Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18222 del 24/07/2017

Cassazione civile, sez. I, 24/07/2017, (ud. 10/02/2017, dep.24/07/2017),  n. 18222

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI PALMA Salvatore – Presidente –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

N.G., elettivamente domiciliato in Roma, via Francesco De

Sanctis 15 presso lo studio legale Polese di cui l’avv. Maria Elena

De Stefano (mariaelenadestefano-ordineavvocatiroma.org) si designa

sostituto processuale, rappresentato e difeso, giusta procura

speciale a margine del ricorso, dall’avv. Carlo Zauli che dichiara

di voler ricevere le comunicazioni di legge ai seguenti recapiti:

p.e.c. carlo.zauli-ordineavvocatiforlicesena.eu, fax n. 0543/33494;

– ricorrente –

nei confronti di:

M.R.;

– resistente –

avverso la sentenza n. 1097/14 della Corte d’appello di Bologna

emessa in data 11 aprile 2014 e depositata in data 8 maggio 2014,

R.G. n. 2247/13;

sentito il Pubblico Ministero in persona del sostituto procuratore

generale dott. Ceroni Francesca, che ha concluso per l’accoglimento

del ricorso per quanto di ragione.

Fatto

RILEVATO

che:

1. Il Tribunale di Forlì, con sentenza n. (OMISSIS), ha dichiarato la cessazione degli effetti civili del matrimonio contratto da N.G. e M.R. e imposto al N. un contributo mensile di 300 Euro al mantenimento delle figlie maggiorenni ma non ancora autosufficienti economicamente.

2. Ha proposto appello il N. deducendo il peggioramento delle proprie condizioni economiche derivato dal suo licenziamento e il raggiungimento dell’indipendenza economica da parte delle figlie.

3. La Corte di appello di Bologna, con sentenza n. 1097/14, ha respinto l’appello rilevando che il licenziamento del N. è avvenuto dopo la pronuncia di cessazione degli effetti civili del matrimonio e non può pertanto essere preso in considerazione mentre la situazione lavorativa delle figlie risulta tutt’altro che stabile e inidonea a comprovare il raggiungimento di una adeguata capacità lavorativa e di una minima autonomia economica.

4. Ricorre per cassazione il N. affidandosi a 15 motivi di ricorso.

5. M.R. non svolge difese.

Diritto

RITENUTO

che:

1. Il ricorso è inammissibile perchè non risulta documentata la ricezione della notifica effettuata a mezzo posta (cfr. Cass. civ. Sezioni Unite n. 627 del 14 gennaio 2008). Nessuna statuizione va emessa sulle spese processuali di questo giudizio.

PQM

 

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Dispone che in caso di diffusione del presente provvedimento siano omesse le generalità e gli altri dati identificativi a norma del D.Lgs. n. 196 del 2003, art. 52.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente principale dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 10 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 24 luglio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA