Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18191 del 24/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 24/07/2017, (ud. 06/04/2017, dep.24/07/2017),  n. 18191

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAMMONE Giovanni – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – rel. Consigliere –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 24782-2011 proposto da:

I.N.A.I.L. – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI

INFORTUNI SUL LAVORO, C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

IV NOVEMBRE 144, presso lo studio dell’avvocato LORELLA FRASCONA’,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato GIANDOMENICO

CATALANO, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

ASFALTI & BITUMI DI C. & G., S.R.L. P.I. (OMISSIS),

in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA ANTONIO GRAMSCI 14, presso lo studio

dell’avvocato FEDERICO HERNANDEZ, rappresentata e difesa

dall’avvocato ALESSANDRO GARILLI, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 362/2010 della CORTE D’APPELLO di

CALTANISSETTA, depositata il 11/10/2010 R.G.N. 634/2008;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

06/04/2017 dal Consigliere Dott. ENRICA D’ANTONIO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MATERA Marcello, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso per

quanto di ragione; udito l’Avvocato CATALANO GIANDOMENICO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

La Corte d’appello di Caltanissetta ha confermato la sentenza del Tribunale con cui il primo giudice aveva accolto l’opposizione alle cartelle esattoriali, emesse su istanza dell’Inail in base ai verbali ispettivi del 9 marzo 2001 e del 9 maggio 2002, proposta dalla società Asfalti e Bitumi di C. &G srl, nei limiti della prescrizione quinquennale.

La Corte territoriale, premesso che correttamente era stato applicato il termine di prescrizione quinquennale di cui alla L. n. 335 del 1995, ha ritenuto che dai rapporti di presenza acquisiti presso lo stabilimento petrolchimico di (OMISSIS), nonchè dalle risultanze dei verbali di accertamento, non risultavano dimostrati i fatti costitutivi posti a base dell’Istituto per le richieste contributive.

Ha affermato, infatti,con riferimento alle contestazioni dell’ Inail in base alle quali i lavoratori,pur in cassa integrazione, avevano svolto attività lavorativa nonchè ore di lavoro in eccedenza rispetto a quelle registrate a busta paga, che doveva ritenersi insufficiente il richiamo alle indicazioni sulle presenze di personale contenute nei rapporti di presenza, acquisiti presso lo stabilimento, non provenienti dal datore di lavoro e non rivestendo valenza confessoria; nè essendo sufficienti le dichiarazioni rese dall’ispettore, nè tanto meno le divergenze tra le dichiarazioni rese dalla società all’Inail rispetto a quelle rese all’Inps.

Avverso la sentenza ricorre l’Inail con un motivo ulteriormente illustrato con memoria ex art. 378 c.p.c.. Resiste con controricorso la società.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Il ricorrente denuncia vizio di motivazione, mancato esame di un punto decisivo della controversia e del precedente specifico tra le stesse parti, di uno dei motivi di ricorso di appello con conseguente violazione dell’art. 112 c.p.c. in relazione agli art. 360 c.p.c., nn. 4 e 5.

Osserva che la Corte aveva deciso in modo diametralmente opposto rispetto ad un precedente specifico della stessa Corte di cui non aveva tenuto conto, sebbene richiamato nelle note depositate dall’Inail; nè aveva esaminato le ingiustificate discordanze tra quanto dichiarato dalla società all’Inail e quanto dichiarato all’Inps, come accertato dagli ispettori, circostanza già di per sè prova dell’omissione contributiva. Lamenta, infine, l’erronea valutazione del verbale ispettivo sotto il profilo probatorio nonchè delle dichiarazioni rese dagli ispettori sottolineando la totale carenza della motivazione.

Il ricorso va dichiarato inammissibile.

L’unico motivo, nelle sue articolazioni, è formulato in violazione delle regole previste dal codice di rito per la proposizione del ricorso in cassazione.

Va, infatti, rilevato, con riferimento alla censura di nullità della sentenza ex art. 360 c.p.c., n. 4 per violazione dell’art. 112 c.p.c., che il ricorso per cassazione, avendo ad oggetto censure espressamente e tassativamente previste dall’art. 360 c.p.c., comma 1, deve essere articolato in specifici motivi riconducibili in maniera immediata ed inequivocabile ad una delle cinque ragioni di impugnazione stabilite dalla citata disposizione (cfr tra le tante Cass 8585/2012, n 18202/2008).

Nella fattispecie non è configurabile il vizio denunciato per avere la Corte d’appello disatteso un proprio precedente favorevole all’Istituto, nè tantomeno la nullità della sentenza può essere affermata per non avere la Corte spiegato le ragioni del proprio operato. La nullità della sentenza denunciabile in cassazione per violazione del principio della necessaria corrispondenza tra ciò che viene chiesto e il contenuto della pronuncia è configurabile in caso di omessa pronuncia da parte dell’impugnata sentenza i in ordine ad una delle domande o eccezioni proposte dalla parte e non già semplicemente su una delle tante argomentazioni difensive della parte. Sotto tale profilo la denuncia di nullità della sentenza risulta inammissibile..

E’, altresì, inammissibile il ricorso nella parte in cui è denunciata l’omessa pronuncia circa le difformità tra quanto denunciato dalla società all’Inps e quanto denunciato all’Inail. A riguardo, infatti, non può che rilevarsi come la Corte d’appello abbia espressamente escluso che la prova del credito dell’Istituto non può essere presunta “dalla riferita discordanza tra le dichiarazioni rese all’Inail rispetto a quelle rese all’Inps stante la genericità del rilievo “. A prescindere dunque che la Corte ha fornito una motivazione, nessuna nullità della sentenza e violazione dell’art. 112 c.p.c. è configurabile anche in tale fattispecie non riconducibile al vizio denunciato.

Il ricorso è inammissibile anche sotto il profilo del denunciato vizio di motivazione ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5. L’Istituto, infatti,nel ribadire che i verbali ispettivi facevano piena prova della sussistenza del debito contributivo della società, non ne riporta il contenuto quanto meno nei suoi tratti salienti e, soprattutto, non espone gli accertamenti istruttori effettuati dagli ispettori idonei ad escludere la fondatezza di quanto affermato dalla Corte d’appello e dunque, le censure non colgono la ratio decidendi della decisione impugnata.

La Corte territoriale ha affermato, infatti, che l’Inail non aveva provato i fatti costitutivi da cui sarebbe scaturita la sua pretesa e che cioè i lavoratori, pur se in cassa integrazione, avevano svolto attività lavorativa o ore di lavoro in eccedenza non registrate in libro paga. Secondo la Corte, infatti, erano insufficienti le indicazioni sulla presenza del personale contenute nei rapporti di presenza acquisiti presso lo stabilimento senza alcuna dimostrazione che i predetti rapporti attestassero l’effettiva presenza dei dipendenti all’interno dello stabilimento e l’effettiva prestazione di attività lavorativa.

Secondo la Corte, inoltre, il richiamo alle dichiarazioni dell’ispettore non era dirimente in quanto il teste si era limitato a confermare il verbale ispettivo. E poichè parte ricorrente non ha punto censurato tali affermazione, limitandosi a ribadire il valore probatorio dei verbali ispettivi, non rinvenendosi in ricorso alcuna compiuta argomentazione circa i rilievi svolti dalla Corte in ordine al valore probatorio dei rapporti di presenza, non può che darsi continuità al principio secondo cui la proposizione con il ricorso per cassazione di censure prive di specifica attinenza al decisum della sentenza impugnata comporta l’inammissibilità del motivo di ricorso, non potendo quest’ultimo essere configurato quale impugnazione rispettosa del canone di cui all’art. 366 c.p.c., n. 4 (v. in tal senso Cass. n. 17125 del 2007).

Quanto al valore probatorio della sentenza di questa Corte n 9704/2013 – che ha confermato una sentenza della Corte d’appello tra le stesse parti con cui è stata rigettata l’opposizione alla cartella proposta dalla società -, va rilevato, da un lato, come riconosciuto dallo stesso Inail,che detto precedente non costituisce giudicato poichè relativo a periodi contributivi diversi. Dall’altro lato deve rilevarsi che, come emerge dalla sentenza di questa Corte citata, la Corte d’appello aveva deciso all’esito di accertamenti che non sono riportati nel presente giudizio nel quale non si conosce neppure il tipo di accertamenti svolto dagli ispettori.

Per le considerazioni che precedono il ricorso deve essere dichiarato inammissibile con condanna dell’Istituto a pagare le spese del presente giudizio.

PQM

 

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna l’Inail a pagare le spese del presente giudizio liquidate in Euro 100,00 per esborsi ed Euro 2.800,00 per compensi professionali, oltre 15% per spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 6 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 24 luglio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA