge;

Parte intimata ha proposto tempestivo controricorso, depositato pure tempestivamente.

P.T.M.

LA CORTE dichiara improcedibile il ricorso. Condanna la parte ricorrente alle spese di giudizio, liquidate in complessivi 400,00 Euro per onorari e 200,00 per spese, oltre accessori di legge.

Cosi’ deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 28 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 5 agosto 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA