Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18287 del 19/09/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. II, 19/09/2016, (ud. 04/05/2016, dep. 19/09/2016), n.18287

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MATERA Lina – Presidente –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere –

Dott. COSENTINO Antonello – rel. Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 20021-2011 proposto da:

D.A.S., (OMISSIS), T.C. (OMISSIS),

elettivamente domiciliate in ROMA, VIA MAGNA GRECIA 39, presso lo

studio dell’avvocato FRANCESCA SCARFOGLIO, rappresentate e difese

dall’avvocato ADRIANO POLICICCHIO;

– ricorrenti –

contro

R.A., C.F. (OMISSIS), G.R. C.F. (OMISSIS),

elettivamente domiciliati in ROMA, VIALE G. MAZZINI N. 146, presso

lo studio dell’avvocato EZIO SPAZIANI TESTA, che li rappresenta e

difende unitamente agli avvocati STEFANO ARMELLINI, MARCO DE

CRISTOPARO;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 1290/2010 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 21/06/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

04/05/2016 dal Consigliere Dott. ANTONELLO COSENTINO;

udito l’Avvocato Policicchio Adriano difensore delle ricorrenti che

ha chiesto l’accoglimento del ricorso;

udito l’Avv. De Cristoforo Marco difensore dei controricorrenti che

ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SERVELLO Gianfranco, che ha concluso per l’inammissibilità, in

subordine, per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato il 7 ottobre 1998 la Signora T.C., premesso che con atto (OMISSIS) aveva acquistato dalla signora D.A.S. un appartamento al primo piano ed un locale ripostiglio al piano terra di uno stabile in (OMISSIS), lamentava che i condomini R.A. e G.R., proprietari degli appartamenti posti al secondo e al terzo piano del medesimo stabile, pretendevano di avere diritti sul suddetto ripostiglio al pianoterra e di poterlo utilizzare come comune ai tre appartamenti dell’edificio e, pertanto, li conveniva davanti al pretore di Padova per sentirli condannare a restituire detto locale ripostiglio e a risarcire il danno subito per la mancata disponibilità del medesimo.

I convenuti resistevano alla domanda assumendo che detto ripostiglio era di proprietà condominiale, trattandosi di vano sottoscala, ed era stato costantemente utilizzato come locale di sgombero al servizio di tutti gli appartamenti dello stabile.

Nel corso del giudizio di primo grado intervenivano in causa anche la signora D.A., aderendo alla domanda dell’attrice e chiedendo che i convenuti fossero condannati a versarle a titolo risarcitorio la somma di 15 milioni di Lire, corrispondente allo sconto da lei praticato alla T. in ragione dell’illecita occupazione del vano di cui si tratta da parte dei convenuti stessi.

Il tribunale, frattanto succeduto alla pretura, accolse le domande degli attori e dell’intervenuta.

La corte d’appello di Venezia, adita dai convenuti, ha ribaltato la decisione di primo grado sulla scorta di una duplice argomentazione:

in primo luogo, secondo la corte territoriale, la presunzione di condominialità fissata dall’art. 1117 c.c. per le scale (implicitamente ritenuta estesa anche ai vani sottoscala) non risultava, nella specie, vinta da un titolo e, in particolare, al contrario di quanto ritenuto dal primo giudice, non risultava vinta dal rogito 21/12/87 (con cui la signora M.L., dante causa della signora D.A., aveva acquistato dall’originario proprietario dell’intero fabbricato l’immobile attualmente in proprietà T.) e dalle planimetrie al medesimo allegate; nè, sotto altro aspetto, la suddetta presunzione di condominialità risultava superata:1811e risultanze della c.t.u., nella quale, si legge nella sentenza gravata, la cessione del sottoscala in proprietà individuale alla M. risulterebbe “semplicemente ipotizzata”;

in secondo luogo, secondo la corte territoriale, l’appartenenza del sottoscala alla proprietà condominiale doveva affermarsi per il rilievo che, quand’anche nell’acquisto della M. tale sottoscala fosse contemplato, ciò sarebbe irrilevante, perchè il condominio (comprendente il vano in questione) si era costituito con la vendita al signor Scerre dell’appartamento al secondo piano. Tale vendita era stata stipulata nel corpo del medesimo rogito (OMISSIS), con il quale le originarie proprietarie dell’intero fabbricato avevano venduto l’appartamento al secondo piano allo S. e quello al primo piano alla M.; ma la vendita allo S. precedeva, nel corpo dell’atto notarile, quella alla M. ed era stata trascritta prima di quest’ultima.

La sentenze di secondo grado è stata impugnata per cassazione dalle signore T. e D.A. sulla scorta dei due motivi, con i quali si censurano, rispettivamente, i due argomenti posti dalla corte territoriale a fondamento della propria decisione.

In particolare, con il primo motivo, riferito all’art. 360 c.p.c., n. 3 (in relazione all’art. 1117 c.c.) e n. 5, le ricorrenti censurano l’interpretazione del rogito (OMISSIS) offerta dalla corte lagunare, affermando che la stessa sarebbe incorsa in errore nel ritenere che da tale rogito non emerga che l’acquisto della signora M. comprendeva anche il sottoscala.

Col secondo motivo, riferito all’art. 360 c.p.c., n. 3 (in relazione all’art. 2644 c.c.) e n. 5, le ricorrenti affermano che la corte lagunare avrebbe errato nell’applicare l’art. 2644 c.c. per regolare i rapporti tra lo S. e la M., giacchè tale disposizione disciplina gli effetti della trascrizione riguardo ai terzi, mentre lo S. e la M. erano parti del medesimo atto.

I signori G. e R. si sono costituiti con controricorso.

Il ricorso è stato discusso alla pubblica udienza del 4.5.16, per la quale entrambe le parti hanno depositato memorie illustrative ex art. 378 c.p.c. e nella quale il Procuratore Generale ha concluso come in epigrafe.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il primo motivo di ricorso va disatteso.

La corte distrettuale – ritenuto implicitamente, con un giudizio di diritto non impugnato dalle ricorrenti, che la presunzione di condominialità fissato dall’art. 1117 c.c. per le scale si estenda anche ai vani sottostanti le stesse – ha escluso che, nella specie, il rogito (OMISSIS) costituisse titolo idoneo a vincere la presunzione di condominialità del vano sottoscala per cui è causa, affermando, con un giudizio di fatto avente ad oggetto l’interpretazione del suddetto rogito, che la vendita del contestato sottoscala non potesse desumersi nè dal relativo testo, nè tantomeno dalle allegate planimetrie. Le ricorrenti dissentono da tale interpretazione, ma non denunciano specifici vizi logici o specifiche violazioni delle regole di ermeneutica contrattuale, limitandosi a contrapporre all’interpretazione della corte d’appello quella, adottata dal tribunale, da loro ritenuta preferibile.

Il motivo di ricorso va quindi giudicato inammissibile, perchè attinge non il ragionamento interpretativo ma l’esito a cui tale ragionamento è pervenuto; laddove, come ancora di recente ribadito da questa Corte, in tema di interpretazione del contratto, il sindacato di legittimità non può investire il risultato interpretativo in sè, che appartiene all’ambito dei giudizi di fatto riservati al giudice di merito, ma afferisce solo alla verifica del rispetto dei canoni legali di ermeneutica e della coerenza e logicità della motivazione addotta, con conseguente inammissibilità di ogni critica alla ricostruzione della volontà negoziale operata dal giudice di merito che si traduca in una diversa valutazione degli stessi elementi di fatto da questi esaminati (sent. n. 2465/15).

Poichè la ragione del decidere attinta col primo motivo è autonomamente idonea a sorreggere la decisione, dal rigetto di tale motivo discende la cessazione dell’interesse delle ricorrenti all’esame del secondo, attinente alla seconda ratio decidendi della sentenza gravata (cfr. Cass. 2108/12: “Qualora la decisione di merito si fondi su di una pluralità di ragioni, tra loro distinte e autonome, singolarmente idonee a sorreggerla sul piano logico e giuridico, la ritenuta infondatezza delle censure mosse ad una delle rationes decidendi rende inammissibili, per sopravvenuto difetto di interesse, le censure relative alle altre ragioni esplicitamente fatte oggetto di doglianza, in quanto queste ultime non potrebbero comunque condurre, stante l’intervenuta definitività delle altre, alla cassazione della decisione stessa.”).

Il ricorso va quindi, in definitiva, rigettato.

Le spese seguono la soccombenza.

PQM

La Corte rigetta il ricorso.

Condanna il ricorrente a rifondere al contro ricorrente le spese del giudizio di cassazione, che liquida in Euro 2.000, oltre Euro 200 per esborsi ed oltre accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 4 maggio 2016.

Depositato in Cancelleria il 19 settembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA