Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18254 del 06/09/2011

Cassazione civile sez. II, 06/09/2011, (ud. 09/06/2011, dep. 06/09/2011), n.18254

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHETTINO Olindo – Presidente –

Dott. GOLDONI Umberto – Consigliere –

Dott. NUZZO Laurenza – rel. Consigliere –

Dott. MIGLIUCCI Emilio – Consigliere –

Dott. BERTUZZI Mario – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 31854-2005 proposto da:

S.M. (OMISSIS), A.M.

(OMISSIS), elettivamente domiciliati in ROMA, VIA ENNIO

QUIRINO VISCONTI 90, presso lo studio dell’avvocato MOLINARO LUCIO,

che li rappresenta e difende unitamente all’avvocato ASARA STEFANO;

– ricorrente –

contro

BRICK VENTURES SRL in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VLE DEI COLLI PORTUENSI 94, presso

lo studio dell’avvocato VITI ALFREDO, rappresentato e difeso

dall’avvocato QUARGNENTI EDOARDO MARIO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 431/2005 della CORTE D’APPELLO di CAGLIARI

sezione distaccata SASSARI, depositata il 24/08/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

09/06/2011 dal Consigliere Dott. LAURENZA NUZZO;

udito l’Avvocato MOLINARO Lucio, difensore dei ricorrenti che ha

chiesto l’accoglimento del ricorso;

udito l’Avvocato VITI Alfredo con delega depositata dell’Avvocato

QUARGNENTI Edoardo Mario, difensore del resistente che ha chiesto il

rigetto del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Libertino Alberto che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato il 5.5.1994 la Brick Ventures s.r.l.

proponeva opposizione avverso il decreto ingiuntivo, in data 31.3.1994, con cui il Presidente del Tribunale di Tempio Pausania le aveva intimato il pagamento di L. 44.750.280, oltre interessi e spese del procedimento, in favore di A.M. e S.M., titolari dello studio associato “Architekton”, somma dovuta quale residuo credito per onorari professionali riguardanti la progettazione di un complesso immobiliare in (OMISSIS). Deduceva la società opponente che il progetto eseguito dagli opposti non era realizzabile in quanto parte dell’edificio e la strada di scorrimento erano stati progettati ad una distanza dalla linea ferroviaria inferiore a quella (m. 30) prescritta dal D.P.R. n. 753 del 1980, art. 49;

in via riconvenzionale chiedeva, quindi, la condanna degli stessi professionisti alla restituzione della somma versata in acconto (L. 40.000.000) ed al risarcimento dei danni stante la nullità del contratto d’opera intellettuale, Si costituivano in giudizio gli opposti assumendo di aver proceduto alla redazione di tutti gli elaborati progettuali e di aver chiesto ed ottenuto l’autorizzazione in deroga al divieto stabilito da detta norma.

Con sentenza 8.1.2002 il Tribunale, in parziale accoglimento dell’opposizione, condannava gli opposti alla restituzione, in favore della opponente, della somma di Euro 43.769,878 (acconto e saldo versato in corso di causa) oltre alla rifusione dei 3/4 delle spese di lite che compensava per il restante quarto; rigettava,invece, la domanda riconvenzionale di risarcimento dei danni.

Avverso tale sentenza l’ A. e la S. proponevano appello cui resisteva la società appellata.

Con sentenza 14.1.2005 la Corte d’appello di Cagliari, sez. dist. di Sassari, rigettava l’appello condannando gli appellanti al pagamento delle spese processuali.

Osservava la Corte di merito che, al di là dell’autorizzazione in deroga, dall’esame degli elaborati tecnici (redatti nel dicembre 1991 e, quindi, prima del rilascio dell’autorizzazione in deroga concessa dalla FF.SS. il 30.11.1992) emergeva la non corrispondenza dell’opera progettata a quella autorizzata in quanto, mentre il fabbricato progettato (su cinque piani fuori terra) aveva un’altezza di m. 15, l’autorizzazione in deroga ne stabiliva un’altezza massima di m. 14, il che comportava la inutilizzabilità del progetto e la necessità di predisporne uno nuovo che prevedesse la eliminazione di un piano e una diversa distribuzione dei volumi.

Proponevano ricorso per cassazione avverso tale decisione A. M. e S.M., sulla base di due motivi.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

I ricorrenti denunciano:

1) violazione dell’art. 112 c.p.c. e illogicità, contraddittorietà ed insufficienza della motivazione in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5; la Corte d’Appello,e prima ancora il Tribunale, aveva giudicato su un fatto diverso da quello che la Brick Ventures s.r.l.

aveva posto a fondamento dell’opposizione a decreto ingiuntivo, pronunciando “ultra petita”; in particolare, mentre detta società aveva dedotto la nullità del contratto concluso fra le parti per difetto del Nulla Osta delle FF.SS., i giudici di merito avevano ritenuto provata la non corrispondenza dell’opera progettata a quella autorizzata; 2) illogicità, contraddittorietà e insufficienza della motivazione in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, laddove la Corte di merito, dopo aver affermato che sia il progetto che l’autorizzazione in deroga concessa dalle FF.SS. il 30.11.92 riguardavano la medesima opera, aveva poi concluso, contraddittoriamente e senza congrua motivazione, che le opere erano diverse in quanto l’altezza dell’opera autorizzata aveva un’altezza di m. 14 mentre l’altezza del fabbricato, risultante dagli elaborati progettuali, era di m. 15, non tenendo conto che il testo dell’autorizzazione delle FF.SS. faceva riferimento alla progettazione dell’ing. A..

Il primo motivo di ricorso è infondato.

Deve, infatti, escludersi che il giudice di appello abbia violato il principio di corrispondenza fra il chiesto ed il pronunciato, ex art. 112 c.p.c., avendo preso in esame la causa pretendi ed il petitum posti dalla società opponente a fondamento dell’opposizione, vale a dire la irrealizzabilità del progetto eseguito dagli opposti stante l’espresso divieto di legge previsto dal D.P.R. n. 753 del 1980 in materia di distanza delle costruzioni dalle linee ferroviarie. Al riguardo la Corte territoriale ha rilevato, con congrua e logica motivazione,che rientrava nei poteri del Tribunale qualificare il fatto dedotto dagli opponenti come ipotesi di inadempimento contrattuale, anzichè come ipotesi di nullità del contratto per impossibilità o illiceità dell’oggetto e che tanto non comportava alcuna violazione dei limiti della “causa pretendi” e del “petitum”.

Va ribadito sul punto, in aderenza alla giurisprudenza della S.C. (Cass. n. 2830/01), che il vizio di ultra o extrapetizione ricorre solo quando il giudice pronuncia oltre i limiti delle pretese e delle eccezioni fatte valere dalle parti ovvero su questioni estranee all’oggetto del giudizio e non rilevabili d’ufficio, ipotesi non ricorrente nella specie, avuto riguardo alla valutazione del giudice di merito sulla non conformità normativa del progetto in questione nonchè sulla “non corrispondenza dell’opera progettata a quella successivamente autorizzata dalle FF.SS. il 30.11.92, con riferimento all’altezza dell’immobile, desunta dall’esame degli elaborati progettuali redatti prima del rilascio di detta autorizzazione delle FF.SS.; la conseguente irrealizzabilità del progetto, costituendo inadempimento dell’incarico professionale, consentiva, quindi, al committente di rifiutare il compenso (Cass. n. 6812/98; n. 11728/2002). Del pari infondata è la seconda censura riguardante detta valutazione del giudice di merito, immune da vizi di illogicità o contraddittorietà e che si risolve, quindi, in una censura di fatto non consentita in sede di legittimità.

Il ricorso deve, pertanto, essere rigettato. Consegue la condanna dei ricorrenti in solido al pagamento delle spese processuali, liquidate come da dispositivo.

PQM

Rigetta il ricorso e condanna i ricorrenti in solido al pagamento delle spese processuali che liquida in complessivi Euro 2.400,00 di cui Euro 200,00 per spese.

Così deciso in Roma, il 9 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 6 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA