Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 18175 del 01/09/2020

Cassazione civile sez. lav., 01/09/2020, (ud. 30/06/2020, dep. 01/09/2020), n.18175

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIA Lucia – rel. Presidente –

Dott. TORRICE Amelia – Consigliere –

Dott. DI PAOLANTONIO Annalisa – Consigliere –

Dott. MAROTTA Caterina – Consigliere –

Dott. TRICOMI Irene – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 24535-2014 proposto da:

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE, in persona del legale

rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dall’AVVOCATURA

GENERALE DELLO STATO presso i cui Uffici domicilia in ROMA, ALLA VIA

DEI PORTOGHESI 12;

– ricorrente –

contro

C.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA COLLI

ALBANI 170, presso lo studio dell’avvocato MARIANNA CONTALDO,

rappresentato e difeso dall’avvocato IURI CHIRONI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1799/2014 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 04/07/2014 r.g.n. 1409/2013.

 

Fatto

RILEVATO IN FATTO E DIRITTO

che con sentenza in data 4 luglio 2014 la Corte d’appello di Lecce accoglie l’appello di C.G. avverso la sentenza del locale Tribunale in data 6 dicembre 2012 e, per l’effetto, dichiara il diritto del C. al riconoscimento dell’intera anzianità di servizio maturata dal 30 dicembre 2002 e condanna l’INFN – Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, al pagamento delle relative differenze retributive, oltre interessi legali o rivalutazione monetaria dal dovuto al saldo;

che avverso tale sentenza l’INFN, rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, ha proposto ricorso affidato a tre motivi, al quale ha opposto difese C.G., con controricorso;

che in prossimità della odierna adunanza camerale l’INFN ha depositato copia dell’atto di rinuncia al presente ricorso, notificato a C.G.;

che la rinuncia al ricorso notificata alla controparte, anche se da questa non accettata, comporta l’estinzione del processo ai sensi degli artt. 390 e 391 c.p.c. e la conseguente compensazione delle spese del giudizio di cassazione;

che non sussistono le condizioni di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater perchè la norma non può trovare applicazione nei confronti di quelle parti che, come le Amministrazioni dello Stato, mediante il meccanismo della prenotazione a debito siano istituzionalmente esonerate, per valutazione normativa della loro qualità soggettiva, dal materiale versamento del contributo (v. Cass., Sez. Un., n. 9938/2014; Cass. n. 1778/2016; Cass. n. 28250/2017) inoltre la suddetta disposizione non è applicabile “in caso di rinuncia al ricorso per cassazione in quanto tale misura si applica ai soli casi – tipici – del rigetto dell’impugnazione o della sua declaratoria d’inammissibilità o improcedibilità e, trattandosi di misura eccezionale, lato sensu sanzionatoria, è di stretta interpretazione e non suscettibile, pertanto, di interpretazione estensiva o analogica” (v. Cass. n. 23175/2015; Cass. n. 19071/2018).

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio. Spese compensate.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 30 giugno 2020.

Depositato in Cancelleria il 1 settembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA