Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18265 del 16/09/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 16/09/2016, (ud. 24/06/2016, dep. 16/09/2016), n.18265

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – rel. Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 26928/2015 R.G. proposto da:

L.P.D. – c.f. (OMISSIS) – elettivamente domiciliato in

Roma, alla via E. Duse, n. 35, presso lo studio dell’avvocato

Francesco Pappalardo che congiuntamente e disgiuntamente

all’avvocato Andrea Treppiedi lo rappresenta e difende giusta

procura speciale in calce al ricorso per regolamento di competenza;

– ricorrente –

contro

F.P. C.F. (OMISSIS) – M.F. – (OMISSIS);

– intimati –

Avverso la sentenza del tribunale di Palermo n. 5979 dei

26/30.10.2015;

Udita la relazione all’udienza in Camera di consiglio del 24 giugno

2016 del Consigliere Dott. Luigi Abete;

Lette le conclusioni del Pubblico Ministero, che ha chiesto cassarsi

la sentenza impugnata.

Fatto

MOTIVI IN FATTO E DIRITTO

Con atto ritualmente notificato L.P.D. citava a comparire innanzi al tribunale di Palermo F.P. e M.F..

Esponeva che aveva acquistato da M.F. con scrittura privata autenticata a ministero notar Caruso in data 11.3.1993 un fondo in (OMISSIS), in catasto al fol. 14, part. 1896; che il fondo confinava con terreno di proprietà di F.P., in catasto al fol. 14, part. 1916.

Chiedeva, tra l’altro, accertarsi il suo diritto di proprietà sul fondo in catasto al fol. 14, part. 1896.

Costituitisi, i convenuti eccepivano la litispendenza con altro giudizio, pendente parimenti innanzi al tribunale di Palermo ed iscritto al n. 2931/2011 r.g..

Deducevano, propriamente, che in tale giudizio Pasquale Foresta aveva citato a comparire L.P.D. ed aveva chiesto, tra l’altro, che si accertasse il confine tra le limitrofe proprietà.

Con sentenza n. 5979 dei 26/30.10.2015, pronunciata nell’ambito del giudizio iscritto al n. 657/2015 r.g. e promosso da L.P.D., il tribunale di (OMISSIS) dichiarava ai sensi dell’art. 39 c.p.c., la litispendenza tra il giudizio iscritto al n. 657/2015 r.g. ed il giudizio iscritto al n. 2931/2011 r.g., ordinava la cancellazione dal ruolo del giudizio iscritto al n. 657/2015 r.g. e condannava l’attore alle spese di lite.

Evidenziava che i giudizi avevano il medesimo petitum, ovvero l’accertamento della proprietà dei fondi de quibus, sicchè andava accolta l’eccezione di litispendenza.

Avverso tale sentenza L.P.D. ha proposto ricorso per regolamento di competenza; ne ha chiesto sulla scorta di due motivi l’annullamento, con ogni conseguente statuizione ai fini della prosecuzione del giudizio e con il favore delle spese da attribuirsi al difensore anticipatario.

F.P. e M.F. non hanno depositato scritture difensive.

Il pubblico ministero, giusta la previsione dell’art. 380 ter c.p.c., ha formulato conclusioni scritte.

Con il primo motivo il ricorrente deduce la violazione degli artt. 39, 273 e 274 c.p.c..

Adduce che “come cause pendenti innanzi a giudici diversi, ai sensi dell’art. 39 c.p.c., non devono intendersi quelle cause pendenti innanzi a due giudici appartenenti al medesimo Ufficio Giudiziario (come nel caso di specie), ma quelle cause pendenti innanzi ad Uffici giudiziari diversi” (così ricorso, pag. 8); che, allorchè i giudizi pendono dinanzi al medesimo ufficio giudiziario, contrariamente a quanto opinato dal tribunale, la norma da applicare è l’art. 273 c.p.c., non già l’art. 39 c.p.c..

Con il secondo motivo il ricorrente deduce la violazione degli artt. 39, 273 e 274 c.p.c..

Adduce che ha errato il tribunale a reputare che il giudizio iscritto al n. 657/2015 r.g. ed il giudizio iscritto al n. 2931/2011 r.g. avessero lo stesso petitum; che invero M.F. non è parte del giudizio iscritto al n. 2931/2015 r.g. e nel giudizio iscritto al n. 657/2015 r.g. egli ricorrente aveva provveduto a spiegare ulteriori domande; che quindi si è al cospetto di un’ipotesi di connessione tra cause idonea a giustificare l’adozione dei provvedimenti ex art. 274 c.p.c..

Il ricorso è fondato e meritevole di accoglimento.

In relazione al primo motivo è sufficiente reiterare l’insegnamento di questo Giudice del diritto – debitamente richiamato dal ricorrente – alla cui stregua la contemporanea pendenza, davanti al medesimo giudice, da intendersi come ufficio giudiziario, di più procedimenti relativi alla stessa causa non è riconducibile all’ambito di disciplina dell’art. 39 c.p.c., comma 1, che postula la pendenza della stessa causa davanti a giudici diversi, ma dà luogo all’applicazione delle disposizioni di cui all’art. 273 c.p.c. (cfr. Cass. (ord.) 21.4.2010, n. 9510).

In relazione al secondo motivo è sufficiente evidenziare che tra il giudizio iscritto al n. 657/2015 r.g. ed il giudizio iscritto al n. 2931/2011 r.g. sussistono esattamente ragioni di connessione – quanto meno impropria, correlate alla necessità di risolvere identiche questioni – che avrebbero giustificato l’adozione dei provvedimenti di cui all’art. 274 c.p.c..

In accoglimento del ricorso, pertanto, va cassata la sentenza del tribunale di Palermo n. 5979 dei 26/30.10.2015, tribunale di Palermo dinanzi al quale le parti vanno rimesse nel termine di legge anche ai fini della regolamentazione delle spese del presente giudizio di legittimità.

Ovviamente l’accoglimento del ricorso fa sì che non sussistono i presupposti perchè, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater (comma 1 quater introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17), il ricorrente sia tenuto a versare un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione a norma dell’art. 13, comma 1 bis del medesimo D.P.R..

PQM

La Corte accoglie il ricorso; cassa la sentenza del tribunale di Palermo n. 5979 dei 26/30.10.2015; rimette le parti nel termine di legge dinanzi al tribunale di Palermo anche ai fini della regolamentazione delle spese del presente giudizio di legittimità.

Depositato in Cancelleria il 16 settembre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA