Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18256 del 02/09/2020

Cassazione civile sez. VI, 02/09/2020, (ud. 06/07/2020, dep. 02/09/2020), n.18256

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – rel. Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 24178-2018 proposto da:

C.M., già socio Amministratore della società “Bar del

Corso di M.C. e C. snc”, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA OMBRONE 14 presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE CAPUTI,

rappresentato e difeso dall’avvocato FRANCESCO ROMANELLO POMES;

– ricorrente –

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

legale rappresentante pro tempore, in proprio e quale procuratore

speciale della SOCIETA’ DI CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI INPS (SCCI)

SPA, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29,

presso l’AVVOCATURA CENTRALE DELL’ISITUTO, rappresentato e difeso

dagli avvocati ANTONINO SGROI, ESTER ADA VITA SCIPLINO, GIUSEPPE

MATANO, LELIO MARITATO, CARLA D’ALOISIO, EMANUELE DE ROSE;

– controricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE – RISCOSSIONE, (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

DELLA PINETA SACCHETTI, 482, presso lo studio dell’avvocato EMANUELA

VERGINE, rappresentata e difesa dall’avvocato MARIA ROSARIA SAVOIA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 372/2018 della CORTE D’APPELLO di BARI,

depositata il 14/02/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 06/07/2020 dal Consigliere Relatore Dott. CARLA

PONTERIO.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. la Corte d’appello di Bari, con sentenza n. 372 pubblicata il 14.2.2018, ha respinto l’appello di C.M., socio amministratore e liquidatore della M.C. e C. snc, confermando la pronuncia di primo grado che aveva dichiarato inammissibile l’opposizione all’intimazione di pagamento relativa alla cartella esattoriale notificata il 19.10.2005 per omissioni contributive risalenti agli anni dal 1995 al 2000;

2. la Corte territoriale ha dato atto di come il Tribunale avesse dichiarato l’inammissibilità dell’opposizione sul rilievo della tardività della stessa sia rispetto all’art. 617 c.p.c., quanto alla denuncia di vizi formali e quindi qualificata come opposizione agli atti esecutivi, e sia rispetto al D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24, per le questioni di merito;

3. la Corte d’appello ha giudicato inammissibile l’impugnazione relativa al capo di sentenza che, qualificata l’opposizione per vizi formali come opposizione agli atti esecutivi, ne ha statuito la tardività, in quanto non appellabile ma solo ricorribile in cassazione;

4. ha escluso che l’opposizione proposta dal C. potesse qualificarsi come opposizione all’esecuzione, ai sensi dell’art. 615 c.p.c., in quanto il predetto non si era limitato a chiedere l’accertamento di inesistenza del titolo esecutivo (per la mancata notifica della cartella) ma aveva contestato nel merito il credito contributivo assumendone l’estinzione per prescrizione; con la conseguenza che l’opposizione doveva ricondursi alla previsione del D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24, comma 6 e risultava inammissibile perchè non proposta nel termine perentorio di 40 giorni dalla notifica dell’intimazione di pagamento;

5. avverso tale sentenza ha proposto ricorso per cassazione C.M., affidato ad un unico motivo, cui hanno resistito con controricorso l’Agenzia delle Entrate Riscossione e l’INPS, quest’ultimo anche quale procuratore speciale di SCCI spa;

6. la proposta del relatore è stata comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza camerale non partecipata, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c..

Diritto

CONSIDERATO

che:

7. con il motivo di ricorso C.M. ha dedotto, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24, della L. n. 335 del 1995, art. 3 e degli artt. 2946 e 2948 c.c., nonchè insufficienza e contraddittorietà della motivazione;

8. ha censurato la statuizione della sentenza d’appello che, in adesione alla motivazione del Tribunale, ha qualificato la domanda volta alla declaratoria di inesistenza del credito (per intervenuta estinzione) come opposizione ai sensi del D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24;

9. ha affermato come l’eventuale intangibilità del credito che segue alla mancata opposizione al ruolo nel termine perentorio previsto dal cit. art. 24, non preclude la possibilità di far valere con l’opposizione all’esecuzione di cui all’art. 615 c.p.c. (svincolata da qualsiasi termine decadenziale) eventuali fatti estintivi del credito, come la prescrizione, intervenuti successivamente;

10. ha dedotto l’erronea qualificazione della domanda ad opera dei giudici d’appello adducendo di avere posto a fondamento dell’opposizione l’intervenuta prescrizione del credito contributivo sia in ragione dell’omessa notifica della cartella di pagamento sottesa all’intimazione notificata e sia per l’ipotesi che la notifica della cartella (mai documentata nel giudizio) avesse avuto luogo nella data indicata del 19.10.2005;

11. in relazione a quest’ultima ipotesi, ha rilevato come il concessionario non avesse dato prova di atti interruttivi posti in essere nel periodo intercorrente tra la (pretesa) notifica della cartella di pagamento (19.10.2005) e la notifica dell’intimazione di pagamento (5.8.2015), con conseguente decorso del termine di prescrizione quinquennale, di cui alla sentenza delle S.U. n. 23397/16;

12. il ricorso è fondato e merita accoglimento;

13. il sistema normativo delle riscossioni delineato dal D.Lgs. n. 46 del 1999, all’art. 17, comma 1, agli artt. 24,25,29, dal D.L. n. 78 del 2010, art. 30, comma 1, conv. in L. n. 122 del 2010, dal D.P.R. n. 602 del 1973 e dal D.Lgs. n. 112 del 1999, consente al debitore dei premi o contributi dovuti agli enti pubblici previdenziali e non versati nei termini previsti da disposizioni di legge o dovuti in forza di accertamenti effettuati dagli uffici, di proporre tre diversi tipi di opposizione (cfr. Cass. n. 16425 del 2019; n. 6704 del 2016; n. 594 del 2016; n. 24215 del 2009; in materia di riscossione di sanzioni amministrative pecuniarie cfr. Cass. n. 21793 del 2010; n. 6119 del 2004): a) opposizione al ruolo esattoriale per motivi attinenti al merito della pretesa contributiva ai sensi del D.Lgs. 26 febbraio 1999, n. 46, art. 24, commi 5 e 6, nel termine di giorni quaranta dalla notifica della cartella di pagamento, davanti al giudice del lavoro; b) opposizione ai sensi dell’art. 615 c.p.c. ove si contesti la legittimità dell’iscrizione a ruolo per la mancanza di un titolo legittimante oppure si adducano fatti estintivi del credito sopravvenuti alla formazione del titolo (quali, ad esempio, la prescrizione del credito, la morte del contribuente, l’intervenuto pagamento della somma precettata) o si pongano questioni attinenti alla pignorabilità dei beni, sempre davanti al giudice del lavoro nel caso in cui l’esecuzione non sia ancora iniziata (art. 615 c.p.c., comma 1) ovvero davanti al giudice dell’esecuzione se la stessa sia già iniziata (art. 615 c.p.c. comma 2 e art. 618 bis c.p.c.); c) opposizione agli atti esecutivi ai sensi dell’art. 617 c.p.c. nel termine perentorio di venti giorni dalla notifica del titolo esecutivo o del precetto per i vizi formali del procedimento di esecuzione, compresi i vizi strettamente attinenti al titolo ovvero alla cartella di pagamento nonchè alla notifica della stessa o quelli riguardanti i successivi avvisi di mora, da incardinare anche in questo caso davanti al giudice dell’esecuzione o a quello del lavoro a seconda che l’esecuzione sia già iniziata (art. 617 c.p.c. comma 2) o meno (art. 617 c.p.c., comma 1);

14. lo strumento dell’opposizione all’esecuzione di cui all’art. 615 c.p.c. può essere utilizzato anche in funzione recuperatoria dell’opposizione di cui al D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24, ove si alleghi la omessa notifica della cartella di pagamento, in funzione della deduzione di fatti estintivi del credito relativi alla formazione del titolo e salvo il rispetto della disciplina applicabile all’azione recuperata, in particolare quanto al rispetto del termine di decadenza di 40 giorni;

15. questa Corte ha statuito che “Nell’ipotesi di opposizione a cartella esattoriale per omissioni contributive, ove ne sia accertata la nullità della notifica, il momento di garanzia può essere recuperato utilizzando il primo atto idoneo a porre il soggetto interessato in grado di esercitare validamente il proprio diritto di difesa, rispetto al quale andrà verificata la tempestività dell’opposizione, con la conformazione della disciplina applicabile a quella dettata per l’azione recuperata. (Così statuendo, la S.C., in presenza di una notifica insanabilmente nulla perchè recante una “relata in bianco”, ha individuato il primo atto utile nella successiva intimazione di pagamento)” (Cass., sez. 6 n. 24506 del 2016);

16. ha ulteriormente chiarito che “In materia di riscossione di contributi previdenziali, l’opposizione avverso l’avviso di mora (ora intimazione di pagamento) con cui si faccia valere l’omessa notifica della cartella esattoriale, deducendo fatti estintivi relativi alla formazione del titolo (nella specie la prescrizione quinquennale del credito ai sensi della L. n. 335 del 1995, ex art. 3, commi 9 e 10), ha la funzione di recuperare l’impugnazione non potuta esercitare avverso la cartella, che costituisce presupposto indefettibile dell’avviso, e deve essere pertanto qualificata come opposizione all’esecuzione ex art. 615 c.p.c. e non come opposizione agli atti esecutivi” (Cass. n. 29294 del 2019; n. 22292 del 2019; n. 28583 del 2018; n. 594 del 2016);

17. premesso che l’opposizione all’esecuzione altro non è che un tipo di azione di accertamento negativo del credito (cfr., ad es., Cass. n. 12239 del 2007), si è sottolineato che “laddove l’opposizione ex art. 615 c.p.c. sia proposta in funzione recuperatoria dell’opposizione ex art. 24 non potuta esercitare per omessa notifica della cartella, la censura di mancata notifica della cartella non vale a negare l’esistenza di un titolo esecutivo ma esclusivamente a recuperare la tempestività dell’opposizione (come – appunto – segnala Cass. n. 28583 del 2018, cit.), ed è altresì funzionale all’eccezione di prescrizione (per negarne preventivamente l’interruzione), cioè pur sempre ad una questione inerente al merito della pretesa creditoria” (così Cass. n. 22292 del 2019; n. 29294 del 2019);

18. sulla differenza tra opposizione agli atti esecutivi e opposizione all’esecuzione si è chiarito come “la prima tende a paralizzare temporaneamente l’azione esecutiva o determinati atti esecutivi, mentre la seconda è volta a negarla in radice. La differenza è di notevole spessore: nel primo caso l’opponente riconosce l’altrui azione esecutiva, ma sostiene che non vi sia stato un regolare svolgimento del processo esecutivo per meri vizi formali degli atti di esecuzione e/o di quelli ad essa prodromici; ha un interesse (giuridicamente apprezzabile) a dolersene perchè vuole non già sottrarsi al pagamento del debito (che non nega), ma ai danni e alle spese ulteriori conseguenti all’altrui azione esecutiva e/o ai singoli atti in cui essa si estrinseca; nella seconda, invece, l’opponente nega a monte l’azione esecutiva o per inesistenza (originaria o sopravvenuta) del titolo esecutivo o perchè sostiene che esso abbia un contenuto diverso da quello preteso dal creditore o, ancora, perchè i beni staggiti (nell’esecuzione per espropriazione, oggi non rilevante) sono impignorabili. E poichè la qualificazione giuridica d’una domanda necessariamente postula l’individuazione dell’interesse ad agire che ne è a monte, nel caso in cui sia dedotta l’omessa notifica della cartella al fine di far valere fatti estintivi del credito, l’interesse del ricorrente è solo quello, in pratica, di negare di essere debitore (per sopravvenuta prescrizione, a suo dire, del credito);

19. a fronte della notifica di una intimazione di pagamento il contribuente può quindi proporre opposizione ai sensi dell’art. 615 c.p.c. con diverse finalità: in funzione recuperatoria dell’opposizione ex art. 24 cit. ove alleghi l’omessa notifica della cartella e faccia valere il decorso del termine (quinquennale) di prescrizione tra la data di maturazione del credito contributivo e l’intimazione, per l’assenza in tale intervallo di atti interruttivi (tale azione va proposta nel termine perentorio di 40 giorni dalla notifica dell’intimazione); oppure per far valere l’inesistenza del titolo esecutivo a monte (ad es. per mancata iscrizione a ruolo) e quindi per contestare il diritto della parte istante di procedere a esecuzione forzata (tale opposizione non è soggetta a termine di decadenza); ancora, per far valere fatti estintivi del credito successivi alla formazione del titolo e quindi alla notifica della cartella di pagamento, al fine di far risultare l’insussistenza del diritto del creditore di procedere a esecuzione forzata (anche in tal caso senza essere soggetto a termini di decadenza);

20. questa Corte con la sentenza n. 31282 del 2019 ha precisato: “Nelle ipotesi in cui…il debitore affermi che la cartella esattoriale non gli è stata notificata, può agire sulla base delle risultanze dell’estratto di ruolo ai sensi del D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24, recuperando l’azione preclusa a causa della mancata o irrituale notifica (così come ammesso da Cass. S.U. n. 7931 del 29/03/2013 e successive sentenze conformi); può anche proporre ex art. 615 c.p.c. la più generale azione di accertamento negativo del debito contributivo. Solo nel secondo caso, venendo in questione tutto il merito contributivo e non solo le questioni anteriori alla notifica della cartella, potrà procedersi all’accertamento del decorso del termine di prescrizione eventualmente maturato anche successivamente alla notifica della cartella che dovesse risultare ritualmente effettuata”;

21. le pronunce richiamate hanno ben delineato la diversa natura delle due azioni, opposizione ex art. 24 cit. e opposizione all’esecuzione ex art. 615 c.p.c., ciascuna retta da un distinto interesse ad agire, nonchè la possibilità di cumulo delle stesse, cioè di proposizione nel medesimo giudizio (cfr. Cass. n. 29294 del 2019; n. 31282 del 2019);

22. quanto agli oneri di allegazione, si è puntualizzato (Cass. n. 31282 del 2019) che “In materia contributiva, la prescrizione maturata successivamente alla notifica della cartella esattoriale può essere rilevata d’ufficio in ogni stato e grado del processo, a condizione che tale questione sia stata correttamente introdotta nel processo, in coerenza con il principio della domanda, e sia, quindi, pertinente al tema dell’indagine processuale così come ritualmente introdotto in giudizio; ne consegue che il ricorrente per cassazione, che si dolga della sua mancata valutazione ad opera del giudice di merito, ha l’onere di precisare in quali termini sia stata formulata la domanda inizialmente proposta, e se ed in che modo sia stato sollecitato il dibattito processuale su tale specifica questione” (cfr. anche Cass., sez. 6 n. 14135 del 2019);

23. nel procedimento oggi in trattazione, la parte ricorrente in primo e in secondo grado (i ricorsi sono stati puntualmente allegati) aveva eccepito la prescrizione quinquennale ed aveva allegato i dati relativi sia al tempo intercorso tra la maturazione dei crediti contributivi e l’intimazione di pagamento, sul presupposto della omessa notifica della cartella (pag. 2 del ricorso introduttivo di primo grado: “in assenza di una cartella di pagamento notificata al contribuente…l’intimazione di pagamento oggi impugnata assum(e) la veste di primo atto con il quale l’Ente impositore manifesta per la prima volta la propria pretesa punitiva. In tale guisa l’intimazione di pagamento notificata in data 5.8.2015 è il primo atto con il quale l’ente impositore richiede un contributo Inps dal 1995 al 2000 e quindi ben oltre il termine decadenziale previsto per legge”) e sia al termine ultraquinquennale decorso tra la “pretesa” notifica della cartella di pagamento e la notifica dell’atto di dell’intimazione: (pag. 1 del ricorso introduttivo di primo grado: “in data 5.8.2015 Equitalia Sud spa notificava…intimazione di pagamento…con la quale, sul presupposto della notifica della cartella esattoriale…. asseritamente effettuata in data 19.10.2005, preannunciava l’inizio dell’esecuzione forzata”; pag. 3: “nei quasi dieci anni intercorsi tra la presunta notifica della cartella esattoriale e la notifica dell’intimazione di pagamento, nessuna comunicazione è pervenuta all’odierna ricorrente”); identici rilievi erano contenuti nel ricorso in appello;

24. l’eccezione di prescrizione estintiva maturata nel periodo successivo alla “pretesa” notifica della cartella di pagamento è stata ampiamente articolata nel ricorso per cassazione;

25. la Corte d’appello ha respinto l’impugnazione rilevando che “se l’opponente si fosse limitato a chiedere l’accertamento dell’inesistenza del titolo esecutivo (per mancata notifica dell’atto presupposto) l’azione avrebbe potuto qualificarsi come opposizione all’esecuzione ex art. 615 c.p.c.”; ha aggiunto che “il contribuente non ha scelto di far valere la sola invalidità derivata dell’atto consequenziale per la mancata notificazione dell’atto presupposto ma ha impugnato l’atto successivo al fine di contestare nel merito la pretesa dell’ente impositore, chiamando il giudice a pronunciarsi sull’esistenza o meno di tale pretesa”; su tali premesse, ha ritenuto che “l’opponente, recuperando il mezzo di tutela, abbia introdotto una opposizione contro l’iscrizione a ruolo ai sensi del D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24 comma 6 e ss. per motivi inerenti il merito della pretesa contributiva, quali l’estinzione della medesima per…prescrizione”, risultata tardiva per mancato rispetto del termine perentorio di 40 giorni;

26. la Corte d’appello non ha respinto l’impugnazione ritenendo, in base ad una interpretazione degli atti processuali, che non fosse stata proposta la domanda volta all’accertamento di fatti estintivi successivi alla (asserita) notifica della cartella, ma ha qualificato la domanda (sebbene formalmente proposta con “ricorso ex artt. 615 e 618 bis c.p.c., e ss.”) unicamente ai sensi dell’art. 24 cit. solo perchè basata su motivi attinenti al merito; ciò sull’erroneo presupposto che unicamente l’opposizione prevista dal D.Lgs. n. 46 del 1999, e non anche l’opposizione all’esecuzione di cui all’art. 615 c.p.c., consentisse un accertamento negativo del credito, sia pure ciascuna in relazione a fatti estintivi verificatisi in momenti differenti;

27. per effetto di tale erronea qualificazione della domanda, i giudici d’appello hanno omesso di pronunciarsi sulla opposizione all’esecuzione ex art. 615 c.p.c. volta a far valere, in subordine e per l’ipotesi di avvenuta notifica della cartella nella data indicata nell’intimazione di pagamento, fatti estintivi del credito successivi a tale notifica (esattamente la prescrizione quinquennale in relazione alla quale erano stati allegati tutti i dati rilevanti) e finalizzata a far accertare l’insussistenza del diritto del creditore di procedere ad esecuzione forzata;

28. risulta quindi integrato il vizio di cui all’art. 112 c.p.c., dedotto, sia pure non formalmente a pagina 13 del ricorso per cassazione (“l’Autorità Giudiziaria, pur dichiarata inammissibile l’opposizione avverso il ruolo di cui alla cartella sottesa all’impugnata intimazione di pagamento, avrebbe dovuto dunque correttamente procedere all’esame dell’eccezione di prescrizione ai sensi dell’art. 615 c.p.c., al fine di verificare la dedotta prescrizione successiva delle somme richieste…maturatasi dopo la (contestata) notifica della cartella in oggetto”), per avere la Corte di merito, in conseguenza dell’erronea interpretazione degli atti processuali (domanda introduttiva di primo grado e ricorso in appello), omesso di pronunciarsi sulla domanda di accertamento negativo del credito contributivo per fatti estintivi (prescrizione) maturati successivamente alla “pretesa” notifica della cartella di pagamento (sulla possibilità di riqualificazione dell’erronea intitolazione del motivo di ricorso per cassazione, cfr. Cass. 2557 del 2017; n. Cass. 4036 del 2014);

29. è vero, come sottolineato dall’INPS nel controricorso, che l’interpretazione delle domande, eccezioni e deduzioni delle parti dà luogo ad un giudizio di fatto, riservato al giudice di merito, ma è altrettanto vero che tale principio non trova applicazione quando si denunci un vizio che sia riconducibile alla violazione del principio di corrispondenza tra il chiesto e il pronunciato oppure del principio del tantum devolutum quantum appellatum, trattandosi, in tale caso, della denuncia di un error in procedendo, in relazione al quale la Corte di cassazione ha il potere-dovere di procedere direttamente all’esame e all’interpretazione degli atti processuali (cfr. Cass. n. 25259 del 2017; n. 21421 del 2014; n. 17109 del 2009; cfr. anche S.U. n. 8077 del 2012);

30. per le ragioni esposte, il ricorso risulta fondato; deve infatti ritenersi che ove il ricorrente in opposizione a intimazione di pagamento eccepisca fatti estintivi del credito contributivo allegando i dati relativi al decorso del termine prescrizionale dalla data di maturazione del credito e fino alla notifica dell’atto di intimazione nonchè quelli relativi al decorso del termine prescrizionale in epoca successiva alla, sia pure contestata, notifica della cartella di pagamento, debbano ritenersi proposte due distinte domande ai sensi dell’art. 615 c.p.c., la prima in funzione recuperatoria della opposizione ai sensi del D.Lgs. n. 46 del 1999, ex art. 24 e la seconda come volta, in via subordinata, a far valere fatti estintivi del credito successivi alla notifica (ove accertata) della cartella, con conseguente obbligo di pronuncia su ciascuna di esse;

31. la sentenza impugnata che si è discostata da tali principi deve essere cassata e la causa rinviata alla medesima Corte d’appello, in diversa composizione, affinchè proceda ad un nuovo esame della fattispecie alla luce dei principi di diritto sopra richiamati, oltre che alla regolazione delle spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d’appello di Bari, in diversa composizione, anche per la regolazione delle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 6 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 2 settembre 2020

 

 

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA