Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1817 del 27/01/2020

Cassazione civile sez. VI, 27/01/2020, (ud. 12/12/2019, dep. 27/01/2020), n.1817

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. CIGNA Mario – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – rel. Consigliere –

Dott. VINCENTI Enzo – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 35660-2018 proposto da:

D.P.F., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA TOMMASO

SALVINI 55, presso lo studio dell’avvocato PAOLO DE SANCTIS

MANGELLI, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

ASSICURAZIONI GENERALI SPA, D.E.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 9998/2018 del TRIBUNALE di ROMA, depositata il

16/05/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/12/2019 dal Consigliere Relatore Dott. SCRIMA

ANTONIETTA.

Fatto

CONSIDERATO

che:

D.P.F. convenne in giudizio, innanzi al Giudice di pace di Roma, D.E. e Assicurazioni Generali S.p.a. chiedendone la condanna, in solido, al risarcimento dei danni subiti nel sinistro stradale avvenuto in Roma, in data (OMISSIS), nonchè alle spese sostenute per l’attività di assistenza e consulenza tecnica stragiudiziale; rappresentò il D.P. che, nelle circostanze di tempo e di luogo predette, mentre era alla guida del proprio veicolo Mercedes E 200, targato (OMISSIS) e assicurato con la Cattolica Assicurazioni, la sua auto era stata urtata dal veicolo Volkswagen Golf, targato (OMISSIS), di proprietà del D., da questi condotto e assicurato con Assicurazioni Generali S.p.a.;

i convenuti non si costituirono; si costituì, invece, la Società Cattolica di Assicurazioni coop. a r.l., dichiarandosi mandataria di Assicurazioni Generali S.p.a.;

Il Giudice di pace adito, con ordinanza n. 58/2018, rigettò la domanda e compensò le spese;

avverso tale decisione il D.P. propose appello, cui resistette soltanto Società Cattolica di Assicurazione coop. a r.l.;

il Tribunale di Roma, con sentenza n. 9998/18, pubblicata il 16 maggio 2018, dichiarò il difetto di legittimazione passiva della Società Cattolica di Assicurazione coop. a r.l., mai citata in giudizio in primo grado dal D.P.; dichiarò il D. responsabile in via esclusiva in merito al sinistro de quo; condannò il D., in solido con Assicurazioni Generali S.p.a. a corrispondere all’appellante il complessivo importo di Euro 250,00, oltre interessi legali a decorrere dalla pubblicazione di quella sentenza fino al soddisfo, a titolo di rimborso spese sostenute dall’attore per l’attività di assistenza stragiudiziale; compensò tra le parti la metà delle spese di entrambi i gradi di giudizio e condannò il D., in solido con Assicurazioni Generali S.p.a., a rifondere all’appellante la restante parte;

avverso la sentenza del Tribunale D.P.F. ha proposto ricorso per cassazione, basato su tre motivi, nei confronti di Assicurazioni Generali S.p.a. e D.E.;

gli intimati D. e Assicurazioni Generali S.p.a. non hanno svolto attività difensiva in questa sede;

la proposta del relatore è stata ritualmente comunicata, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c..

Diritto

RILEVATO

che:

il contraddittorio non è integro, in difetto di notifica del ricorso nei confronti della Società Cattolica di Assicurazione coop. a r.l.;

ritenuto che:

debba, pertanto, essere disposta l’integrazione del contraddittorio, ai sensi dell’art. 331 c.p.c., nei confronti della società cooperativa da ultimo indicata.

P.Q.M.

La Corte ordina l’integrazione del contraddittorio nei confronti di Società Cattolica di Assicurazioni coop. a r.l., assegnando all’uopo al ricorrente il termine di giorni 60 dalla comunicazione della presente ordinanza, e rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile – 3 della Corte Suprema di Cassazione, il 12 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 27 gennaio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA